venerdì 30 novembre 2012

Disoccupazione record: quasi 2,9 milioni di italiani sono senza lavoro

A ottobre 2012 gli occupati sono 22 milioni 930 mila, sostanzialmente stabili rispetto a settembre. Su base annua si registra un calo dello 0,2% (-45 mila unità). Il tasso di occupazione è pari al 56,9%, in aumento di 0,1 punti percentuali nel confronto congiunturale, invariato rispetto a dodici mesi prima. Il numero di disoccupati, pari a 2 milioni 870 mila, aumenta del 3,3% rispetto a settembre (+93 mila unità). La crescita della disoccupazione riguarda sia la componente maschile sia quella femminile. Su base annua si registra una crescita del 28,9% (+644 mila unità). Il tasso di disoccupazione si attesta all'11,1%, in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto a settembre e di 2,3 punti nei dodici mesi. Tra i 15-24enni le persone in cerca di lavoro sono 639 mila e rappresentano il 10,6% della popolazione in questa fascia d'età. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, ovvero l'incidenza dei disoccupati sul totale di quelli occupati o in cerca, è pari al 36,5%, in aumento di 0,6 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 5,8 punti nel confronto tendenziale. Il numero di individui inattivi tra i 15 e i 64 anni diminuisce dello 0,7% rispetto al mese precedente (-95 mila unità). Il tasso di inattività si attesta al 36,0%, in diminuzione di 0,2 punti percentuali in termini congiunturali e di 1,5 punti su base annua. 

Fonte: Istat
Foto dal web

Maltempo: week-end piovoso, da lunedì arriva il primo gelo invernale

Dopo le piogge di questi giorni, in arrivo sull'Italia un impulso di aria polare che provocherà un graduale ma deciso calo termico. Le temperature cominceranno a scendere specialmente al Centro-Sud e sull'alto Adriatico: sarà soprattutto nel fine settimana che le temperature scenderanno di 5-10 gradi, ma in particolare da lunedì assaporeremo il primo vero freddo invernale su tutto il Paese, con le prime gelate al Nord. Il fine settimana, dicono gli esperti di Epson Meteo, sarà comunque caratterizzato da una marcata instabilità. Ci saranno ancora piogge sparse e localmente anche intense (fenomeni comunque intermittenti) su Emilia Romagna, Marche, Toscana, Umbria e Isole. Avremo anche qualche spruzzata di neve sull'Appennino Emiliano e schiarite a Nordovest. Le temperature caleranno progressivamente in tutta Italia, ma al Nord, già da sabato, si registreranno valori minimi vicini allo zero. Domenica è previsto un progressivo peggioramento per l'arrivo di una nuova perturbazione, la prima di dicembre, un fronte perturbato di provenienza Nordatlantica. Avremo così piogge su bassa Toscana, Campania,Calabria. Fenomeni intermittenti sul versante Adriatico, più soleggiato a Nordovest. Neve sull'Appennino settentrionale a partire dai 500 metri. Temperature in ulteriore calo e venti sostenuti lungo le coste.

Fonte: TMNews
Foto dal web

Germania/ zoofilia legale dal 1969, Bundestag vuole vietarla: proteste

Le autorità tedesche vogliono vietare la zoofilia, con l'introduzione di un emendamento alla legge sulla protezione degli animali (TierSchG), che imporrà una multa di 25.000 € per coloro che hanno rapporti sessuali con i loro animali domestici. Ma il governo tedesco deve affrontare le proteste della comunità zoofila tedesca, che secondo le stime, conta più di 100.000 persone. La zoofilia è legale in Germania dal 1969, e le associazioni protezione degli animali hanno lottato negli ultimi anni per vietare tali pratiche, anche se gli zoofili credono che ci sia nulla di male nel fare sesso con i loro animali, anziché accusare altre violazioni dei diritti degli animali nella ricerca farmaceutica, scrive Spiegel. "Il governo vuole vietare l'uso di animali in attività personali o sessuali ordinate   per comportarsi in modo non appropriato alla specie a cui appartengono", ha detto il presidente della commissione per l'agricoltura Bundestag, Hans-Michael Goldmann. In risposta, i rappresentanti della comunità zoofila hanno detto che agiranno in giudizio per contrastare tale decisione. "Prenderemo azioni legali. Vediamo gli animali come partner e non come un mezzo per soddisfare. Non li costringiamo a fare nulla. La gente ha cercato di creare la falsa opinione che facciamo del male agli animali " , ha detto Michael Kiok, leader di Zeta (Attivisti zoofili per la tolleranza e l'informazione).

Via: Mediafax
Foto dal web

La Palestina entra all'Onu, ma pace lontana: festa a Ramallah - video

L'Assemblea Generale dell'Onu con 138 voti a favore, 9 contro e 41 astensioni, ha approvato con una risoluzione l'ingresso della Palestina come stato "osservatore". Il voto è stato preceduto da un lungo e applauditissimo discorso del presidente palestinese Abu Mazen che ha chiesto il "certificato di nascita" dello Stato palestinese. "Il nostro obiettivo - ha detto il presidente - è quello di ridare vita ai negoziati di pace e gettare le basi per una forte soluzione internazionale". Molto dura la posizione di Israele, espressa dall'ambasciatore Ron Prosor. "Signor presidente - ha detto - questa risoluzione non fa avanzare il progetto di pace. Questa risoluzione non cambierà la situazione sul campo". Critici anche gli Stati Uniti, contrari all'accettazione della Palestina nel consesso del Palazzo di Vetro. "La sfortunata e controproducente risoluzione di oggi - ha detto l'ambasciatrice americana Susan Rice - porta ulteriori ostacoli sul cammino della pace. Per questo gli Stati Uniti hanno votato contro". "La pace ha bisogno di decisioni coraggiose" e "la votazione odierna manifesta il sentire della maggioranza della comunità internazionale". Lo afferma una nota diffusa dal portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi. Scene di festa con musiche e bandiere per le strade di Ramallah, in Cisgiordania.




Via: TMNews

Mafia, sequestrati i beni del cognato di Matteo Messina Denaro - video

Il cerchio intorno al superlatitante Matteo Messina Denaro si stringe sempre di più, anche sotto il profilo dell'aggressione ai patrimoni a lui riconducibili. La Direzione investigativa antimafia di Trapani, infatti, ha sequestrato aziende,

giovedì 29 novembre 2012

Sanità: Federfarma, da farmacie plauso a Nas per prezioso impegno

Al Comando dei Carabinieri dei Nas guidato dal Generale Cosimo Piccinno, insignito oggi della Medaglia d’Oro al Merito della Sanità Pubblica, va tutto il plauso delle farmacie italiane per il prezioso impegno a difesa della salute dei cittadini. Lo afferma il presidente di Federfarma Annarosa Racca, in occasione della cerimonia per il 50° anniversario dell’istituzione dei Nas, che si è svolta oggi a Roma. "Contraffazione dei farmaci e doping sono piaghe diffuse a livello mondiale, ma nel nostro Paese, proprio grazie alla professionalità e alla preparazione dei Nuclei Anti-Sofisticazione dell’Arma dei Carabinieri, sono stati compiuti enormi passi nella lotta volta a debellare questi fenomeni. Anche le farmacie danno il proprio contributo concreto alla lotta contro la contraffazione collaborando con le Istituzioni sanitarie responsabili dei controlli e della sensibilizzazione sui rischi connessi all'acquisto di farmaci contraffatti, che dilaga on line". I farmaci venduti in farmacia, al contrario, sono sempre sicuri perché provengono da una filiera controllata. Le 18.000 farmacie italiane garantiscono il massimo controllo e il ritiro immediato di qualsiasi prodotto che dovesse rivelarsi pericoloso per la salute, offrono ai cittadini tutte le garanzie e  la professionalità necessarie per acquistare farmaci in assoluta sicurezza.

