giovedì 28 febbraio 2013

Roma, fotografo dei vip ucciso con un colpo pistola alla testa - video

Il fotografo dei vip Daniele Lo Presti è stato ucciso mentre faceva jogging sul lungotevere a Roma. Molto conosciuto nell'ambiente dei paparazzi, Lo Presti è stato freddato con un colpo di pistola alla testa. Questo, sulla pista ciclabile di ponte Testaccio, il luogo del delitto dove la scientifica ha effettuato tutti i rilievi del caso.Inizialmente si era pensato a una caduta accidentale, forse dovuta a un malore mentre stava facendo jogging insieme ad alcuni amici. Poi è stato verificato, all'Istituto di medicina legale, che l'uomo è stato ucciso da un proiettile, ancora conficcato nel cranio. L'ipotesi su cui indaga ora la squadra mobile di Roma è quindi quella di omicidio. In passato, il fotografo aveva anche ricevuto intimidazioni: la sua auto era stata incendiata. Lo Presti, 42 anni, originario di Vibo Valentia, da una ventina di anni viveva a Roma. Viaggiava continuamente anche all'estero per il suo lavoro. E' autore di scatti fotografici di personaggi famosi. Tra gli ultimi scoop a finire in prima pagina sui giornali di gossip le foto della cantante Rihanna a Capri, ma anche gli scatti di Brad Pitt con una presunta amante. Le indagini si stanno indirizzando anche sulla sua vita professionale. Gli investigatori della polizia sono in attesa dei risultati dell'autopsia, che dovranno chiarire anche il calibro della pallottola trovata nella testa di Lo Presti.



Fonte: TMNews
Foto dal video

Ilva/ crolla ponteggio: morto e ferito, Clini chiede garanzie sicurezza

Incidente mortale all'alba di oggi all'Ilva di Taranto. Un operaio è morto e un altro è rimasto ferito gravemente nel crollo di un ponteggio. Ciro Moccia, 42 anni, non ce l'ha fatta mentre Antonio Liti, 45 anni, dell'azienda Mir, è rimasto gravemente ferito ed è stato ricoverato presso l'ospedale SS Annunziata di Taranto. L'incidente è avvenuto alla batteria 9 delle cokerie. Entrambi sono precipitati da un'altezza di 15 metri mentre si trovavano su una passerella sul piano di carico. I due operai erano stati chiamati per un pronto intervento alla colata. L'azienda ha sospeso tutte le attività, esprimendo ''profondo dolore'' per l'incidente mortale, avvenuto ''nell'area cokerie durante una operazione di intervento di manutenzione alla batteria 9, una delle batterie ferme perché in rifacimento", si legge in una nota dell'Ilva. Il Presidente ed il Direttore di Stabilimento esprimono la loro vicinanza ai parenti e in segno di cordoglio sono state sospese tutte le attività di Stabilimento". Davanti a quanto accaduto i sindacati hanno proclamato uno sciopero unitario. "Il risanamento ambientale non può essere segnato da morti sul lavoro. Chiederò all'azienda garanzie su sicurezza e vigilanza". Lo ha detto il ministro dell'Ambiente. Corrado Clini, dopo aver appreso la notizia dell'incidente all'Ilva in cui ha perso la vita un operaio ed un altro è ferito.

Fonte: Ilva
Vie: Adnkronos | TMNews
Foto dal web

Chieti, scoperto falso cieco che gioca schedina e manda sms - video

Sulla carta un cieco assoluto, nei fatti una persona che si muoveva in piena autonomia senza l'ausilio di accompagnatori o di cani guida. A scoprire l'ennesimo truffatore è stata la Guardia di Finanza di Chieti che lo ha denunciato per truffa ai danni dello Stato. Dal 1998 ad oggi ha percepito un assegno di accompagnamento per non vedenti di oltre 120mila euro ma il falso cieco camminava tranquillamente per le vie della città, mandava sms, faceva la spesa e giocava attentamente la schedina. Le indagini proseguono per accertare se il truffatore ha avuto complicità tra i medici. Ad inchiodare l'uomo, che si fingeva cieco assoluto, sono state le numerose riprese effettuate, gli appostamenti e gli approfondimenti investigativi dei finanzieri, che hanno consentito di appurare l'insussistenza dell'handicap. E' stato immortalato dalle telecamere dei finanzieri mentre si accingeva a giocare una schedina meticolosamente scelta. Tutta l'attività investigativa ha mostrato una condotta di vita ritenuta incompatibile con la grave patologia di "cieco assoluto", determinando, conseguentemente, la denuncia dell'uomo alla Procura della Repubblica di Chieti per truffa ai danni dello Stato, per aver percepito indebitamente, dal 1998, l'indennità di accompagnamento per oltre 120.000 euro.



Fonte: TMNews
Foto dal video

Baleniera vs Sea Shepherd: una battaglia navale in Antartico - video

Una vera battaglia navale durata alcune ore tra un baleniera giapponese e la flottiglia di protesta di Sea Shepherd nelle acque dell'Antartico. Lo scontro è avvenuto durante i tentativi di rifornimento della "nave mattatoio" Nisshin Maru da parte di una nave cisterna sudcoreana. Gli attivisti che si battono per fermare la caccia alle balene hanno cercato di impedire la manovra mettendosi di mezzo. I marinai giapponesi hanno risposto usando idranti e lanciavano granate stordenti. La Nisshin Maru ha deciso di interrompere la manovra, il comandante ha accusato la Sea Shepherd di aver attaccato e di aver così messo in pericolo la sicurezza del suo equipaggio. Lo scontro ha fatto risalire la tensione, tanto che in zona è arrivata un'unità della marina di Tokyo da 12.500 tonnellate. Per il comandante della flotta di protesta, Paul Watson, la sua presenza dei militari nipponici è molto preoccupante e viola il Trattato Antartico. Contro l'azione dell'associazione ecologista però si è schierata anche una corte d'appello americana secondo cui militanti della Sea Shepherd sono dei "pirati". In questo modo si apre di fatto la strada alle azioni legali contro di loro. I membri dell'organizzazione no-profit Sea Shepherd Conservation Society si autodefiniscono eco-pirati e navigano battendo bandiera nera (jolly roger).



Fonte: TMNews
Foto dal video

Trapani: parroco ucciso da colpi di bastone in testa, è giallo - mappa

E' un giallo l'omicidio di don Michele Di Stefano, il parroco di 79 anni ucciso martedì nella canonica della chiesa di Gesù, Maria e Giuseppe, nella frazione di Ummari a Trapani. I carabinieri, che indagano, continuano a vagliare l'ipotesi di un furto o di rapina finiti nel sangue, anche se l'appartamento era in ordine e non è stato portato via nulla. Non si escludono però altri scenari, come quello della vendetta di un balordo. Ieri mattina gli esperti del Ris di Messina sono tornati nell'abitazione del sacerdote per effettuare nuovi rilievi. Martedì la scientifica dei carabinieri aveva repertato alcune schegge di legno, e si sta verificando se appartengano all'arma impropria usata contro il parroco. L'assassino sarebbe entrato da una finestra, che è stata forzata, sul retro dell'appartamento che dà all'interno della parrocchia. Il religioso, parroco di Ummari da tre anni e mezzo, dopo aver retto per 42 anni la parrocchia di un'altra frazione trapanese, quella di Fulgatore, ed era molto benvoluto dalla sua comunità. Alla notizia del delitto, i fedeli si erano radunati sgomenti davanti alla chiesa. Martedì don Di Stefano era atteso a pranzo dalla sorella a Calatafimi, suo paese d'origine. Non vedendolo arrivare, e non ricevendo risposta al telefono, i familiari hanno contattato un vicino che si è recato in canonica e ha scoperto il cadavere.


