domenica 31 marzo 2013

Corea Nord rafforza l'arsenale nucleare, Usa inviano jet F-22 - video

Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha promesso di rafforzare l'arsenale nucleare aprendo oggi i lavori della riunione plenaria del Comitato centrale del Partito dei Lavoratori. Lo annuncia l'agenzia ufficiale Kcna, secondo cui Pyongyang migliorerà il deterrente

Gli auguri di Pasqua del Papa per chi soffre: pace nel mondo - video

"Cari fratelli e sorelle, Buona Pasqua". Papa Francesco al termine della la sua prima messa pasquale sul sagrato della basilica di San Pietro, legge il suo messaggio di auguri Urbi et Orbi rivolgendo un pensiero ai meno fortunati. "Cristo è ristorto, vorrei che giungesse in ogni casa queto messaggio, specialmente dove c'è più sofferenza, negli ospedali e nelle carceri". Nel suo messaggio pasquale Francesco ha ricordato anche vittime dei conflitti internazionali in corso. Il Papa ricorda la difficile situazione tra le due Coree. "Pace per il Medioriente, in particolare tra israeliani e palestinesi. Pace in Iraq perchè cessi definitivamente ogni violenza e soprattutto per l'amata Siria. Pace per l'Africa ancora terra di sanguinosi conflitti. Pace in Asia sopratutto nella Penisola coreana perchè superino le divergenze e maturi un rinnovato spirito di riconciliazione". Ma Francesco, che come nel giorno dell'elezione ha scelto di indossare solo la talare bianca, chiede che cessi soprattutto la moderna forma di schiavitù. "Pace a tutto il mondo ancora diviso dall'avidità di chi cerca facili guadagni, ferito dall'egoismo che porta avanti la tratta delle persone, la schiavitù più estesa di questo ventunesimo secolo". La benedizione della domenica di Pasqua, papa Francesco l'ha rivolta davanti ad almeno 250.000 fedeli.




Fonte: TMNews
Via: Euronews

Corea del Nord: stato di guerra con Sud, Usa inviano Stealth - video

La Corea del Nord ha annunciato di essere entrata in "stato di guerra" con il Sud. La decisione del leader supremo Kim Jong-un segue la messa in allerta delle unità missilistiche per colpire obiettivi militari negli Stati Uniti e in Corea del Sud. Minaccia che è

Napolitano resta fino alla fine e si affida a due gruppi di saggi - video

"Continuo a esercitare fino all'ultimo giorno il mio mandato, come il senso dell'interesse nazionale mi suggerisce: non nascondendo al Paese le difficoltà che sto ancora incontrando". Lo ha detto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano davanti ai giornalisti al Quirinale, ribadendo la propria "fiducia nella possibilità di responsabile superamento del momento cruciale che l'Italia attraversa". Napolitano ha così smentito le voci di sue dimissioni prima del termine del mandato. Sono stati poi definiti i due gruppi di lavoro che, su invito del Presidente della Repubblica, si riuniranno nel corso della prossima settimana - stabilendo contatti con i presidenti di tutti i gruppi parlamentari - su proposte programmatiche in materia istituzionale e in materia economico-sociale ed europea. Hanno accettato di farne parte: per il 1°, il prof. Valerio Onida, il sen. Mario Mauro, il sen. Gaetano Quagliariello e il prof. Luciano Violante; per il 2°, il prof. Enrico Giovannini, presidente dell'Istat, il prof. Giovanni Pitruzzella, presidente dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato; il dottor Salvatore Rossi, membro del Direttorio della Banca d'Italia, l'on. Giancarlo Giorgetti e il sen. Filippo Bubbico, presidenti delle Commissioni speciali operanti alla Camera e al Senato, e il ministro Enzo Moavero Milanesi.