Fonte: Federfarma
Via: ASCA

Aids: in Italia 5,8 nuovi casi Hiv su 100mila residenti, 1 su 3 straniero

Nel 2011 in Italia sono stati diagnosticati 5,8 nuovi casi di positività all'HIV ogni 100.000 residenti e nel 75% si tratta di maschi. Mentre nel 2001 il numero di uomini diagnosticati era il doppio rispetto a quello delle femmine, nel 2011 è diventato il triplo. L'età media è di 38 anni per gli uomini e di 34 anni per le femmine. Sono i dati resi noti dal Centro Operativo Aids (Coa) dall'Iss in occasione della giornata mondiale di lotta contro l'Aids che si celebra sabato 1 dicembre. Quasi 1 persona su 3 diagnosticate come Hiv positiva è di nazionalità straniera. L'incidenza è infatti di 3,9 nuovi casi Hiv per 100.000 italiani residenti e 21 nuovi casi Hiv per 100.000 stranieri residenti. E più della metà dei casi segnalati con una nuova diagnosi di Hiv era già in fase avanzata di malattia. La sorveglianza delle nuove diagnosi di infezione è stata attivata in tutte le regioni italiane grazie alla collaborazione intercorsa tra Coa, regioni e ministero della Salute. Nel 2011 l'incidenza più bassa è stata osservata in Calabria e quella più alta in Valle d'Aosta. In alcune aree però, quelle di Bolzano, Sassari, Valle d'Aosta, Umbria, Sicilia, appare in aumento. Nel 2011 continua a crescere la quota di nuove infezioni attribuibili a rapporti sessuali non protetti, che costituiscono il 78,8% di tutte le segnalazioni (eterosessuali 45,6%; MSM 33,2%).

Via: TMNews

Rapine e furti a gioiellerie e istituti di credito, fermata banda - video

Gli agenti della Squadra mobile di Reggio Calabria hanno arrestato 8 persone indiziate di far parte del gruppo criminale che ha effettuato diversi colpi in Calabria e Sicilia. Sono accusati di associazione per delinquere finalizzata alle rapine e furti di gioiellerie e istituti bancari, nonché di porto e detenzione abusiva di armi. L'indagine, denominata "Rolex", è durata circa un anno ed ha preso il via dalla rapina effettuata a Siracusa la notte tra il 6 e 7 febbraio 2011. I malviventi agirono con relativa calma in quanto avevano tagliato il cavo telefonico che collegava l'allarme al 113 e ad asportare l'hard-disk con le immagini delle telecamere di sicurezza. Non avevano tenuto conto però delle riprese dei sistemi di sorveglianza dei vicini esercizi commerciali, che hanno permesso di individuare alcuni dei responsabili. Dalle intercettazioni telefoniche e ambientali gli investigatori riuscirono a capire che la banda stava per colpire ancora, e infatti il 14 marzo 2011 fu assaltata una banca di Reggio Calabria. Ma gli agenti riuscirono ad arrestare in flagranza 4 componenti dell'organizzazione, tra i quali il leader. In seguito gli investigatori hanno individuato un secondo gruppo composto da altri membri della stessa banda che avevano rapinato due gioiellerie, una a Reggio Calabria e l'altra a Milazzo.


Via: Polizia di Stato
Immagini: Newz

Mafia, confiscati beni per 1,2 mln a imprenditore agrigentino - video

Beni per oltre 1,2 milioni di euro sono stati confiscati dalla Direzione investigativa antimafia di Agrigento all'imprenditore Giuseppe Capizzi, 46 anni, indicato come elemento di spicco della mafia agrigentina. In particolare Capizzi appartiene alla famiglia mafiosa di Ribera, e suo padre, Simone, è stato condannato all'ergastolo per l'omicidio del maresciallo dei carabinieri Giuliano Guazzelli, commesso nel 1992. Guazzelli era stato incaricato dal procuratore di Agrigento di indagare sulla partecipazione dell'onorevole Calogero Mannino al matrimonio del figlio del boss di Siculiana, Gerlando Caruana. I beni confiscati comprendono un'impresa agricola, appezzamenti di terreno, un fabbricato e un negozio di abiti da cerimonia. Giuseppe Capizzi attualmente è detenuto per una condanna definitiva. L'uomo, inoltre, sarebbe stato protagonista di un conflitto con Giuseppe Grigoli, considerato il referente economico di Matteo Messina Denaro, e legato a delle forniture alimentari ai supermercati gestiti da Grigoli. Su questa lite fu chiesto addirittura all'ex capo di Cosa nostra Bernardo Provenzano di intervenire per trovare una soluzione. Oltre alle indagini tecniche ed alle dichiarazioni di tre collaboratori di giustizia, di assoluto rilievo sono stati a tal proposito i "pizzini" sequestrati a Bernardo Provenzano.



Via: TMNews

Foto dal video

mercoledì 28 novembre 2012

Palermo: si appropria di 19 mln incassi siti culturali, arrestato - video

In esecuzione di una ordinanza emessa dal Gip di Palermo su richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo siciliano - Dipartimento P.A., i Finanzieri del locale Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza hanno perquisito e tratto agli arresti domiciliari un soggetto residente a Bracciano (Roma), il quale, avvalendosi delle Associazioni Temporanee di Impresa (ATI) di cui era Legale Rappresentante in Sicilia, si è indebitamente appropriato di ingente denaro pubblico. Nel 2003, l'Assessorato Regionale ai Beni Culturali ed Ambientali per la Sicilia ha dato in concessione alle 3 ATI riconducibili all'indagato la gestione di alcuni servizi nell'ambito di vari siti di interesse storico - culturale ubicati nelle province di Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. In particolare, ammonta a 19 milioni di euro l'importo del denaro di cui aveva la disponibilità per ragioni derivanti dal proprio ruolo di incaricato di pubblico servizio, di cui il soggetto si è personalmente e indebitamente appropriato, mentre altri 14 milioni sono stati dallo stesso versati ma con notevole e ingiustificato ritardo. I diciannove milioni di euro complessivamente non versati dall'indagato hanno cagionato un corrispondente ammanco di 14 milioni di euro circa nel bilancio regionale e di 5 milioni di euro nei bilanci comunali.