Via: AGI
Foto archivio

Spd/ Italia eletti clown: Colle annulla incontro, poi telefonata - video

"In Italia eletti due clown". Scintille tra Italia e Germania dopo l'uscita "fuori luogo" del leader Spd, Peer Steinbrueck, in riferimento a Grillo e Berlusconi, che ha portato il capo dello Stato, Giorgio Napolitano, ad annullare l'incontro con il candidato cancelliere. "Noi rispettiamo e naturalmente esigiamo rispetto per il nostro Paese", ha detto il presidente della Repubblica a Monaco, durante un incontro con la comunità italiana parlando della Germania che "noi rispettiamo profondamente per i suoi successi". Il capo di Stato, dal canto suo, aveva subito detto che le dichiarazioni di Steinbrueck sull'esito del voto in Italia erano "del tutto fuori luogo". Poi è arrivata la "telefonata chiarificatrice". Il portavoce di Steinbrueck, Michael Donnermeyer, ha detto così a TMNews: "La questione del mancato incontro, dopo il caso scoppiato per le parole dell'esponente tedesco sui 'clown' che avrebbero vinto le elezioni in Italia, è stata chiarita, Steinbrueck comprende che Napolitano deve salvaguardare la neutralità, ha spiegato ancora Donnermeyer. E' stato Steinbrueck a chiamare il presidente Napolitano", ha rivelato il portavoce. Intanto il governo tedesco collaborerà con qualsiasi governo italiano dopo le elezioni, che sono state svolte "democraticamente", come ha detto il portavoce della Merkel, Steffen Siebert.


Fonte: TMNews
Foto dal web

mercoledì 27 febbraio 2013

Clero romano attorno a Benedetto XVI, sarà un papa emerito - video

Non è un giorno triste, ma di festa. Non è una rinuncia, ma un gesto eroico. Sono i commenti dei religiosi accorsi in piazza San Pietro per l’ultima udienza di Papa Benedetto XVI. I rappresentanti del clero romano attendono l’arrivo del prossimo Pontefice. "Mi auguro che il nuovo Papa continui il percorso che ha iniziato  - dice un seminarista siriano - Papa Benedetto per riportare la pace nel mio paese, la Siria." "Spero che avremo un Papa asiatico come me - sorride un giovane prete giapponese - Ma potrebbe anche essere un europeo, perché il mondo vuole ancora un Papa europeo". "Auspico che l'uomo che verrà sarà quello scelto da Dio e non quello vogliono i cardinali - aggiunge un’anziana suora - Quello che Dio vuole". Superato lo choc del ritiro, il clero cattolico ha mostrato comprensione per la scelta del Papa. "Dai religiosi cattolici un abbraccio al Papa che se ne va - conclude l'inviata di Euronews a Roma, Manuela Scarpellini - e la speranza che il nuovo Papa rassicuri la comunità cattolica e porti la Chiesa fuori dalla crisi". Benedetto XVI conserverà il suo nome papale e potrà essere chiamato "Papa emerito" o "Romano Pontefice emerito". Lo ha riferito il Vaticano mentre si avvicina la fine del pontificato di Ratzinger. Resta l'appellativo di "Sua Santità".





Fonte: Euronews
Foto dal web

Morto Stephane Hessel, ispirò giovani con saggio Indignatevi! - video

A 95 anni è morto Stéphane Hessel, lo scrittore, diplomatico e partigiano francese che ha ispirato i giovani di tutto il mondo col suo libretto "Indignatevi!". Nato nel 1917 a Berlino, ma trasferitosi in Francia da bambino, ha partecipato alla resistenza durante la

Mafia/ racket a ristoratore: lui denuncia, 4 arresti a Palermo - video

Se si fosse "messo a posto", non avrebbe avuto più pensieri. Nel linguaggio mafioso, "mettere a posto" significa "pagare il pizzo", per non correre il rischio di eventuali ritorsioni da parte di Cosa nostra. Stavolta, però, l'imprenditore palermitano avvicinato dai quattro affiliati alle cosche non ha esitato e ha denunciato i suoi aguzzini ai carabinieri che li hanno arrestati. Protagonista della vicenda è un imprenditore palermitano molto noto del settore della ristorazione. L'uomo era stato avvicinato lo scorso marzo dai quattro malviventi che avrebbero preteso il pagamento di 4mila euro, 2mila euro a Pasqua e 2mila a Natale, per provvedere al sostentamento delle famiglie dei detenuti. Nelle intercettazioni le minacce. "Qua dentro non verrà più nessuno perché praticamente siamo d'accordo tutti". Il pagamento, invece, avrebbe significato la tranquillità: "significa la pace però à la pace significa la pace assoluta e ti levi questo pensiero se però parli finisci male". L'imprenditore, gravato da difficoltà economiche, ha risposto di non poter soddisfare le richieste e poi ha deciso di denunciare il racket. Le ordinanze di custodia, emesse dal gip di Palermo su richiesta della Dda, hanno riguardato 4 presunti affiliati a Cosa Nostra. Per gli arrestati l'accusa è di tentata estorsione aggravata dalle finalità mafiose.



Fonte: TMNews
Foto dal video

Assicurazioni, truffavano vittime di incidenti stradali: 5 fermi a Latina

La Guardia di Finanza di Latina e la Polizia Postale e delle Comunicazioni hanno eseguito 5 ordinanze di custodie cautelari emesse dal Gip presso il Tribunale del capoluogo pontino. Come emerso dalle indagini, il titolare di uno studio di infortunistica stradale avrebbe raggirato varie vittime di incidenti e i loro parenti per farsi incaricare loro procuratore speciale nei rapporti con le compagnie assicuratrici: riscuoteva così lauti rimborsi, a fronte dei quali dava cifre irrisorie alle vittime. L'uomo avrebbe ottenuto somme per circa 4 milioni di euro. In particolare, per un 66enne, un 45enne di Latina e un rumeno di 32 anni, è stata disposta l'esecuzione della misura in carcere, mentre nei confronti di altri due quarantenni sono scattati i domiciliari. I reati contestati, a vario titolo, agli indagati vanno dall'associazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata e al riciclaggio di denaro di provenienza illecita, al trasferimento fraudolento di valori, al patrocinio o consulenza infedele. Le indagini, avviate nel gennaio 2012 dopo una segnalazione di Poste italiane, si sono incrociate con approfondimenti di analoghe segnalazioni di operazioni sospette, effettuate ai sensi della normativa antiriciclaggio. Disposto il sequestro preventivo per equivalente di una serie di immobili e quote societarie riconducibili agli indagati.
Via: Adnkronos
Foto archivio

Elezioni/ Schulz: da voto italiano messaggio di protesta a Ue - video

"Gli elettori italiani hanno inviato un messaggio di protesta all'Unione europea da cui trarre lezione" è questo il commento del presidente del Parlamento europeo, il social-democratico tedesco Martin Schulz, sul voto per le elezioni parlamentari in Italia. "Gli elettori italiani hanno mostrato di non essere soddisfatti della politica di rigore imposta dal governo tecnico, la gente è pronta a fare sacrifici ma non ad ogni costo". "Prendiamo seriamente in considerazione che c'è stato un largo voto di protesta contro la politica di risanamento del bilancio voluta dall'Unione. E' necessario ascoltare l'appello che arriva dal voto", ha sottolineato Schulz che ha invitato le varie forze politiche italiane al dialogo e al compromesso per formare un nuovo governo, perché è necessaria la stabilità del paese. Secondo Schulz, "è troppo presto per dire se siamo preoccupati" delle possibili conseguenze del risultato elettorale italiano sull'Europa. "Rispettiamo il voto degli italiani che hanno dato un mandato democratico ai partiti che ora devono esplorare le possibilità di dialogo". Il risultato delle elezioni in Italia è "molto difficile per il paese e per l'Europa": secondo Schulz "ora tutte le forze democratiche devono cercare la strada del dialogo e una collaborazione dove è possibile anche se ci sono disaccordi".