Fonte: Quirinale
Via  ANSA
Foto dal video

Morto a 75 anni Franco Califano, califfo della musica italiana - video

Era per tutti "Er Califfo" e, parafrasando il titolo di uno dei suoi successi, l'ultimo califfo è andato via. Malato da tempo, Franco Califano, a 75 anni, si è spento nella sua casa di Acilia. Solo pochi giorni fa, il 18 marzo, si era esibito al Teatro Sistina di Roma. Originario di Paganica, ma nato a Tripoli, che allora era una colonia italiana, il 14 settembre del 1938, e cresciuto a Roma. "Er Califfo", ma la cerchia dei suoi fan lo chiamava "il maestro", è stato un autore di classici della canzone, un interprete di successo, un poeta, un attore, un protagonista delle cronache per le sue amicizie pericolose e le sue rischiose abitudini. Cantante, ma anche scrittore, attore, personaggio nella stagione dei reality tv, fu, tra l'altro co-autore di canzoni come "Minuetto" di Mia Martini, o "Un grande amore e niente più", o ancora "E la chiamano estate". Successi romantici, anche se la sua resterà sempre l'immagine del playboy, del "macho" che anche nella vita ha conosciuto momenti duri e sofferti. Ma se c'è un titolo che sintetizza la sua vita e la sua carriera è "Tutto il resto è noia", un caso di scuola di brano che diventa un manifesto esistenziale. I suoi ultimi anni sono stati difficili: aveva sperperato un patrimonio, il fisico, cui aveva sempre chiesto molto, cominciava a cedere e finì sui giornali perché aveva richiesto il sussidio previsto dalla legge Bacchelli.






Fonti varie
Foto da video

sabato 30 marzo 2013

Chiesto ritiro campagna pubblicitaria straccio magico a Napoli - video

Il ministro del Lavoro e Pari Opportunità Elsa Fornero ha chiesto il ritiro della pubblicità dello "straccio magico" nei cartelloni affissi nelle strade della città di Napoli. L'immagine raffigura un uomo con uno strofinaccio in mano seduto su un letto sul quale giace esanime

Ritorna l'ora legale, lancette avanti nella notte tra il 30 e il 31 marzo

Torna l'ora legale: nella notte tra sabato santo e la domenica di Pasqua si dormirà 60 minuti di meno. Alle due del mattino di domenica 31 marzo scatterà infatti lo spostamento delle lancette degli orologi, che dovranno essere regolati un'ora avanti. Si tornerà

Fisco: al via archivio rapporti finanziari, nuova arma contro evasione

Il direttore dell'Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, ha firmato il provvedimento che rende operativa l'Anagrafe dei rapporti finanziari, previsto dal decreto "salva Italia", che sarà applicato a conti correnti, depositi, contratti derivati, fondi pensioni, investimenti vari, acquisti di oro e preziosi, utilizzo delle carte di credito e delle cassette di sicurezza. I primi dati inizieranno ad affluire a fine ottobre e saranno relativi al 2011. Poi a marzo 2014 quelli del 2012. Quindi di aprile in aprile quelli dell'anno precedente. Le informazioni acquisite confluiscono in un'apposita sezione dell'Anagrafe tributaria e sono trattate in osservanza delle regole della riservatezza e protezione dei dati. Le informazioni serviranno alla formazione di specifiche liste selettive di contribuenti a maggiore rischio di evasione. I dati, inoltre, saranno utilizzati ai fini della semplificazione degli adempimenti dei contribuenti in merito alla "dichiarazione sostitutiva unica" necessaria per ottenere prestazioni sociali agevolate (articolo 4, Dlgs 109/1998) e per il controllo sulla corrispondenza dei dati indicati nella stessa dichiarazione. Un nuovo canale di trasmissione è stato predisposto per la gestione dei dati. Il "Sistema interscambio dati" (Sid), prevede una connessione tra sistemi informativi application-to-application, consentendo uno scambio automatizzato.

