mercoledì 2 novembre 2011

Fukushima, rischio di nuova fissione nucleare al reattore 2

L'Agenzia nipponica per la sicurezza nucleare sta effettuando verifiche per accertare se effettivamente sia in corso una fissione nucleare nel reattore 2 della centrale di Fukushima. L'ipotesi è nata dopo la rilevazione di isotopi di xenon, che sono generalmente il segnale di una fissione in corso. Per controllarla, la Tepco ha iniziato a iniettare acido borico nel reattore. Nel dettaglio la provenienza di gas dall'interno del reattore indica la presenza di Xenon radioattivo, possibile effetto della fissione nucleare. L'acido borico, solitamente utilizzato per controllare le reazioni nucleari, è stato iniettato attraverso un tubo di raffreddamento come contromisura, benché non sia ancora chiaro se sia avvenuta effettivamente la fissione. Secondo quanto riferisce la Tepco, non si è per ora verificato un aumento della temperatura del reattore, né dei livelli di pressione o di radiazioni. "Abbiamo la conferma che il reattore è stabile e non crediamo che questo possa avere alcun impatto sul nostro lavoro futuro", ha detto il portavoce della Tepco, Osamu Yokokura. Stando sempre al portavoce, all'esterno dell'impianto di Fukushima non è stata comunque individuata alcuna perdita radioattiva. Per lo smantellamento e la messa in totale sicurezza dell'impianto saranno necessari almeno 30 anni.

Fonte: Tgcom
Foto dal web

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...