Foto dal video

Ilva/ tromba d'aria: gru in mare, oltre 20 feriti e un disperso - video

Una tromba d'aria si è abbattuta su Taranto e Statte provocando danni e feriti allo stabilimento dell'Ilva. L'azienda ha subito gravi danni strutturali ancora da quantificare. All'Ilva è caduta in acqua una delle gru situate sopra uno dei pontili che affacciano sul mare e che si trovano all'interno dell'enorme stabilimento dell'azienda siderurgica. Un dipendente, che era alla guida della gru, risulta disperso. La tromba d'aria che ha causato danni a un camino dello stabilimento siderurgico ''ha determinato lo sprigionarsi di fiamme altissime alte 50 o 60 metri'', riferisce all'Adnkronos Mimmo Panarelli, responsabile territoriale della Fim Cisl. Per questo è stato deciso il blocco di due estrattori che alimentano la rete del gas. L'Ilva fa sapere che ci sono 20 feriti lievi nell'infermeria dello stabilimento, mentre altri due sono stati portati in ospedale dal molo. Secondo la Protezione civile della Regione Puglia, oltre a sei bambini di una scuola elementare lievemente feriti a Statte. Il meteorologo di 3bmeteo.com, Francesco Nucera, spiega che la tromba d'aria che si è abbattuta sull'Ilva di Taranto viene da una supercella. "In pratica - afferma - la base del cumulonembo ruota su se stessa e questo consente un maggiore invorticamento dell'aria che letteralmente si avvita salendo.






Via: Adnkronos
Foto dal video: SkyTg24

Maltempo: nubifragi tra Liguria e Toscana, torrenti esondano - video

Il maltempo non dà tregua all'Italia: la perturbazione arrivata ieri sul Nord Italia che stanotte si è spostata al Centro continuerà a portare nelle prossime ore piogge forti al Centro-Nord e neve sulle Alpi. La situazione è particolarmente critica tra Liguria e Toscana: ieri

martedì 27 novembre 2012

Riesumazione Yasser Arafat, voci da Ramallah: è stato ucciso - video

Alti teloni di plastica blu circondano il mausoleo di Ramallah dove davanti ad esperti stranieri è stato riesumato il corpo dell'ex leader palestinese Yasser Arafat, per compiere esami che accertino le esatte cause della sua fulminea morte in un ospedale di Parigi nel

Trento, bloccata banda minori specializzata in scippi a donne anziane

Erano quasi tutti minorenni e colpivano esclusivamente donne alle quali sottraevano brutalmente gioielli e monili provocando molto spesso lesioni alle vittime. La banda specializzata in scippi è stata fermata dalla Squadra mobile di Trento. Le aggressioni, circa una ventina, hanno avuto come vittime donne anziane. L'attenzione verso persone non più giovanissime, dava modo ai criminali di non rischiare una reazione energica e pericolosa e limitava la possibilità di essere riconosciuti successivamente all'intervento delle forze dell'ordine. Le persone venivano individuate alle fermate dei mezzi pubblici, seguite a bordo degli autobus e aggredite, una volta scese, mentre si dirigevano verso casa. Ogni componente della banda aveva il proprio compito e l'uno sapeva perfettamente le funzioni dell'altro. Il profitto consisteva nella divisione, a ciascuno per la sua parte di merito, delle somme di denaro ricavate dalla vendita dei gioielli rubati. In un occasione la banda, dopo aver rubato un'autovettura Bmw da un'abitazione privata di Povo (Trento), ha speronato un equipaggio della Squadra volante, in località Mattarello, riuscendo a dileguarsi nel buio delle campagne. Dalle indagini è emerso anche che il gruppo criminale ha effettuato furti in appartamento e in grandi magazzini di abbigliamento.

Via: Polizia di Stato
Foto da video: Dailymotion

Palermo: sgominata la banda che assaltava i tir, sette arresti - video

Sette persone sono state arrestate a Palermo nell'ambito di un'operazione della Polizia Stradale, con l'accusa di far parte di un gruppo criminale dedito alle rapine nei confronti degli autotrasportatori. A disporre i provvedimenti restrittivi è stato il gip Angela Gerardi a seguito delle indagini coordinate dal procuratore aggiunto Maurizio Scalia e dirette dal pm Maurizio Bonaccorso. Nell'inchiesta, denominata "Trentottesimo parallelo", sono state denunciate per ricettazione e favoreggiamento undici persone. L'operazione si ricollega a quella che nel marzo del 2009 portò all'arresto in flagranza di quattro affiliati alla banda, e alla liberazione di due autotrasportatori presi in ostaggio. In totale sono una trentina le rapine messe a segno in un arco temporale di sei mesi.  I rapinatori erano soliti accordarsi la sera precedente la rapina utilizzando messaggi in codice. Effettuata la rapina, con l'autista sotto sequestro e portato in giro affinché non desse l'allarme, il tir veniva condotto presso un deposito di logistica preceduto da una "staffetta" e completamente svuotato. Prosciutti, vini, liquori e altri alimentari venivano derubati e poi venduti agli ambulanti dei mercatini attraverso il ricettatore. La Polizia è riuscita a recuperare refurtiva per centinaia di migliaia di euro, e restituirla ai legittimi proprietari.

Fonte: TMNews
Via: La Repubblica
Foto dal video

lunedì 26 novembre 2012

Pesaro: smantellata banda dedita all'estorsione e ricettazione - video

I militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Pesaro, unitamente a personale della locale Questura, hanno eseguito tre arresti nonché 30 perquisizioni nella provincia di Pesaro-Urbino e in altre Regioni d'Italia; complessivamente sono stati impiegati oltre 100 uomini. L'operazione denominata Top-up, coordinata dalla Procura della Repubblica di Pesaro, ha posto fine ad una serie di condotte delittuose perpetrate da un sodalizio criminale composto da una coppia pesarese e da un cittadino di nazionalità rumena accusati di estorsione e ricettazione. Le indagini hanno preso il via nel mese di marzo 2012, quando è stato scoperto uno "strano" utilizzo delle carte di credito in alcuni esercizi commerciali della provincia di Pesaro. Il volume d'affari della banda smantellata è stato stimato in circa 10 milioni di euro. Nel corso dell'operazione, oltre a 2 pistole (1 revolver e 1 beretta cal. 40), 4 caricatori di cui 2 inseriti nelle armi, centinaia di munizioni, giubbotti antiproiettili con piastra d'acciaio, coltelli, manganelli elettrici e strumenti per effrazione, sono state sequestrati lettori di bande magnetiche, carte di credito contraffatte, computer, apparecchiature elettroniche, telefonini, ricevute di pagamento, altra documentazione cartacea, supporti informatici.



Via: Guardia di Finanza
Foto da video: Pupia Tv

Cuneo: sfruttamento prostituzione e immigrazione clandestina, arresti

La Polizia di Stato di Cuneo ha arrestato quattro cittadini nigeriani responsabili di sfruttamento della prostituzione e favoreggiamento di immigrazione clandestina. Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile, hanno avuto inizio a seguito del considerevole aumento di giovani nigeriane che si prostituivano per pochi euro raggiungendo quotidianamente Cuneo provenendo da Torino. Gli arrestati, tre donne ed un uomo, irregolari nel territorio nazionale, gestivano ogni necessità delle giovani prostitute curandone il trasferimento a Cuneo ed intervenendo per risolvere eventuali contrasti creatisi con clienti, altre prostitute od altri sfruttatori. Una delle arrestate, in particolare, aveva curato l'ingresso in Italia di almeno una cittadina nigeriana minorenne che era stata avviata all'attività illecita. Le giovani prostitute, tra l'altro, per liberarsi dalla situazione di costrizione, dovevano pagare una cifra di circa 60.000 euro ed una volta estinto il debito, a loro volta, si dovevano attivare per sfruttare, in prima persona, giovani connazionali; fatto accertato per due delle arrestate. Nell'operazione, in cui è intervenuta anche la Squadra Mobile di Torino, sono stati rinvenuti circa cento grammi di marijuana, che uno degli arrestati nascondeva in un frigorifero di un appartamento nella zona di Porta Palazzo.