Fonte: Fisco Oggi
Via: La Repubblica
Foto dal web

Giù bollette luce e gas, Coldiretti: bene taglio dopo +13,4% del 2012

Dal primo aprile calano le tariffe dell'energia elettrica e del gas: le prime  diminuiranno dell'1% (che si aggiunge al -1,4 per cento di gennaio) e le seconde del 4,2% con un risparmio complessivo di circa 60 euro su base annua, di cui 5 euro per l'elettricità e circa 55 euro per il gas. Ad annunciarlo è l'Autorità per l'energia. In diminuzione da aprile anche il prezzo del gpl che registra un calo dello 0,5%, dopo il -1,6% di marzo e il -3,8 per cento di febbraio. E' positiva la decisione di tagliare le bollette da parte dell'Autorità per l'energia dopo che nel 2012 i prezzi dei beni non regolamentati come l'energia elettrica e il gas naturale hanno subito un rincaro record del 13,4 per cento, più che raddoppiato rispetto a quello del 2011 quando il rincaro è stato comunque del 6,3 per cento. E' quanto afferma la Coldiretti sulla base dei dati Istat nel commentare il risparmio di circa 60 euro su base annua sulle bollette del gas stimato dall'Autorità dell'energia a seguito della prevista diminuzione del 4,2 per cento le bollette del gas e dell'1 per cento a partire da aprile. L' aumento della spesa energetica in un momento di crisi ha un doppio effetto negativo perchè - sottolinea la Coldiretti - riduce il potere di acquisto dei cittadini e delle famiglie e aumenta anche i costi delle imprese particolarmente rilevanti per l'agroalimentare.

Via: Coldiretti

Pistorius libero di viaggiare, potrebbe partecipare ai Mondiali - video

Oscar Pistorius, accusato dell'omicidio della sua fidanzata, ha ottenuto il permesso di viaggiare all'estero da un giudice sudafricano. L'Alta Corte di Pretoria ha accolto il ricorso dell'atleta paralimpico sudafricano, contro alcune restrizioni impostegli al momento del rilascio su cauzione. "La decisione del magistrato di non restituirgli il passaporto per poter viaggiare all'estero è stata un errore", ha dichiarato il giudice Bert Barn. Pistorius non era presente in aula al momento della lettura dell'ordinanza sul ricorso, a cui si era opposta l’accusa. L'atleta potrà viaggiare all'estero purché fornisca il suo itinerario all'accusa con una settimana di anticipo e restituisca il passaporto entro 24 ore dal rientro in patria. Il magistrato ha anche stabilito che lo sprinter 26enne potrà tornare nella sua lussuosa abitazione in cui fu trovata morta Reena Steenkamp e che non dovrà più presentarsi due volte a settimane nel commissariato di polizia di Brooklyn. Respinta invece la richiesta di revoca per i periodici test per l'acol e le droghe. Intanto, la Iaaf (Federazione Internazionale di Atletica) ha già concesso il nulla osta per la partecipazione di Pistorius ai prossimi Mondiali di atletica, in programma a Mosca, in quanto - spiega il portavoce Iaff Yannis Nikolaula - si è innocenti, e quindi liberi di gareggiare, fino a quando non si viene condannati.





Fonte: La Stampa
Via: Associated Press

Muore Enzo Jannacci, il dottore e poeta della musica italiana - video

Si è spento a 77 anni nella sua amata Milano Enzo Jannacci. Cantautore, cabarettista, oltre che cardiologo, è stato tra i professionisti della scena musicale italiana. Con oltre cinquant'anni di carriera alle spalle, ha regalato indimenticabili successi come "Vengo anch'io. No, tu no" e "Ho visto un re". Malato da tempo di cancro, negli ultimi giorni era stato ricoverato in ospedale dopo un repentino peggioramento delle sue condizioni. Con lui, al momento della scomparsa nella clinica Columbus, c'era tutta la famiglia. Autore di quasi trenta album, alcuni dei quali rappresentano importanti capitoli della discografia italiana, e di varie colonne sonore, Enzo Jannacci, dopo un periodo di ombra nella seconda metà degli anni '90, è tornato a far parlare di sé ottenendo vari premi alla carriera e riconoscimenti per i suoi ultimi lavori discografici. È ricordato come uno dei pionieri del rock and roll italiano, insieme ad Adriano Celentano, Luigi Tenco, Little Tony e Giorgio Gaber, con il quale formò un sodalizio durato più di quarant'anni. La morte di Enzo Jannacci ha colpito l'ambiente del Milan, del quale il cantautore era grande tifoso: scrisse l'inno della squadra rossonera nel 1984. "Tutto il Milan e tutti i Rossoneri apprendono commossi la notizia e si stringono con affetto e sgomento alla famiglia", si legge sul sito della società.