Fonte: TMNews
Via: AGI
Foto dal web

Carne equina, ministro Balduzzi: ad ora nessun allarme per la salute

"I tecnici del ministero della Salute a tutti i livelli sono impegnati per rassicurare i cittadini. Al momento non si riscontra alcun allarme per la salute". Così in una nota il ministro della Salute, Renato Balduzzi, che sottolinea "l'alta professionalità del Nas,

Aeronautica: Generale Preziosa nuovo capo di Stato Maggiore - video

Cambio al vertice dell'Aeronautica militare. Martedì 26 Febbraio, alle ore 11:00 presso l'aeroporto militare di Pratica di Mare (RM), ha avuto luogo, alla presenza del Ministro della Difesa, Ammiraglio Giampaolo Di Paola, del Capo di Stato Maggiore della Difesa, Ammiraglio Binelli Mantelli, e delle Massime Autorità della Difesa, la cerimonia di avvicendamento nella carica di Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica tra il Generale di Squadra Aerea Giuseppe Bernardis, uscente, e il Generale di Squadra Aerea Pasquale Preziosa, subentrante. Il cambio di consegne tra i due Ufficiali Generali è avvenuto simbolicamente con il passaggio della Bandiera di Guerra dell’Aeronautica Militare, che rappresenta le 20 Bandiere di Guerra e le 13 Bandiere d'Istituto dei reparti ed enti della Forza Armata.  Il generale Preziosa è nato a Bisceglie (Bari) il 21 marzo 1953. Laureato in Scienze Diplomatiche Internazionali e in Scienze Aeronautiche, è sposato ed ha due figlie. Si è arruolato in Aeronautica nel 1971. Il 30 agosto 2003 ha assunto l'incarico di adetto per la Difesa e la Cooperazione per la Difesa in Washington D.C. Dal 6 dicembre 2011 ha assunto l'incarico di capo di Gabinetto del ministro della Difesa. Ha al suo attivo oltre 2.300 ore di volo, partecipando alle operazioni aeree in Bosnia sul velivolo Tornado.


Foto dal video

Borsa: Milano a picco -4,8% affossa mezzo mondo, spread vola 340

La Borsa di Milano in picchiata che si trascina dietro Asia ed Europa, facendo inciampare Wall Street nel suo tentativo di rimbalzo, mentre sui titoli di Stato torna la tensione e si rimaterializza lo spettro del "contagio" europeo, con lo spread Btp-Bund balzato sopra i 340 punti base. Questo il quadro del "day after" post elettorale, con il caos fuoriuscito dalle urne italiane che ha scatenato una pioggia di vendite. Bersagliati fin dall'avvio di seduta soprattutto i maggiori titoli bancari, tanto da far scattare varie sospensioni dagli scambi e addirittura delle prime contromisure di Consob e Borsa Italiana. A fine scambi a Piazza Affari il Ftse-Mib ha lasciato sul terreno un pesantissimo 4,89 per cento. Parigi ha chiuso al meno 2,67 per cento, Francoforte meno 2,27 per cento, Londra meno 1,34 per cento, Madrid meno 3,20 per cento. Giù anche l'Asia, dove Tokyo ha chiuso al meno 2,70 per cento. Resta indebolito l'euro, arrivato a scendere al di sotto di 1,31 dollari mentre in serata segna 1,3050. A Wall Street l'indice Dow Jones, che ieri aveva chiuso al meno 1,55 per cento, ha tentato una risalita in avvio, ma poi i listini sono tornati a perdere slancio e se il Dow Jones segna un più 0,51 per cento a metà seduta, il Nasdaq invece cede lo 0,19 per cento. Prima delle elezioni lo spread si attestava attorno a 290 punti base.

Via: TMNews
Foto da video

Carne di cavallo nelle polpette di Ikea, produttore: no traccia - video

La contaminazione dei cibi ha colpito le polpettine servite nei punti vendita del gigante del mobile low cost. La stessa azienda svedese ha annunciato di aver ritirato le polpette in 13 paesi europei. Ad accorgersene sono stati gli ispettori della Repubblica Ceca che vigilano sugli alimenti. L'Istituto veterinario di stato ha notificato le rilevazioni al sistema di allerta europeo e di seguito l'azienda svedese ha deciso spontaneamente il ritiro dal mercato del prodotto. Dice un esperto della Repubblica Ceca: "Questi prodotti non sono dannosi per la salute ma hanno una falsa etichettatura. La carne di cavallo era un semplice rimpiazzo al posto della carne di manzo. Era mischiata, ma non dichiarata". Tutte le polpette sarebbero state prodotte in Svezia. L'Autorità europea per la sicurezza alimentare segue il caso, ma quello che sta venendo fuori è l'impossibilità, spesso, non sempre, di avere una veritiera tracciabilità dei prodotti della filiera alimentare che scompare in troppi passaggi come in questo caso con carne che faceva almeno tre passaggi prima di finire nei piatti dei clienti Ikea. Nessuna traccia di carne equina nelle nostre polpette. Il produttore svedese delle polpette di carne vendute all'interno degli store di Ikea in tutto il mondo respinge le accuse di contaminazione del prodotto con carne equina.


Fonte: Euronews
Vie: Ikea | AGI
Foto dal video

martedì 26 febbraio 2013

Camorra, traffico di stupefacenti dalla Colombia: 11 arrestati - video

I carabinieri dei Ros hanno smantellato in Campania una struttura transnazionale collegata alla camorra, che acquistava ingenti quantità di cocaina da un gruppo paramilitare in Colombia. In un blitz scattato nella notte sono state arrestate 11 persone e sono stati sequestrati 300  di cocaina e 2 laboratori clandestini, a Napoli e a Caserta, per la produzione di droghe sintetiche e la raffinazione della coca; 90 le persone indagate. La struttura transnazionale smantellata dai Ros era collegata al clan della camorra ''Amato-Pagano'' e si riforniva di ingenti quantitativi di cocaina che acquistava direttamente in Colombia da un gruppo paramilitare delle "Autodefensas Unidas de Colombia". Le indagini hanno portato al sequesto dei 300 kg di cocaina, di decine di migliaia di pasticche di ecstasy ed efedrina e di smantellare i due laboratori nel quali venivano prodotte droghe sintetiche e veniva raffinata cocaina. Le  Autodefensas Unidas de Colombia (Unità di autodifesa della Colombia o anche AUC) sono un insieme di gruppi paramilitari colombiani riunitosi in un'unica organizzazione nell'aprile del 1997 per consolidare e proteggere le condizioni economiche e sociali di diverse aree della Colombia. L'AUC è considerata un'organizzazione di stampo terroristico da molti paesi, tra cui gli Stati Uniti e l'Unione Europea.