Via: Polizia di Stato
Foto dal web

Catania: anziana scomparsa nel 2011, arrestato marito per omicidio

I carabinieri di Gravina di Catania hanno arrestato per omicidio e soppressione di cadavere Salvatore di Grazia, marito della 72enne Mariella Cimò, la donna scomparsa il 25 agosto del 2011 nel catanese. Il delitto, secondo gli inquirenti, sarebbe

Ilva, produzione ultimi 4 mesi sotto sequestro e nuova raffica arresti

Raffica di arresti nell'ambito delle due inchieste riguardanti l'Ilva di Taranto. La Guardia di finanza ha notificato 7 ordinanze di custodia cautelare, tre in carcere e quattro ai domiciliari, nei riguardi di dirigenti Ilva ma anche dirigenti pubblici accusati di associazione per delinquere, concussione e concorso in disastro ambientale firmate da due gip diversi, Vilma Gilli e Patrizia Todisco. La procura di Taranto inoltre ha posto sotto sequestro tutta la produzione dell'Ilva degli ultimi 4 mesi. La merce sequestrata non potrà essere commercializzata perché si tratta di prodotti realizzati in violazione della legge. Secondo la procura ionica, costituiscono profitto di reati perché realizzati durante i quattro mesi in cui l'area a caldo dello stabilimento era sotto sequestro. Il provvedimento, firmato dal gip Todisco sulla base del II comma della legge 321 collegato al 240 del codice penale, riguardante la confisca di beni, riguarda anche eventuali produzioni del futuro e pone uno stop definitivo alla produzione dell'acciaieria che dal 26 luglio, giorno del primo sequestro. Agli arresti domiciliari è finito anche il docente dell'università di Bari, Lorenzo Liberti, che secondo i pm avrebbe ricevuto pressioni dall'Ilva per ammorbidire una perizia che due anni fa stava elaborando per conto della procura ionica.

Via: TMNew

Falso imprenditore milionario truffa alberghi e deruba clienti, arrestato

Grazie all'identità falsa che si era creato si spacciava per un facoltoso industriale francese, dandosi alla bella vita negli alberghi e nei ristoranti più chic d'Italia, da dove poi si allontanava senza pagare il dovuto. A Reggio Emilia però dalla suite di un prestigioso hotel è passato alla cella della caserma del Comando dei carabinieri, essendo stato arrestato per uso di documenti falsi. Di fatto è un algerino clandestino 40enne mentre al momento di prenotare una stanza, spesso una suite, si spacciava per un facoltoso cittadino francese, fornendo documenti falsi. Sosteneva di essere un imprenditore, ovviamente facoltoso, in viaggio per affari. Ma non si limitava a usufruire dei servizi esclusivi degli hotel: approfittava del tempo libero per entrare nelle camere degli altri ospiti e far sparire denaro e gioielli. Gli approfondimenti investigativi dei carabinieri hanno permesso di portare alla luce il suo 'vizio' per la bella vita a scrocco e non solo, in quanto come appurato in alcuni alberghi dove si presentava l'occasione oltre a soggiornare a gratis, il misterioso Patrick alleggeriva le stanze occupate da veri facoltosi che derubava dei loro averi. Grazie infine ai falsi documenti che disponeva, di pregevole fattura, conservava la sua fedina penale pulita facendo convogliare le denunce sul facoltoso e inesistente imprenditore francese.

Via: TM News
Foto dal web

Maltempo, arriva ciclone Medusa che porta temporali e vento - video

La quiete prima della Tempesta: sull’Italia il tempo si mantiene stabile con poche novità, uggioso al nord con il ritorno delle nebbie sulla Pianura Padana, e piogge sulla Liguria, mentre al centrosud e sulle Isole è sereno. Antonio Sanò , direttore del portale www.iLMeteo.it avverte però che da domani lo scenario meteorologico europeo verrà sconvolto dalla discesa di aria fredda da latitudini artiche che innescheranno la formazione di Medusa, ultimo ciclone mediterraneo dell’Autunno, che inizialmente pomperà aria calda e umida verso l’Italia. Ecco che a metà settimana, specie Mercoledì, il maltempo dal centronrod si porterà al sud e sulla Sicilia, Medusa si posizionerà sul mar Tirreno, forti temporali colpiranno le regioni tirreniche, la Sardegna e la Liguria, verso la Campania e tutte le regioni. La neve inizialmente a 1500m, scenderà di quota a 1000m, e lo scirocco favorirà l’acqua alta a Venezia, anche importante. Da Mercoledì sera ed entro Giovedì 29 l’aria fredda di estrazione artica valicherà le Alpi pertanto le nevicate scenderanno fino a quote collinari sulle Alpi, anche 500m, e sui 1000m anche al centro, soffieranno impetuosi i venti di maestrale sulla Sardegna verso il Tirreno e la Campania, e infine irromperà la Bora a Trieste. A seguire il maltempo imperverserà al centrosud e sull’Emilia Romagna, ma in un contesto che repentinamente assumerà caratteristiche invernali.


Bergamo, sorprende i banditi e spara: commerciante uccide un ladro

È stato svegliato nel cuore della notte da alcuni rumori provenienti dal pianterreno di casa, dove si trova il suo negozio di articoli da giardinaggio. Ha quindi spalancato una finestra del primo piano e sorpreso due ladri intenti a introdursi nel punto vendita: impugnata la sua pistola calibro 38 regolarmente detenuta, Angelo Cerioli, commerciante di 52 anni, di Caravaggio (Bergamo), ha esploso due colpi di pistola contro i ladri. Entrambi i proiettili hanno centrato alla schiena uno dei due, uccidendolo sul colpo. La vittima è D. B., un romeno di 43 anni che viveva a Milano, già noto alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio. Il complice è scappato. È accaduto attorno alle 3 della notte tra sabato e domenica nella palazzina lungo l’ex statale Padana superiore che ospita il negozio "Eredi di Ernesto Cerioli Snc", della quale Angelo è il titolare. Il 52enne, inizialmente tratto in arresto per omicidio volontario, è stato rimesso in libertà senza misure cautelari nel pomeriggio di ieri, dopo essere stato ascoltato per diverse ore dai carabinieri di Treviglio (Bergamo) e dal pm titolare del caso, Gianluigi Dettori. Sabato notte in casa c'erano anche la moglie e le due figlie. Sembra che i due ladri fossero disarmati: avevano soltanto una mazza, pare rubata nelle vicinanze. Il pm ha fissato per oggi l'autopsia sul corpo del romeno.