Fonti: Adnkronos | TG Com
Via: A.C. Milan
Foto dal video

venerdì 29 marzo 2013

Torino, maxisequestro bigiotteria falsa: oltre 200mila articoli - video

I "Baschi Verdi" della Guardia di Finanza di Torino hanno sequestrato 222.000 oggetti di bigiotteria recanti marchi contraffatti ovvero venduti in violazione del Codice del Consumo. I finanzieri hanno individuato due esercizi commerciali di Torino gestiti da cittadini cinesi, uno dei quali ubicato vicino a Piazza Castello, che ponevano in vendita i predetti articoli privi di regolare etichettatura, sprovvisti di qualsiasi indicazione circa la denominazione merceologica, i dati dell'importatore, la presenza di materiali o sostanze pericolose, con evidenti rischi per la sicurezza degli ignari consumatori. Nel negozio in centro, i militari hanno rinvenuto anche numerosi monili recanti marchi riproducenti modelli prodotti da importantissime aziende del settore quali Chanel, Louis Vuitton, Guess, Bulgari. Il titolare è stato denunciato per violazione delle norme in materia di contraffazione. Sono in corso indagini per ricostruire la filiera produttiva e delineare le responsabilità delle persone coinvolte nel commercio illegale, anche al fine di individuare e sequestrare i patrimoni illecitamente accumulati. Nell'ultimo anno la Guardia di Finanza di Torino ha sottoposto a sequestro ulteriori 300.000 prodotti irregolari: principalmente giocattoli, abbigliamento e relativi accessori, ma anche prodotti elettrici, accessori per la casa e per la scuola, pezzi di ricambio e cosmetici.


Via: Guardia di Finanza
Foto dal video

Usa preoccupati per la possibile estradizione di Amanda Knox - video

La sentenza della Corte di Cassazione che ha annullato l'assoluzione in Appello per Raffaele Sollecito e Amanda Knox, accusati dell'omicidio della studentessa Meredith Kercher, ha acceso un dibattito negli Stati Uniti circa la possibile estradizione in Italia della giovane americana. Una possibilità non esclusa dalla decisione della Cassazione di aprire un nuovo processo d'Appello a Firenze. "Questo non significa che gli Stati Uniti debbano necessariamente estradarla - spiega David Laufman, ex procuratore federale - certo, è molto probabile che ci sarà un lungo tira e molla tra funzionari del Ministero della Giustizia italiano e gli avvocati del Dipartimento di Stato e di quello della Giustizia americani, fino a una formale richiesta di estradizione". Per il sistema americano, in forza di un principio chiamato "Double jeopardy", Amanda non potrebbe essere giudicata due volte per lo stesso reato. Un principio simile esiste anche nel diritto italiano, ma il caso è diverso perché non si tratta di un procedimento "ex novo" bensì di una revisione del processo d'Appello dopo l'annullamento della sentenza di secondo grado da parte della Cassazione. Amanda Knox, dopo l'assoluzione in Appello è tornata a vivere negli Stati Uniti con i genitori e ha scritto un libro di memorie "Waiting to be heard", in libreria dal 30 aprile 2013.



Fonte: TMNews
Via: Dailymotion
Foto dal web

Fondi Lazio: scarcerato Franco Fiorito, accolta richiesta dei difensori

Torna il libertà l'ex capogruppo del Pdl alla Regione Lazio, Franco Fiorito, arrestato il 2 ottobre scorso con l'accusa di peculato per essersi impossessato di 1 milione e 400 mila euro dei fondi destinati al suo gruppo consiliare. Lo ha deciso il gip del tribunale di Roma, Rosalba Liso, che ha accolto la richiesta presentata dai difensori, gli avvocati Carlo Taormina e Enrico Pavia. Dal 27 dicembre scorso Fiorito si trovava agli arresti domiciliari nella sua abitazione di Anagni, in provincia di Frosinone. Il 14 febbraio scorso è cominciato il processo in rito abbreviato. La prossima udienza è fissata per l'8 aprile. Fiorito è assistito dagli avvocati Carlo Taormina ed Enrico Pavia. Secondo le iniziali accuse del pm Alberto Pioletti l'imputato avrebbe effettuato 193 bonifici per far confluire sui conti in Italia e all'estero 1 milione e 400 mila euro. Secondo gli inquirenti, l'ex sindaco di Anagni avrebbe dirottato sui suoi conti in Italia e all'estero circa un milione di euro dei fondi destinati al gruppo consiliare del Popolo della Libertà. In totale sono otto i milioni transitati nei conti correnti del gruppo consiliare negli ultimi due anni. Ed è questa la cifra su i pubblici ministeri della Procura di Roma hanno focalizzato la loro attenzione. Un fiume di denaro che spesso, era destinato non solo per cene e regali ma anche per spese "culturali".