Fonte: TGCom
Foto dal video

Roma, per sfrattarlo lo lanciano dal secondo piano, 3 arresti - mappa

Per sfrattarlo di casa lo hanno lanciato nel vuoto dal secondo piano di un palazzo. È successo domenica sera a Roma, in Via delle Robinie 97, zona Centocelle, al culmine di una "spedizione punitiva" organizzata da un gruppo di cittadini del Bangladesh

Gioia Tauro: sequestrati 94 chili di cocaina, valore oltre 20 mln euro

I finanzieri del Nucleo di Polizia tributaria appartenenti al Gico sezione Goa del Gruppo di Gioia Tauro, insieme ai funzionari dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli - Ufficio Centrale Antifrode e Ufficio Svad di Gioia Tauro, hanno sequestrato un carico di

Venezia: pizzo e coltellate per venditori di souvenir, 7 arresti - video

La Squadra mobile della Questura di Venezia ha eseguito sette ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti commercianti del Bangladesh, titolari di botteghini di souvenir allo scalo turistico Tronchetto del Porto di Venezia, i quali avevano imposto un

lunedì 25 febbraio 2013

Usa: carambola alla corsa di Daytona, 28 feriti tra il pubblico - video

Un incidente all'ultimo giro della gara di NASCAR (vinta da Tony Stewart) all'autodromo di Daytona International Speedway in Florida ha provocato 28 feriti. Un'auto è praticamente volata tra il pubblico. Almeno dieci auto sono rimaste coinvolte alla velocità di circa 175 mph. Quattordici spettatori sono stati curati allo stesso autodromo, altrettanti sono stati portati in ospedale. Due di essi sono in condizioni gravi. Nessun pilota è rimasto ferito. Quando mancavano 300 miglia al termine Brad Keselowski e Regan Smith si sono scontrati nella parte anteriore. Da li è partito una sorta di autoscontro e l'auto dell'esordiente Kyle Larson è decollata colpendo la recinzione. I detriti e i pezzi delle vetture sono volati tra i tifosi.  Larson si è allontanato dall'incidente, dopo che la parte anteriore della sua auto è andata completamente distrutta. Lui e gli altri nove piloti coinvolti hanno detto ai giornalisti che sono stati controllati in una tenda medica e dimessi. Sei dei feriti sono stati trasportati all'ospedale Halifax Medical Center. Gli incidenti non sono una novità per NASCAR, dove le auto assicurano velocità prossime ai 200 mph. Uno degli incidenti più gravi, e ben noto, di questo sport è accaduto nel 2001 alla Daytona 500, quando il sette volte campione NASCAR Dale Earnhardt morì a tre giri dalla fine della gara.





Fonte: AGI
Via: CNN
Foto dal video

Uccide moglie con coltellata, fugge con i figlioletti e poi si costituisce

Ha ucciso la moglie a coltellate dopo una lite furibonda, poi ha preso i due figli piccoli ed è fuggito in macchina. Infine si è costituito. L'omicidio è avvenuto ieri sera a Budrio, comune in provincia di Bologna, in via Frati Cappuccini 2. Intorno alle 21,30, Abderrahim Qablaoui, un uomo di nazionalità marocchina di 54 anni ha aggredito la moglie, Jamila Assafa, connazionale di 31 anni, con un coltello da cucina uccidendola. L'uomo è poi fuggito in macchina portando con sè i due figli, un maschio di due anni e una femmina di quattro. I vicini hanno avvertito il 112 allarmati dal gran trambusto e hanno visto l'uomo allontanarsi in auto con i bambini. La fuga è durata poco: l'uomo ha portato i figli da una sorella a San Lazzaro e poi è tornato indietro e si è costituito alla caserma dei carabinieri. Ai militari ha detto di aver fatto una sciocchezza: la coltellata mortale è arrivata al culmine di una lite per motivi banali. Lei gli avrebbe fatto notare di non aver gradito il modo in cui era stata trattata, poco prima, davanti ai parenti di lui. Poi i toni si sono accesi. Non era la prima volta: i carabinieri in passato erano intervenuti per litigi.La famiglia aveva problemi economici: lui, senza un impiego fisso, svolgeva lavori occasionali e al momento era disoccupato. Avevano difficoltà a pagare l'affitto e stavano per essere sfrattati.

Fonte: AGI
Via: Unione Sarda
Foto archivio

Notte tranquilla in ospedale per Manganelli, resta in terapia intensiva

Notte tranquilla per il capo della Polizia Antonio Manganelli, ricoverato d'urgenza ieri al San Giovanni di Roma dopo essere stato colpito da emorragia cerebrale. Manganelli rimane in terapia intensiva, in coma farmacologico, e verrà monitorato per almeno le prossime 48 ore. La situazione, riferiscono i medici, rimane stazionaria dopo l'intervento chirurgico di ieri che ha rimosso l'edema cerebrale. L'operazione - secondo quanto riferiva in un bollettino medico diffuso ieri in serata - ha avuto successo e le condizioni cliniche del paziente sono giudicate ''soddisfacenti''. Gli accertamenti radiodiagnostici ai quali il Capo della Polizia è stato sottoposto hanno evidenziato la rottura di un vaso intracranico, con la formazione di un ematoma intracerebrale. Il paziente è stato subito portato in sala operatoria dove l'equipe neurochirurgica guidata dal dottor Claudio Fiore, direttore del reparto di neochirurgia, ha provveduto a rimuovere l'ematoma. Successivamente Manganelli è stato trasferito in terapia intensiva, dove le sue condizioni sono ora costantemente monitorate. Il Capo della Polizia, 62 anni, al vertice della Pubblica Sicurezza dal 2007, era stato colto da malore nel primo pomeriggio. Le sue funzioni vengono ora svolte dal vice capo vicario della Polizia, Alessandro Marangoni.

Via: ANSA
Foto dal web

domenica 24 febbraio 2013

Milano, Greenpeace mette un guanto verde al Dito di Cattelan - video

Un guanto verde sul controverso "Dito medio" di Maurizio Cattelan, la scultura che si trova in Piazza Affari a Milano. E' la provocatoria azione compiuta dagli attivisti di Greenpeace per la campagna ambientalista "The Fashion Duel", in occasione della settimana della moda milanese. I militanti hanno srotolato uno striscione con il messaggio "La moda vende sogni ma così è un incubo per il Pianeta", chiedendo alle aziende che presentano le nuove collezioni, un impegno per raggiungere gli obiettivi Deforestazione Zero e Scarichi Zero nella propria produzione. La scelta dell'opera di Cattelan, il cui vero nome è "Love" non è casuale, spiegano i promotori dell'iniziativa: quel dito medio alzato tra le altre dita mozzate indica una sola via da percorrere, averlo rivestito di verde assume un significato esplicito verso i brand dell'alta moda che non hanno ancora intrapreso un cammino verso un'industria più pulita ed ecosostenibile. "Il nostro guanto di sfida sul dito di Cattelan è per loro - ha detto la responsabile della campagna, Chiara Campione - vogliamo sapere cosa fanno per evitare fenomeni come la deforestazione e l'inquinamento delle risorse idriche. Al momento l'unica casa di moda che persegue gli obiettivi Deforestazione Zero e Scarichi Zero nelle propria produzione è la Valentino Fashion Group.


Fonte: TMNews
Via: Greenpeace
Foto da video

Elezioni/ ministro Cancellieri: recatevi alle urne, come si vota - video

"Andate a votare". E' l'invito-appello che il ministro dell'Interno Annamaria Cancellieri ha rivolto, in una intervista a TMNews agli elettori, alla vigilia del voto del 24 e 25 febbraio. "Ogni cittadino dovrebbe avere a cuore il futuro del proprio Paese e concorrere con il proprio voto, che può sembrare poco ma è tantissimo, a scegliere che tipo di Paese vogliamo". Sul rischio di brogli, il titolare del Viminale rassicura: "C'è assoluta trasparenza e le procedure sono molte limpide: il sistema ha gli anticorpi necessari e il Viminale è più che mai una casa di vetro". La macchina del ministero dell'Interno sta lavorando a pieno regime per garantire lo svolgimento sereno e tranquillo della consultazione elettorale che chiama alle urne oltre 50 milioni di aventi diritto. Sul voto all'estero, Cancellieri ha sottolineato la necessità di una profonda riforma del meccanismo elettorale.  Sul sito web del Viminale le indicazioni per le elezioni politiche del 2013. Seggi aperti domenica 24 febbraio, dalle 8 alle 22 e lunedì, 25 febbraio, dalle 7 alle 15. Gli elettori in Italia sono per la Camera 47.011.309, di cui 22.569.269 maschi e 24.442.040 femmine, per il Senato 43.071.494 di cui 20.547.324 maschi e 22.524.170 femmine, che eleggeranno 618 deputati e 309 senatori. Le sezioni saranno 61.597. I simboli ammessi alle elezioni sono 184.