Via: La Stampa
Foto dal web

domenica 25 novembre 2012

Tribunali, circolare ministero Giustizia: scrivere a mano verbali udienza

Un invito ai tribunali affinchè tornino a far trascrivere a mano i verbali di udienza. E' il contenuto di una circolare del ministero di Giustizia che, in attesa di fondi da destinare alle ditte che hanno in appalto il servizio di registrazione e trascrizione, ''raccomanda di valutare fin da ora l'opportunità'' di limitarne l'utilizzo ''ai soli procedimenti nei quali non sia praticabile la redazione di un verbale in forma integrale manuale''. Da dicembre il servizio potrebbe addirittura essere sospeso. Non è la prima volta che viene emanata una circolare per limitare il ricorso alla verbalizzazione 'esterna' e si tratta solo di una precauzione che, in ogni caso, in passato non ha creato problemi. E' quanto viene spiegato dal ministero della Giustizia in merito alla circolare inviata ai tribunali in cui si consiglia di far trascrivere manualmente i verbali di udienza. Si tratta di una circolare meramente 'burocratica', viene spiegato, che invita a limitare il ricorso alle società in appalto, con l'obiettivo di evitare scoperture temporanee del servizio in vista del rinnovo della convenzione, per il quale manca il solo formale via libera della DigitPa. Nella circolare emessa si legge che, se non arriveranno i fondi, il ministero "dovrà rescindere i contratti" stipulati con le ditte che svolgono il servizio di registrazione e trascrizione (stenotipia).

Via: ANSA

Firenze: ladro ucciso da esplosivo, voleva aprire cassaforte supermarket

Stava posizionando dell'esplosivo davanti alla cassaforte di un supermercato Coop, ma è stato ucciso dall'esplosione: è successo durante la notte tra sabato e domenica in un supermercato di Dicomano, un piccolo comune della provincia di Firenze. Probabilmente il ladro, un uomo di circa 40-50 anni, era con alcuni complici che sono fuggiti in seguito all'improvvisa esplosione. A scoprire il cadavere i carabinieri arrivati quando è scattato l'allarme del negozio. Per entrare nel supermarket i ladri hanno forzato un ingresso usando un piede di porco. Subito è scattato l'allarme: erano le 3 di notte. Secondo una prima ricostruzione, mentre i complici si aggiravano nel supermercato, l'uomo si è occupato dell'esplosivo, scoppiato mentre veniva posizionato. All'arrivo dei militari i complici erano fuggiti, senza portare via niente. L'esplosivo dovrebbe essere acetilene, usato di solito per far saltare i bancomat, e aveva un innesco elettrico. Data l'estrema facilità con cui brucia ed esplode, nonché l'elevata energia liberata dalle sue esplosioni, l'acetilene va manipolato con estrema cautela. I militari hanno acquisito i filmati della videosorveglianza del supermercato. Accertamenti della scientifica dell'Arma sono in corso per risalire all'identità della vittima e per stabilire il tipo di esplosivo usato.

Via: TG1
Foto dal web

Camorra: arrestato Salvatore Paduano, era reggente del clan Gionta

E' stato catturato Salvatore Paduano, 21 anni, latitante dal 2009 e attuale reggente del clan camorristico dei Gionta attivo a Torre Annunziata nel napoletano. Il giovane è stato arrestato ad Angri, nel salernitano, dai carabinieri del nucleo investigativo di Torre Annunziata nell'ambito di un'operazione coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli. Paduano è figlio dell'ergastolano Ciro e nipote di Valentino Gionta ed è ritenuto responsabile di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsioni, rapina, violazione alle legge sulle armi e di aver partecipato, da minorenne, alle fasi preparatorie di un omicidio perpetrato nel 2007 per il quale sono stati condannati all'ergastolo 11 elementi dello stesso clan. L'arresto è stato e seguito dai carabinieri del nucleo investigativo della compagnia di Torre Annunziata. Soltanto ieri mattina i militari dell'Arma avevano arrestato nel quartiere napoletano Scampia un altro giovane capo-clan Mariano Abete, ritenuto la guida dei cosiddetti Scissionisti protagonisti della seconda faida di camorra per il controllo delle piazze di spaccio nell'area a nord di Napoli. A luglio, la Guardia di Finanza eseguì 40 arresti per traffico internazionale di droga sgominando un'alleanza mafia-camorra: la cosca Laudani di Catania insieme al clan Gionta. 

Via: TM News
Foto da video

Rossano: un treno travolge auto, morti sei braccianti romeni - video

Una Fiat Multipla è stata travolta e trascinata per oltre 600 metri da un treno nella zona di Rossano (Cosenza). Morte le sei persone a bordo: tre donne e tre uomini. L'auto sarebbe passata sui binari su un attraversamento privato. A bordo c'erano il proprietario di un terreno e dei braccianti di nazionalità romena impiegati nella raccolta di clementine. L'incidente è avvenuto ieri alle ore 17.15 lungo la linea delle Fs Metaponto - Reggio Calabria, tra le stazioni di Rossano e Mirto Crosia, nella zona dell'alto Jonio cosentino. Secondo quanto si apprende da fonti delle Fs, all'altezza del chilometro 155+400 il treno regionale 3753 partito da Sibari e diretto a Reggio Calabria ha travolto a un passaggio a livello affidato e gestito da privati una Fiat Multipla sulla quale vi erano più persone. Due di loro si sono salvati perché sono scesi dal mezzo per aprire il cancello del terreno che dà l'accesso al passaggio sui binari. La Procura di Rossano ha aperto una inchiesta sull'incidente. Il Procuratore della Repubblica Leonardo Leone De Castris, sta seguendo le indagini. Sul posto è intervenuto il pm di turno, Maria Vallefuoco. L'ipotesi di reato è di omicidio colposo plurimo e al momento non ci sono indagati. Si stanno verificando eventuali responsabilità nell'apertura dei varchi per attraversare i binari.

Via: TG Com
Foto dal video: Telecosenza

'Ndrangheta: 23 arrestati tra Calabria, Lombardia e Svizzera - video

La Polizia e i Carabinieri di Reggio Calabria hanno eseguito 23 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti affiliati alla cosca Bellocco di Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, in Lombardia e in Svizzera. Vengono contestati, a vario titolo, delitti di associazione mafiosa, detenzione di armi, rapine, intestazione fittizia e altri. L'inchiesta, condotta dalla Dda di Reggio Calabria con la Procura di Palmi, in collegamento investigativo con la Dda di Milano e la Procura federale svizzera della sede di Lugano, ha riguardato le infiltrazioni economiche della cosca di 'ndrangheta Bellocco in Lombardia e ha fatto scattare anche numerose perquisizioni domiciliari. Sotto la lente degli inquirenti, in particolar modo, la 'Blue Call', una società che opera nel settore dei call center - con sedi sedi a Cernusco sul Naviglio (Mi) e a Rende (Cs) - , riconducibile ai Bellocco. La stessa società è tra i beni sequestrati per un valore complessivo di 2,5 milioni di euro nel blitz in seguito all'inchiesta avvenuta tra la fine del 2010 e gli inizi del 2011. Sequestrata, inoltre, una sala giochi a Cormano (Milano). E' stato un commercialista di origini calabresi a far entrare la cosca Bellocco nell'affare dei call center. Anche l'amministratore unico della società Blue Call è finito in carcere.