Fonte: TMNews
Via: Ministero dell'Interno
Foto dal web

Aereo su Apuane: riaperta indagine, testimone strage Ustica a bordo

La procura di Massa ha riaperto l'inchiesta sull'incidente aereo di Campo Cecina del 2 febbraio 1992, quando i piloti Alessandro Marcucci e Silvio Lorenzini persero la vita cadendo con il loro velivolo antincendio, sulle Alpi Apuane. Il pm di Massa, Vito Bertoni indagherà per omicidio contro ignoti. A riportare l'attenzione sul caso, chiedendo la riapertura delle indagini, era stata l'associazione antimafia Rita Atria, che aveva presentato un esposto. Alessandro Marcucci era un ex pilota dell'aeronautica militare coinvolto come testimone nell'inchiesta per la strage di Ustica. Secondo i consulenti privati della famiglia Marcucci e dell'associazione antimafia, l'incidente aereo presenterebbe molti "lati oscuri" e "incongruenze". L'inchiesta all'epoca si concluse con l'attribuzione al pilota del Piper antincendio dell'errore per una "manovra azzardata". Secondo i periti dell'associazione Rita Atria ci sono invece elementi per poter ipotizzare la presenza di un ordigno al fosforo che sarebbe stato piazzato sotto il cruscotto del piccolo aereo. Ci sarebbero anche incongruenze, secondo i promotori dell'esposto, riguardanti il cadavere di Marcucci, che venne rinvenuto carbonizzato, senza i piedi e senza una mano. Due morti sospette quelle di Marcucci e Lorenzini, come tante ce ne sono state intorno al caso Ustica.

Fonte: Adnkronos
Via: Libero Quotidiano
Foto archivio

Salerno: muore anziana, aveva pinza chirurgica in pancia da 7 mesi

Per sette mesi ha avuto nell'addome una pinza chirurgica della lunghezza di 22 centimetri. È quanto accertato dall'esame autoptico eseguito sulla salma di Nicoletta Ontano, l'87enne di Montecorvino Rovella, piccolo centro del Salernitano, deceduta lo scorso 16 febbraio presso il reparto di chirurgia generale dell'ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona di Salerno. All'indomani del decesso dell'anziana la direzione generale del nosocomio aveva nominato una commissione d'inchiesta per far luce su quanto accaduto. I sanitari avevano riscontrato nella signora una disidratazione e una sofferenza renale e forti dolori all'addome. L'anziana era deceduta poche ore dopo il ricovero. In seguito alle indagini coordinate dalla Procura di Salerno, nei giorni scorsi, sono stati emessi sette avvisi di garanzia nei confronti di 5 medici e 2 infermieri che, il 19 luglio del 2012, avevano sottoposto a un intervento chirurgico l'anziana. Alla donna era stata rimossa una neoplasia addominale e proprio in quell'occasione le sarebbe stata lasciata la pinza all'interno del corpo. Analisi più specifiche stabiliranno se il decesso dell'anziana sia stato provocato dalla presenza del corpo estraneo. Intanto si è aggravata la posizione di medici e infermieri che presero parte all'equipe che eseguì l'intervento chirurgico la scorsa estate.

Via: TMNews
Foto dal web

Maltempo, pioggia e neve al nord complicheranno operazioni di voto

Fine settimana con maltempo: tornano, infatti, piogge e neve fino in pianura. Oggi sulla nostra penisola transiterà la perturbazione n. 9 di febbraio. Il vortice di bassa pressione - sottolineano gli esperti di Epson meteo - continuerà a spingere sull'Italia correnti gelide che nel corso del fine settimana appena iniziato porteranno freddo e neve fino a quote molto basse al Centronord, mentre le regioni meridionali verranno attraversate da più miti venti atlantiche e solo alla fine di domani saranno raggiunte dalle correnti fredde. Tempo instabile nelle due giornate di voto. Domenica neve fino in pianura e lungo le coste al Nordovest e fino a quote collinari in Toscana, Umbria e Sardegna settentrionale. Piogge su Triveneto e regioni meridionali con neve fino a quote molto basse sulle Alpi orientali, ma in attenuazione dal pomeriggio. Temperature massime in leggero aumento nel versante adriatico, in calo altrove. Valori particolarmente bassi al Nordovest. Lunedì avremo ancora deboli nevicate fino in pianura al Nordovest e sulle Prealpi. Tempo perturbato sul settore tirrenico e in Sicilia, con piogge sulle fasce costiere anche a carattere di rovescio e neve nelle zone interne fino a quote collinari. Da martedì 26 febbraio il tempo tenderà gradualmente a migliorare e registreremo un progressivo rialzo delle temperature.

Via: TMNews

sabato 23 febbraio 2013

Bologna, lasagne con carne di cavallo: prime analisi positive in Italia

Questa mattina l'Istituto zooprofilattico sperimentale della Lombardia e dell'Emilia Romagna ha comunicato il riscontro di positività per carni equine, non dichiarate in etichetta, in un campione di lasagne surgelate prelevate dal Nas di Brescia, in applicazione del monitoraggio disposto dal Ministero della Salute, in un supermercato di Brescia. Il Dna equino è stato rinvenuto nelle "Lasagne alla bolognese" da 600 grammi, lotto n. 12326 con scadenza 23 maggio 2014, prodotte e confezionate dalla ditta Primia di San Giovanni in Persiceto (BO). La Primia ha utilizzato carne macinata della ditta di import/export DIA di Calcinato (BS), ricavata a sua volta da carne fornita da due ditte della provincia di Brescia, presso le quali sono in corso ulteriori accertamenti. Le indagini condotte dai Nas di Bologna e Brescia hanno consentito il ritiro immediato dal commercio delle lasagne in questione e il sequestro cautelativo sanitario di circa 6 tonnellate di macinato e carne dichiarati come carne bovina e di 2.400 confezioni di "Lasagne alla bolognese" (appartenenti ad altri lotti di produzione) che ora saranno esaminate dagli Istituti zooprofilattici sperimentali. Proseguono, intanto, le operazioni di attuazione del piano ministeriale di controllo su tutto il territorio nazionale: i Nas hanno prelevato finora 292 campioni di 121 diverse marche.

Via: TMNews
Foto dal web

Marò a Fiumicino: India un grande Paese molto democratico - video

E' atterrato all'aeroporto di Fiumicino l'aereo che ha portato in Italia i due marò Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, che hanno ottenuto un permesso di quattro settimane per rientrare a votare. Ad accogliergli il presidente del Consiglio Mario Monti, il ministro della Difesa Giampaolo di Paola e il Capo di Stato maggiore della Marina, ammiraglio Giuseppe De Giorgi. "Siamo felici di essere ritornati in patria. Questo è stato possibile perchè la Suprema Corte ci ha concesso queste quattro settimane di licenza ed ha dimostrato di essere molto democratica riconoscendoci il diritto di voto". Lo ha detto il fuciliere Massimiliano Latorre. "Condivido ciò che ha detto il mio collega Massimiliano: anche questa volta l'India ha dimostrato di essere un grande Paese democratico, rispettando la nostra richiesta del diritto di voto. Ringraziamo come sempre, ed è comunque doveroso, il Governo Italiano, il ministro della difesa ed il ministro degli Esteri. Adesso vorremo passare questo mese con la nostra famiglia, rientrare al nostro reparto, al Reggimento S.Marco". Queste le parole a Fiumicino del fuciliere Salvatore Girone. "Vogliamo goderci un pò di tranquillità", ha aggiunto Latorre mentre Girone ha concluso dicendo che "ogni minuto qui con voi è un minuto perso con i nostri familiari".