Via: Adnkronos
Foto dal video: Pupia Tv

sabato 24 novembre 2012

25/11: Giornata mondiale per eliminazione violenza su donne - video

Il 25 novembre ricorre la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne. Una data importante per il movimento internazionale delle donne, scelta in onore delle sorelle Mirabal, attiviste della Repubblica Dominicana uccise il 25 novembre 1961 per la loro opposizione al regime dittatoriale. Questa data rappresenta per Amnesty International l'occasione per sostenere la lotta contro la violenza sulle donne, con particolare riferimento al legame tra militarismo e violenza di genere. La violenza di genere contro le donne è la violenza diretta contro una donna in quanto tale o che colpisce le donne in modo sproporzionato. Il Comitato per l'eliminazione della discriminazione contro le donne identifica la violenza contro le donne come "ogni atto di violenza fondata sul genere che provochi o possa provocare danno fisico, sessuale, psicologico o una sofferenza alle donne, incluse le minacce di tali atti, la coercizione o la privazione arbitraria della libertà, sia in pubblico che nella vita privata". Gli atti di violenza di genere possono includere, tra gli altri, la violenza domestica, l'abuso sessuale, lo stupro, le molestie sessuali, la tratta delle donne, la prostituzione forzata. Migliaia di donne lottano per affermare i loro diritti: "Alza il telefono, alza anche la tua voce. Chiama o invia un SMS al 45509".


Via: Amnesty Italia

Studenti in piazza contro tagli alla scuola, oggi Roma blindata - video

Dopo gli scontri del 14 novembre scorso, migliaia di studenti liceali e universitari manifestano in molte città. Nella capitale previsto anche un presidio antifascista e la protesta della Cgil e dei Cobas. Polemiche per il via libera a un corteo di Casapound. Da Cagliari a Firenze fino a Catania, sono in corso decine di cortei in tutta Italia per protestare contro i tagli alla scuola e le misure di austerity imposte dal governo. A roma gli studenti hanno annunciato di voler raggiungere le vie del centro. "Non siamo noi ad alimentare le tensioni, noi non vogliamo fare gli scontri ma vogliamo riprenderci la libertà di manifestare vicino ai palazzi del potere" dicono gli studenti. In prima fila al corteo gli ormai famosi book bloc, gli scudi con su scritti i titoli dei classici e altri slogan che gli studenti portano durante le manifestazioni. Tra gli altri slogan: "Non ci sarà zona rossa che tenga", "Roma è antifascista", "Voi mangiate sulla scuola, noi ignoranti e a digiuno". Insieme agli studenti sfilano anche alcuni insegnanti: alcune professoresse del Liceo Seneca portano uno striscione con su scritto "Maestri laureati umiliati e offesi". Alcuni studenti stanno sfilando con uno scolapasta in testa. La provocazione è diretta al prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro che ieri ha detto che chi indossa il casco è denunciabile.

Via: Adnkronos
Foto dal video: SkyTg24





Usa/ morto Larry Hagman, JR nella serie Dallas: aveva 81 anni - video

È morto in un ospedale di Dallas, dopo anni di lotta contro il cancro e l’alcool. Larry Hagman era conosciuto soprattutto per il suo ruolo in "Dallas", dove interpretava il cattivo, il petroliere JR Ewing. Ruolo in qualche modo rievocato qualche mese fa al ballo di Vienna,

Camorra: arrestato a Scampia Mariano Abete capo scissionisti - video

Al termine di una "operazione ad alto impatto" a Scampia è finita la latitanza di Mariano Abete, uno dei quattro latitanti ritenuti tra i più pericolosi della faida di Scampia. A soli 21 anni era il reggente della cosca degli scissionisti, da mesi in guerra con il clan dei cosiddetti girati. Abete è stato arrestato dai carabinieri mentre si trovava nell'appartamento della madre. "Aspettate, apro io, sono Mariano Abete", così il boss si è arreso nelle mani dei carabinieri della compagnia Stella del comando provinciale di Napoli. Quando i militari hanno intuito che nell'abitazione era stato ricavato un nascondiglio tra le intercapedini di due pareti, hanno iniziato ad abbatterle. A quel punto il latitante eccellente si è reso conto che per lui era finita, ha preferito arrendersi ed aprire con il telecomando la parete mobile.  Abete è stato arrestato alle 5.30 di mattina nel corso di un'operazione di controllo del territorio eseguita a Scampia dai carabinieri della stazione quartiere 167, e dei battaglioni Campania e Sicilia. Abete era ricercato perché destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale Napoli per associazione a delinquere di tipo mafioso finalizzata allo spaccio di stupefacenti. Una decina di giorni fa era stato arrestato un altro dei cinque latitanti più pericolosi.

Via: Adnkronos
Foto da video

venerdì 23 novembre 2012

Ragusa: famiglia distrutta da un incidente stradale, 4 morti e 2 feriti

Quattro morti e due feriti il bilancio di un incidente stradale avvenuto nel Ragusano, sulla provinciale Vittoria-Scoglitti: uno scontro frontale tra una Bmw X5 e una Lancia Y che ha distrutto una famiglia di Vittoria. Degli occupanti dell'utilitaria si è salvata solo la figlia di 5 anni, ricoverata con diverse fratture nella divisione di Ortopedia dell'Ospedale di Vittoria; sono invece morti sul colpo marito, moglie e il figlio di 8 anni. Anche il conducente della Bmw è ricoverato in ospedale, mentre è morto il passeggero che era con lui. Sul posto i Vigili del fuoco, le pattuglie dei Carabinieri e dei Vigili urbani, che hanno rilevato la dinamica del sinistro e regolamentato il traffico, rimasto bloccato. Quasi certamente il conducente della Bmw, che viaggiava in direzione Vittoria, ha perso il controllo andando a schiantarsi contro la Lancia che sopraggiungeva sulla carreggiata opposta.  La Lancia era col motore completamente staccato dalla carrozzeria e la Bmw capovolta. Le vittime sono Salvatore Schiaccianoce di 37 anni, la moglie Paola Sampietro, di 29, e il figlioletto di 8; oltre a Valerio Di Pietro, 24 anni, che era sulla Bmw condotta da G.C., rimasto gravemente ferito e ricoverato in ospedale insieme all'unica superstite della famiglia Shiaccianoce, la bimba di cinque anni. I mezzi sono stati posti sotto sequestro.

Fonte: ANSA
Via: Corriere della Sera
Foto dal web

Bergamo: poliziotti e militari al videopoker in turni servizio, incastrati

Passavano molto tempo alla slot machine durante il loro orario di servizio. Lasciavano la loro auto parcheggiata fuori dal bar e se ne stavano in sala giochi a tentare la sorte. Un gruppo di poliziotti della squadra Volanti sono stati incastrati dai loro colleghi. Per almeno nove giorni (10 quelli monitorati) sono venuti meno al loro dovere. Per quattro di loro è scattato anche il divieto di dimora. Insieme a loro c'erano anche tre militari dell'esercito. E nel frattempo Bergamo, la città dove sono impiegati, restava senza pattuglie. Entravano in sala giochi in divisa e si stabilivano davanti alle slot machine. Come racconta il Corriere di Bergamo, non è successo una volta ma per almeno 9 giorni su 10 monitorati. Anche due volte al giorno. L'inchiesta che ne è scaturita sta scatenando un polverone. Agenti e militari sono stati ripresi dalle telecamere interne ed esterne della Fair play di via Borgo Palazzo 226 e della Merkur win di via San Bernardino 110. Il pubblico ministero Giancarlo Mancusi ha messo sotto inchiesta undici persone. Sette agenti delle Volanti, un poliziotto dell'ufficio immigrazione e tre militari del primo reggimento trasporti e dell'esercito. Le accuse a vario titolo sono di abbandono di servizio (specifico reato previsto nelle normative di polizia) e di truffa aggravata ai danni dello Stato, più una serie di aggravanti.