Fonte: TMNews
Via: Adnkronos
Foto dal web

Roma, scoperti 2 laboratori per confezionare droga: 5 arresti - video

Due laboratori clandestini, in cui avveniva il taglio della cocaina e il confezionamento delle dosi, sono stati scoperti dai finanzieri del Comando Provinciale di Roma, a seguito di indagini durate alcune settimane. Monitorando i luoghi di spaccio maggiormente frequentati da spacciatori e consumatori, le Fiamme Gialle sono riuscite a risalire, dopo una lunga serie di appostamenti e pedinamenti, ad un'organizzazione criminale dedita allo spaccio di cocaina, e a individuare le basi logistiche, in cui presumibilmente avvenivano le operazioni di preparazione delle dosi. Dopo aver avuto riscontri in ordine all'operatività dei laboratori, è scattata l'irruzione in due appartamenti, rispettivamente nelle zone di La Rustica e Tor Sapienza, in cui sono stati sorpresi quattro pregiudicati romani ed uno albanese, tutti intenti al confezionamento delle dosi. Il bilancio dell'operazione è stato, oltre agli arresti in flagranza di reato dei cinque, il sequestro di oltre un chilogrammo di cocaina pura, bilancini di precisione, sostanze da taglio e circa diecimila euro in contanti, probabile provento del traffico illecito. Trovate anche due pistole automatiche illegalmente detenute e palette segnaletiche delle forze dell'ordine. Le dosi sarebbero state smerciate nelle piazze di Roma e dintorni e avrebbero fruttato oltre centomila euro.


Fonte: Adnkronos
Foto dal video

Usa: Pentagono blocca voli caccia F-35, problema al reattore - video

Il Pentagono ha sospeso tutti i voli eseguiti con cacciabombardieri F-35 prodotti da Lockheed Martin e in cui Alenia Aermacchi "partecipa", come si legge sul sito della società controllata da Finmeccanica, "allo sviluppo e ne sarà secondo fornitore dei cassoni alari". La decisione è stata presa dopo che un controllo di routine ha rivelato una frattura in una delle pale delle turbine presenti nel motore di un velivolo testato nella base Edwards Air Force in California. Lo scrive Bloomberg. Fino a quando non sarà conclusa un'indagine, non si può definire l'impatto di tale scoperta sull'intera flotta di F-35, di cui l'Italia intende acquistare 90 esemplari. Si tratta, fa sapere il Pentagono, di una "misura precauzionale". Il dipartimento della Difesa, Lockheed Martin e Pratt & Whitney, la divisione di United Technologies che produce i motori incriminati, stanno collaborando per fare chiarezza sulla questione. Soltanto ieri il ministro italiano della Difesa Gianpaolo Di Paola aveva confermato che l'Italia non ridurrà gli acquisti dei caccia americani F-35, visto che il governo "ha già fatto una riduzione molto importante", da 131 esemplari a 90, tanto quanto una manovra finanziaria. Attualmente, il costo per il Pentagono, per 2.443 velivoli, è stimato ad oltre 395 miliardi di dollari, con un incremento del 70% rispetto al 2001.


Fonte: TMNews
Via: Bloomberg
Foto dal web

Belgio, uomo muore in cella massacrato di botte dai poliziotti - video

Il Belgio è sotto choc per le agghiaccianti immagini del pestaggio a morte di un detenuto in un commissariato nella provincia di Anversa, diffuse dalla rete televisiva fiamminga Vrt e ora visibili online. L'uomo ucciso è un 26enne, Jonathan Jacob, picchiato senza pietà da sei agenti in tenuta anti sommossa, con caschi, scudi e manganelli. I fatti, avvenuti nel 2010, sono venuti alla luce solo ieri sera con la diffusione del video. Il giovane, che aveva assunto anfetamine, era stato arrestato a causa del suo comportamento sospetto. Inizialmente gli agenti lo avevano portato in un ospedale psichiatrico perché fosse internato, ma qui Jacob si mostra molto violento e il direttore respinge il ricovero. Il giovane viene riportato allora in cella, dove viene chiesto a un medico di somministrargli un calmante. Jacob non si calma e in attesa del medico arrivano i poliziotti. La telecamera della cella del commissariato di Morstel lo mostra completamente nudo, mentre un nugolo di agenti vestiti di nero lo investe, picchiandolo senza pietà. Quando il medico arriva, il giovane è già morto per un'emorragia al fegato. A scioccare il pubblico è anche il fatto che uno degli agenti responsabili sia ancora in servizio. Il ministro degli Interni, Joelle Milquet, afferma oggi su Le Soir che quest'ultima circostanza è "inammissibile".



Fonte: Adnkronos
Foto dal video

Palermo, pestano titolare di un locale: arrestati 5 giovanissimi - video

Hanno picchiato selvaggiamente il titolare di un pub, colpevole di averli denunciati per il furto messo a segno tempo prima nel suo locale. Per questo cinque giovani di età compresa tra i 19 e i 21 anni sono stati arrestati dalla polizia di Palermo. Secondo la ricostruzione degli inquirenti la notte tra il 13 ed il 14 dicembre 2011 tre giovani avevano sottratto una bottiglia di champagne molto costosa dal pub della vittima, rifiutandosi di pagarla. Il titolare, però, aveva denunciato l'accaduto alla polizia. Dopo un primo tentativo di aggressione sei giovani, tra i quali i tre balordi, si sono presentati nuovamente nel pub della vittima, e dopo essersi finti normali avventori l'hanno colpito con spranghe e attrezzi in ferro. Solo l'intervento dei dipendenti del locale ha sottratto alla furia del "branco" l'uomo che ha riportato lesioni guaribili in dieci giorni. Le accuse nei confronti dei cinque ragazzi sono di aggressione aggravata dall'uso di armi, dalla premeditazione e dalla circostanza da ostacolare la difesa privata. Si tratta di Giuseppe Farinella, 19 anni, Carmelo Acqua, 21 anni, Emanuele Lo Nardo, 19 anni, Gaetano Gregorio, 21 anni, Francesco Paolo Raccuglia, 19 anni, quest'ultimo posto ai domiciliari perché accusato soltanto di furto. Per gli altri quattro si sono invece aperte le porte del carcere.


Fonte: TMNews
Via: LIVE Sicilia

venerdì 22 febbraio 2013

Oscar Pistorius libero su cauzione: 85 mila euro, nessun rischio fuga

Oscar Pistorius è libero su cauzione perché "non c'è rischio di fuga". Dopo due ore di camera di consiglio al tribunale di Pretoria, il giudice Desmond Ness ha stabilito che per Pistorius, accusato di aver ucciso la fidanzata Reeva Steenkamp all'alba del 14 febbraio, data la sua notorietà internazionale, non esiste alcun rischio di fuga all'estero: la cauzione è stata fissata a 85mila euro. Il magistrato ha inoltre ammesso che Pistorius "ha manifestato delle tendenze aggressive", affermando tuttavia che l'accusa non è riuscita a fornire delle "prove sufficienti per accertare lo svolgimento dei fatti"; la difesa da parte sua "non è riuscita a dimostrare davanti a questa corte che la tesi dell'accusa contiene dei punti di debolezza". Pistorius è arrivato in tribunale alle 6:30 del mattino, coprendosi il capo con la giacca. Anche oggi è scoppiato in lacrime in aula. I magistrati sudafricani intanto hanno ammesso di non avere più la certezza che sia testosterone la sostanza rinvenuta nell'abitazione di Pistorius. "Non possiamo dire che cosa sia", ha detto il portavoce della procura nazionale, Medupe Simasiku.  Tra gli errori degli inquirenti messi in evidenza dal giudice, il fatto che la polizia non ha esaminato il cellulare di Reeva e che il detective Hilton Botha, rimosso dal suo incarico, potrebbe aver inquinato la scena del delitto.