Fonte: Affari Libero
Via: Corriere della Sera
Foto dal web

Operazione Empty pockets, evasione fiscale da 30 milioni euro - video

Le Fiamme Gialle di Urbino, al termine di complesse indagini protrattesi per due anni, hanno scoperto un particolare sistema di frode, che, attraverso la presentazione di dichiarazioni dei redditi "vuote", ha consentito una rilevante evasione fiscale. Gli accertamenti svolti hanno riguardato complessivamente 14 aziende operanti in diversi settori dell'indotto commerciale, tutte con sede nell'urbinate e riconducibili ad un unico commercialista. Le stesse, nonostante avessero conseguito ricavi per circa 30 milioni di euro, hanno presentato le dichiarazioni ai fini delle Imposte Dirette, prive di qualsiasi dato contabile atto a quantificare gli importi dovuti all'Erario. Quattro delle predette aziende sono risultate anche evasori totali per un anno, omettendo di versare un'Iva pari a circa 1,5 milioni di euro. Il sistema di frode escogitato, semplice ed efficace allo stesso tempo, consisteva nell'indicare, nelle dichiarazioni dei redditi presentate, una fittizia causa di esclusione dall'adeguamento ai cosiddetti studi di settore, contrassegnata nel Modello Unico dal "codice 1". Tra l'altro, il commercialista coinvolto, oltre a non dichiarare alcun reddito per la sua atività, esercitava l'attività abusivamente, ragione per cui è stato segnalato all'Autorità Giudiziaria competente, per il reato di esercizio abusivo di una professione.

Via: Guardia di Finanza
Foto dal video

'Ndrangheta: trovati in Brianza i resti di Lea Garofalo, si attende Dna

Svolta nelle indagini sulla morte e la sparizione di Lea Garofalo, collaboratrice di giustizia scomparsa nel 2009 e per il cui omicidio sono state condannate sei persone, fra cui l'ex marito e l'ex fidanzato della figlia. Il corpo della donna sarebbe stato ritrovato carbonizzato in un campo della Brianza e non sarebbe stato sciolto nell'acido come per lungo tempo ipotizzato. Insieme al corpo della donna sono stati ritrovati alcuni oggetti che ne rivelerebbero l'identità, in particolar modo una collana, ma per la certezza definitiva si attende ora l'esame del Dna. A marzo i sei indagati per la morte di Lea Garofalo erano stati tutti condannati all'ergastolo. Secondo la ricostruzione fatta dagli inquirenti la donna era stata fatta arrivare dal marito dalla Calabria a Milano assieme alla figlia 17enne, Denise, con la scusa di dover parlare del futuro della ragazza. La giovane era poi stata fatta allontanare dalla madre con una scusa: l'appuntamento per ritrovarsi doveva essere alle 23 alla stazione Centrale. Lea Garofalo però non arrivò mai: nel frattempo era stata infatti rapita dal marito aiutato dagli altri indagati, torturata per farle dire cosa aveva raccontato alla polizia. La donna sarebbe stata strangolata e poi bruciata e non sciolta nell'acido, come si era ritenuto fino a questo momento.



Via: TG Com
Foto dal video

giovedì 22 novembre 2012

Ragazzo suicida/ aperto un fascicolo, compagni di classe: non era gay

La procura di Roma ha aperto un fascicolo senza ipotesi di reato né indagati sulla vicenda del ragazzino di 15 anni suicidatosi dopo essere stato deriso per la sua presunta omosessualità. Non si esclude che nel corso delle indagini possa essere ipotizzato il reato di istigazione al suicidio. I compagni di classe del giovane, studente al liceo Cavour, si difendono però dalle accuse: ''Noi, gli amici, abbiamo sempre rispettato e stimato la personalità e l'originalità che erano il suo punto di forza. Non era omosessuale, tanto meno dichiarato, innamorato di una ragazza dall'inizio del liceo. Lo smalto e i vestiti rosa, di cui andava fiero, erano il suo modo di esprimersi", scrivono in una lettera ai direttori dei giornali e consegnata alla parlamentare del Pd Paola Concia. "La pagina facebook, dove erano pubblicate citazioni di A., era stata creata per incorniciare momenti felici perché A. era così - osservano ancora i compagni di classe - . I professori hanno sempre rispettato il proprio ruolo e non hanno mai espresso giudizi sulla sua persona". Il Garante Nazionale per l'Infanzia e l'Adolescenza Vincenzo Spadafora osserva: "Se non riusciamo a scardinare vecchi schematismi culturali frutto dell'ignoranza vuol dire che, in qualche modo, abbiamo fallito. E' una sconfitta che brucia".

Via: Adnkronos

Roma: raid contro tifosi Tottenham, ci sarebbero motivi razziali - video

E' l'una di notte a Roma e in un pub di Campo de' Fiori, (The Drunken Ship) dei tifosi inglesi stanno bevendo birra, alla vigilia del match di Europa League Lazio-Tottenham. Una cinquantina di persone, alcune a volto coperto, entrano nel bar armate di mazze e coltelli e feriscono 10 tifosi degli Spurs, di cui uno gravemente. A compiere l'aggressione, distruggendo il locale, sarebbero stati degli ultras, romanisti e laziali, insieme a dei ragazzi vicini ai movimenti di estrema destra. "Ho visto quattro persone stese per terra" spiega questo testimone. "Uno aveva un taglio sulla fronte, fatto con uno sgabello d'alluminio, presumo preso da un altro bar. Gli italiani erano organizzatissimi: caschi, spranghe, passamontagna, alcuni anche a viso scoperto. Gli inglesi invece erano pochi". 15 italiani sono stati fermati dalla polizia, per quello che sembrerebbe un attacco pianificato, a sfondo antisemita, contro i tifosi del Tottenham, club legato alla comunità ebraica. I tifosi della squadra inglese sono stati aggrediti nel locale. La Digos e gli agenti del commissariato Trevi conducono le indagini. Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha detto: "Mi auguro che la polizia e gli inquirenti trovino i responsabili, perché evidentemente c'è una banda di pazzi e delinquenti che si aggira, coprendosi dietro il tifo e questo non è ammissibile".