Via: TMNews
Foto dal web

Esprimersi con forza pensiero: nuove speranze per malati Sla - video

Esprimersi con la sola forza del pensiero, un sogno che diventa realtà grazie al lavoro dei ricercatori del Dipartimento di Psicologia generale dell'Università di Padova. Hanno messo a punto un nuovo sistema di Brain-Computer Interface (BCI) per far comunicare i malati di Sla col mondo esterno senza muovere alcun muscolo, nemmeno gli occhi. Il promotore del progetto "Occhi puntati" Antonio De Poli spiega l'obiettivo di questa iniziativa."Fare che ci sia un progetto a costi contenuti vale a dire 60-70 euro che permetta attraverso un occhialino, una telecamera e un software adeguato possa comunicare con il mondo attraverso una apparecchiatura che è a portata di mano. "La Sclerosi Laterale Amiotrofica conduce irreversibilmente il malato a una progressiva atrofia muscolare, fino alla paralisi completa. Ora questo software open source, in modo molto semplice, apre una finestra per comunicare come spiega Alessandro Orlowsky uno degli sviluppatori del progetto. Praticamente si mettono questi occhiali, la telecamera controlla il movimento della pupilla e la pupilla diventa il mio braccio, il mio mouse che si muove sullo schermo. Tu guardi lo schermo e muovendo l'occhio puoi scrivere e cliccare sulla tastiera". E' possibile "educare" i pazienti affetti da Sla non ancora negli stadi più gravi della malattia.



Fonte: TMNews
Foto dal video

Camorra, voto di scambio alle provinciali: 9 arresti nel clan Mallardo

I carabinieri hanno arrestato nove componenti del clan Mallardo di Giugliano (Napoli): fra le accuse anche quella di aver operato per il voto di scambio alle elezioni provinciali di Napoli nel 2009. È "una piovra dai mille tentacoli" quella

Marò, India concede permesso di 4 settimane per votare alle elezioni

La Corte Suprema dell'India ha autorizzato il ritorno in Italia dei due fucilieri di marina Salvatore Girone e Massimo Latorre per un periodo di quattro settimane per consentire loro l'esercizio del diritto di voto, dopo la richiesta presentata dai legali. Lo hanno confermato all'Adnkronos fonti dell'ambasciata italiana a Nuova Delhi, precisando che i due marò dovrebbero rientrare a breve in Italia, non appena saranno finalizzate le procedure burocratiche per la loro partenza. Il presidente del Consiglio Mario Monti "ha accolto con grande soddisfazione la decisione della Corte Suprema indiana di concedere quattro settimane di licenza ai fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, che potranno, così, riabbracciare i loro cari ed esercitare il loro diritto di voto". Lo si legge in un comunicato della presidenza del Consiglio. "Questa decisione - continua la nota - rappresenta la conferma del clima di fiducia e di positiva collaborazione instauratosi con le Autorità di New Dehli, clima ulteriormente rafforzato dal ritorno in India dei nostri due Marò a seguito della breve licenza natalizia. E', questo, un altro importante segnale che lascia ben sperare in una positiva soluzione di questa complessa vicenda". I due marò torneranno in Italia con un documento provvisorio in quanto i loro passaporti non si trovano.

Fonte: Adnkronos
Via: Governo Italiano

Sequestro 26 tonnellate di macinato, Nestlé: carne già fuori mercato

Su disposizione del Ministero della Salute, i Carabinieri del Nas hanno posto sotto sequestro 26 tonnellate di carne bovina macinata cotta e surgelata della Nestlé. Le operazioni hanno avuto luogo da parte del Nas di Torino presso la SAFIM di None (To) dove sono state

Palermo, sequestrati prodotti falsi per quasi 3 milioni di euro - video

La Guardia di Finanza di Palermo ha messo fine all'illecita attività di distribuzione all'ingrosso di prodotti contraffatti e pericolosi che alimentava gran parte del commercio abusivo del capoluogo siciliano, facente capo a due empori cinesi nel cuore della città, pervenendo al sequestro di oltre 2.718.000 articoli, tra giocattoli e capi di abbigliamento e relativi accessori falsi o privi del marchio comunitario e prodotti elettrici ed informatici pericolosi in quanto non conformi agli standards di sicurezza previsti dalla normativa Ue e recanti indicazioni ingannevoli. L'operazione trae origine da una attività investigativa che ha messo assieme le informazioni acquisite dai finanzieri sul territorio e le risultanze dell'analisi dei flussi di capitali in transito presso l'aeroporto Falcone - Borsellino, dove l'intensificazione delle attività di controllo valutario da parte delle Fiamme Gialle aveva fatto emergere, nel recente periodo, numerosi casi di trasporto di ingenti somme di denaro contante da parte di soggetti di nazionalità cinese in partenza per altre aree del territorio nazionale. Denunciate alla Procura di Palermo 2 persone, un uomo ed una donna, entrambi cinquantenni di nazionalità cinese, che si sono viste sottrarre materiali la cui vendita avrebbe potuto determinare incassi compresi tra gli 8 e i 10 milioni di Euro.


Via: Guardia di Finanza
Foto dal video

Nubifragio sommerge Catania, polemica su mancato allarme - video

Un violento nubifragio si è abbattuto nel pomeriggio di ieri a Catania. I vigili del fuoco sono intervenuti nel popolare quartiere di San Nullo dove diverse persone si sono arrampicate sui tetti per evitare di essere trascinate dalla pioggia. Un fiume d'acqua ha trascinato diverse auto e moto sono state contro il centrale palazzo dei Chierici allagato così come il palazzo municipale. Nella zona industriale è stato soccorso un operaio precipitato in una buca profonda 8 metri. L'uomo che ha riportato diversi traumi è stato trasferito in ospedale. Allarme rientrato invece per una persona che inizialmente era stata data per dispersa. Il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli ha disposto per oggi la sospensione delle lezioni nelle scuole cittadine per consentire in via cautelativa ai tecnici comunali e ai responsabili delle strutture scolastiche di effettuare le opportune verifiche su eventuali danni. E non mancano le polemiche. Ad accenderle lo stesso Comune che ha fatto sapere che "alla protezione civile comunale non era giunto dagli organi competenti della protezione civile nazionale e regionale alcun bollettino di allerta meteo". La replica non tarda ad arrivare: "Il bollettino di criticità, come avviene ogni giorno, anche ieri è stato inviato alla Protezione civile della Regione Siciliana cui spetta la comunicazione al territorio coinvolto".