Via: Euronews
Foto dal video


Fisco, arriva il nuovo redditometro: 1 famiglia su 5 a rischio evasione

Da una simulazione dell'Agenzia delle Entrate - nel giorno di presentazione del nuovo Redditometro - sull'intera platea delle famiglie, oltre 4,3 milioni (circa il 20%) sostengono spese rilevanti non coerenti con i redditi dichiarati. La non coerenza - specifica l'Agenzia - non significa automaticamente evasione. Tra le famiglie non coerenti, sono numerose quelle che dichiarano redditi pressoché nulli a fronte di ricorrenti e rilevanti spese. Il contraddittorio "potrebbe portare, comunque, la non coerenza a coerenza, oppure ridimensionare l'incoerenza". Tra le diverse categorie di reddito, inoltre, il tasso di irregolarità "è maggiore nel reddito d'impresa e nel reddito di lavoro autonomo". Nel mirino del fisco, ci sono in particolare "fenomeni riconducibili a locazioni omesse o parzialmente dichiarati nonché a redditi in nero di lavoratori dipendenti". "Il nuovo redditometro, inteso come strumento di accertamento, è già pronto. Siamo in fase di approvazione del relativo decreto ministeriale e quindi sarà utilizzabile sicuramente a gennaio". Lo ha annunciato il direttore generale dell'Agenzia delle entrate, Attilio Befera, presentando il nuovo software per l'auto-diagnosi della coerenza fiscale. "Noi lo utilizzeremo con la massima cautela - ha precisato - e soltanto per le differenze eclatanti tra spese e reddito".

Via: TMNews

Irlanda: malore del pilota, passeggero fa atterrare un Boeing - video

Un passeggero con licenza di volo, che era a bordo di un aereo Lufthansa, ha preso il posto del pilota improvvisamente colpito da un malore ed ha compiuto un atterraggio di emergenza a Dublino. Una portavoce della compagnia tedesca ha

Alberghi, operazione Job Vacancies contro violazione privacy - video

Importante operazione della Guardia di Finanza di Roma, in collaborazione con il Garante per la privacy, contro le violazioni dei dati personali da parte di grandi strutture alberghiere nei confronti dei clienti e dei candidati che inviavano curriculum vitae per la ricerca di lavoro. Dieci le strutture risultate irregolari, raggiunte dalle sanzioni amministrative previste dal codice. In particolare le contravvenzioni alla normativa accertate riguardano la mancanza di informazioni ai clienti che fornivano i propri dati per la prenotazione on line oppure, in 3 casi, l'assenza di cartelli per avvisare la clientela della presenza di telecamere negli alberghi e ancora l'omessa informativa a coloro che inviavano i propri curricula circa l'uso dei dati, come ad esempio l'identità del titolare del trattamento di tali dati, obbligatorio per legge. Gli accertamenti ispettivi - che traggono origine da un'attività di analisi effettuata dal Nucleo, d'intesa con il Comando Unità Speciali della Gdf - si inquadrano nell'ambito dei controlli effettuati su delega dell'Autorità e hanno come scopo innanzitutto quello di sensibilizzare gli operatori del settore sul tema della protezione dei dati personali e di fare in modo che un'attività così cruciale in questo momento venga salvaguardata e favorita proprio perché svolta nel rispetto delle regole.

Fonte: TMNews
Via: Garante Privacy
Foto dal video

Gaza: Israele e Hamas raggiungono accordo, tregua in vigore - video

Dalle 21 ora locale, le 20 in Italia, tacciono le armi tra Israele e Hamas. L'annuncio è arrivato dal Cairo per voce di Hillary Clinton e del ministro degli Esteri egiziano, Kamel Amr, quando poco prima il segretario dell'Onu Ban Ki-moon ancora reiterava il suo appello per una

mercoledì 21 novembre 2012

Attentato sul bus a Tel Aviv: almeno 21 feriti, tregua lontana - video

Sono almeno 21 le persone rimaste ferite nell'esplosione che oggi ha investito un autobus nel centro di Tel Aviv, subito condannata dal governo come un attacco terroristico, per cui le autorità stanno dando la caccia a due sospetti terroristi. E' quanto scrive

Milano: cappellano San Vittore arrestato per violenza sessuale - video

Don Alberto Barin, cappellano della casa circondariale San Vittore di Milano, è stato arrestato ieri dagli uomini della squadra mobile per violenza sessuale e concussione. Lo si apprende da una nota ufficiale della procura di Milano firmata dal

martedì 20 novembre 2012

Vuoto d'aria di 3mila metri su volo L'Avana-Milano, 55 contusi - video

Cinquantacinque contusi tra i passeggeri del volo Cuba-Milano a causa di un grande vuoto d'aria. All'atterraggio dell'aereo a Malpensa, sono state 55 le persone curate dal 118 di Varese.  Il volo 'Neos', partito da L'Avana in direzione Malpensa con 284 passeggeri, si è trovato all'improvviso nel mezzo di una zona caratterizzata da forti turbolenze e, in particolare, 'discendenze', tanto che l'aereo avrebbe perso circa 3.000 metri di quota, secondo quanto spiegano da Sea. L'allarme alla centrale operativa del 118 di Varese è scattato alle 12.45 di ieri, con richiesta di emergenza girata anche alle centrali operative di Villa Guardia (Como) e di Milano per far fronte a eventuali necessità. Nel frattempo erano state allertate anche le direzioni ospedaliere territoriali di Varese e Milano. Sul Boeing B767-300 proveniente da Cuba c'erano due medici, che hanno dato le prime cure ai passeggeri. L'Azienda regionale emergenza urgenza (Areu) spiega che, dalle prime informazioni, 18 passeggeri hanno manifestato difficoltà di deambulazione, cinque sono rimasti contusi e hanno riportato delle escoriazioni. La compagnia stessa, in una nota, sottolinea che "per via dell'improvvisa turbolenza, avvenuta nel momento in cui si stava effettuando il servizio pasto, alcuni tra i passeggeri e i membri dell'equipaggio sono rimasti lievemente feriti".

Fonte: AGI
Via: Neos
Foto dal video: Adnkronos

Camorra, arrestato Antonio Zagaria fratello del boss Michele - video

La squadra mobile di Caserta ha arrestato Antonio Zagaria, fratello di Michele, ritenuto reggente del clan dei Casalesi, nel corso dell'operazione "Thunderball 2", la stessa che ha portato agli arresti anche di altri due fratelli del boss, Carmine e Pasquale, già in carcere. Le indagini hanno consentito di fare luce, in particolare, su due diverse vicende estorsive subite da un imprenditore, oberato da debiti usurari. Complessivamente sono nove le ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del Tribunale di Napoli su richiesta della Dda: sono accusati di estorsioni aggravate dal metodo mafioso. In manette è finito anche il nipote di Zagaria, Filippo Capaldo, che era stato scarcerato da circa un mese. Le indagini sono partite da una serie di estorsioni commesse ai danni di un imprenditore, titolare di un'azienda a Capua, che ha denunciato pressioni e richieste di pizzo da parte del clan ed è stato costretto a vendere attrezzature e altro dell'azienda. I provvedimenti sono stati eseguiti dalla Squadra Mobile della Questura di Caserta, diretta dal vicequestore aggiunto Angelo Morabito, che contribuirono alla cattura del superlatitante Michele Zagaria, avvenuto il 7 dicembre 2011, dopo una latitanza di oltre 16 anni. L'ultimo covo del superlatitante Michele Zagaria era nella villetta di un noto fiancheggiatore del boss.



Fonte: TMNews
Via: La Stampa
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...