Via: Adnkronos
Foto dal video

giovedì 21 febbraio 2013

Etna, eruzione lampo dal cratere a sud-est: quarta in 48 ore - video

Quarta eruzione lampo sull'Etna in 48 ore. Dalle 6 alle 8 dal cratere di Sud-Est c'è stata una forte attività esplosiva con emissione di cenere lavica, accompagnata da fontane di lava. Continua a essere alimentata la colata che emerge dalla frattura che si è aperta alla base della bocca. Il braccio lavico si dirige nella desertica Valle del Bove. L'attività si svolge tutta nella zona sommitale del vulcano e non influenza l'operatività dell'aeroporto di Catania. "Siamo nella fase in cui le eruzioni si susseguono ogni 5-6 giorni. Di solito questo andamento precede un'eruzione importante". Parla lo studioso Salvatore Giammanco, ricercatore della sezione di Catania dell'Ingv. Ricercatore e attento osservatore dei segnali emessi dalle postazioni collocate dall'Ingv sul monte Etna e nella Valle del Bove, che degrada verso la costa orientale-jonica della Sicilia. Vi è una ciclicità negli ultimi fenomeni attivi dell'Etna. "Da una al mese, nei primi sei mesi dell'anno, si è passati a una eruzione ogni 15 giorni e, ora, a una ogni 5-6 giorni e durano circa un paio d'ore. E' il segnale evidente di una ripresa massiccia dell'azione eruttiva del vulcano, normalmente invece caratterizzata da emissioni di gas o da attività stromboliana. L'Etna in questi giorni scarica in media tra i 700 mila e 1 milione di metri cubi di lava per ogni eruzione".


Fonte: ANSA
Via: Televideo Rai
Foto dal video

Napoli, sequestro oltre 4 ton sigarette nascoste in un camion - video

I Finanzieri del Comando Provinciale del Nucleo di Polizia Tributaria di Napoli, hanno effettuato il sequestro di oltre 4 tonnellate di tabacchi lavorati esteri di contrabbando. Le sigarette sequestrate erano trasportate da un autoarticolato proveniente dalla Romania, il quale trasportava un carico di pannelli coibentati in poliuretano espanso. Il carico di sigarette era stato abilmente occultato all'interno dei suddetti pannelli. Le sigarette sottoposte a sequestro, prive di contrassegni fiscali, sono risultate tutte di marca Gold Mount, prodotte dalla Kaanee American International Tobacco CO. LTD. - Kaitco, con sede a Jebel Ali Free Zone, Emirati Arabi Uniti. Rientrano nelle cosiddette "cheap white", ossia sigarette "originali" che non sarebbero vendute in Italia e nell'Ue in quanto non rispettano i parametri di legge e possono anche essere estremamente nocive per la salute. E' stato tratto in arresto l'autista del camion, di nazionalità rumena. Dai riscontri effettuati, i tabacchi erano destinati ad alimentare il mercato "al dettaglio" illegale di Napoli centro e provincia. Il prodotto sequestrato, qualora posto in commercio, avrebbe determinato guadagni per i contrabbandieri per quasi un milione di euro. Ciò con un danno per l'Erario quantificabile in oltre 680 mila euro di tributi doganali evasi.


Via: Guardia di Finanza
Foto dal video

Arrestati ex ispettore Gdf e dipendente Agenzia delle Entrate - video

I militari della Guardia di Finanza della Compagnia di Mondragone (Ce), al termine di una complessa attività di polizia giudiziaria coordinata dalla Procura della Repubblica di Nola, hanno arrestato due soggetti, S. M. e A. E. per concorso in estorsione e usurpazione di titoli ed onori. I due soggetti sono entrambi ex dipendenti dell'Amministrazione finanziaria; in particolare M. aveva prestato servizio come ispettore della Gdf sino al 2005 (già condannato per concussione e congedato dal Corpo per gravi motivi), mentre E. ricopriva l'incarico di funzionario presso l'Agenzia delle Entrate di Napoli. La vicenda è iniziata durante la scorsa estate, durante l'operazione di controllo della Guardia di Finanza nei confronti degli operatori turistici operanti sul cd. "litorale domitio". I militari hanno appreso che da qualche tempo vi era la presenza in zona di un certo "Colonnello M." della Guardia di Finanza che svolgeva controlli di natura tributaria nei confronti di piccoli contribuenti. Una volta avviate le "false" attività fiscali la vittima veniva avvicinata e, con la promessa di chiudere il controllo senza alcun tipo di verbale e quindi in maniera regolare, veniva effettuata la richiesta estorsiva. M. è stato arrestato in flagranza di reato mentre, nei confronti di E. è stata eseguita qualche giorno dopo un'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari.


Foto dal video

Crotone, tentano di incendiare la scuola: fermati 8 ragazzi minorenni

Otto ragazzi minorenni, tra i quali due di 13 anni, sono stati fermati la notte scorsa dai carabinieri a Isola di Capo Rizzuto (Kr) poco prima che dessero fuoco alla scuola media che frequentano, la Gioacchino Da Fiore, nel centro della cittadina calabrese. I ragazzi si

Palermo: violenze e torture su bimbi, condannati due pedofili a 9 anni

Due persone sono state condannate a 9 anni e 9 mesi per violenza sessuale su minore dal Tribunale di Palermo. I due, parte di una banda di sei persone che comprendeva anche due minorenni, obbligavano otto bambini sotto i dieci anni ad avere rapporti sessuali completi. Chi si rifiutava, veniva torturato. Il teatro di questa vicenda è il popolare quartiere di Ballarò, nel centro di Palermo. Gli altri quattro erano già stati condannati. I racconti delle vittime sono agghiaccianti. Gli abusi avvenivano quando i piccoli venivano invitati a giocare a "obbligo o verità". L'obbligo, ovviamente, era, come racconta, una vittima "Fare le schifezze come i grandi" in cucina o in camera da letto. Chi si è rifiutato racconta di sigarette spente sulle mani. Le indagini sono iniziate nel 2008 quando, all'uscita di scuola, una bambina di otto anni rifiutò un bacio alla madre il giorno della festa della mamma. Gli assistenti sociali, avvisati dagli insegnanti, si rivolsero alla sezione che si occupa di crimini contro i minori della questura di Palermo. Da allora, le indagini hanno portato alla luce un'inaudita situazione di degrado. I minori sono stati tolti alle famiglie e dati in adozione. Ballarò era già salito agli onori della cronaca nel '96 e nel 2000 per altre due vicende di pedofilia, denunciate da Don Baldassare Meli, responsabile del centro Santa Chiara all'Albergheria.

Via: TG Com
Foto archivio

mercoledì 20 febbraio 2013

Onu, giustizia sociale necessaria per costruire il mondo che vogliamo

La giustizia sociale per tutti è al centro della missione globale che l'Onu svolge per promuovere sviluppo e dignità umana. Il 20 febbraio è la data scelta per rammentare all'opinione pubblica mondiale che occorre raddoppiare gli sforzi di tutti gli Stati membri per assicurare un mondo più giusto ed equo, veramente per tutti. "In occasione della Giornata Mondiale della Giustizia Sociale, vediamo purtroppo molti luoghi in cui le opportunità sono cresciute solo per pochi, mentre le disuguaglianze sono aumentate per molti", ha detto il  Segretario Generale in occasione di questa ricorrenza internazionale. "Le crescenti disuguaglianze minano il cammino della comunità internazionale nel suo sforzo di liberare dalla povertà milioni di persone e a costruire un mondo più equo. Le falle sono visibili nella caduta del livello dei salari per donne e giovani e nella limitazione dell'accesso a educazione, servizi sanitari e lavori soddisfacenti. Occorre rafforzare e costruire istituzioni e sviluppare politiche che promuovano uno sviluppo inclusivo". Il rispetto della Giornata Mondiale della Giustizia Sociale dovrebbe sostenere gli sforzi della comunità internazionale per l'eliminazione della povertà, la promozione della piena occupazione e il lavoro dignitoso, l'equità e l'accesso al benessere sociale e la giustizia per tutti.

Via: Unric
Foto dal web
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...