Fonte: ANSA
Via: GRR Rai

Omicidio a Perugia, indagati ex fidanzato e padre del giovane - video

Svolta nelle indagini sull'omicidio di Alessandro Polizzi, il 24enne ucciso a colpi di pistola lunedì notte a Perugia. A finire sul registro degli indagati sono Valerio Menenti, l'ex fidanzato di Julia Tosti, la ragazza di Polizzi rimasta ferita, e suo padre. Il giovane, un tatuatore, si è detto estraneo al delitto, spiegando che quella notte si trovava in ospedale. La polizia scientifica, intanto, ha perquisito le abitazioni di Ponte San Giovanni, dove vive il 26enne e quella di Frontignano dove vive il padre del ragazzo. Perquisito anche lo studio di tatuatore dell'ex fidanzato di Julia. Le ipotesi di reato sono omicidio pluriaggravato e tentato omicidio. Alessandro Polizzi sarebbe stato ucciso da un solo colpo di pistola che lo ha raggiunto ai polmoni. E' quanto sarebbe emerso dall'autopsia sul corpo del giovane che è stata eseguita nella tarda mattinata di ieri e sui cui esiti viene tuttavia mantenuto uno stretto riserbo. L'ipotesi è che si tratti dello stesso proiettile che ha poi ferito ad una mano la fidanzata di Polizzi, Julia Tosti. La famiglia della ragazza ha nominato come proprio consulente Walter Patumi. Polizzi aveva inoltre diversi tagli e lesioni alla testa, non si sa provocati da cosa, non tali comunque da giustificarne la morte. Intanto, è stata dimessa dall'ospedale la 20enne Julia. Lo conferma il legale della famiglia Luca Maori.





Fonte: AGI
Via: Rai News24
Foto: Facebook

Nelson Mandela ricoverato di nuovo per infezione polmonare - video

E' cosciente Nelson Mandela, ricoverato mercoledì notte in un ospedale di Pretoria per una recrudescenza dell'infezione polmonare di cui aveva già sofferto qualche mese fa. I problemi di salute del premio Nobel per la pace e simbolo della lotta contro l'Apartheid in Sudafrica preoccupano i suoi tanti sostenitori a Pretoria e nel resto del paese. "Madiba, hai fatto tanto per noi: è a te che dobbiamo i progressi effettuati nella nostra società: se adesso l'educazione è un diritto garantito a tutti, è merito tuo". "Devi tenere duro, abbiamo ancora bisogno della tua guida!". L'auspicio di una pronta ripresa è stato espresso anche dal presidente Jacob Zuma, che ha invitato i sudafricani a pregare per l'ex leader 94enne. "Niente panico. Mandela è in buone mani" ha cercato di tranquillizzare Zuma. "Abbiamo piena fiducia nei medici, sappiamo che faranno tutto il possibile per garantirgli la guarigione", ha aggiunto il presidente. "Facciamo appello al popolo del Sud Africa e al mondo, a pregare per il nostro amato Madiba e per la sua famiglia", ha aggiunto. Mandela era già stato ricoverato all'inizio di marzo per accertamenti. A dicembre Mandela era stato ricoverato per un'infezione ai polmoni e aveva subito un'operazione per la rimozione di alcuni calcoli. Nel 1993 è stato insignito del Nobel per la Pace.



Fonte: Euronews
Via: BBC News

giovedì 28 marzo 2013

Napoli: festa Aeronautica, scuse a marò da ministro Di Paola - video

Si è svolta a Napoli in piazza del Plebiscito la cerimonia per i 90 anni dell'Aeronautica Militare. Nell'occasione si è svolto il giuramento del corso "Pegaso V" dell'Accademia Aeronautica di Pozzuoli. "Dico a Massimiliano e Salvatore che mi scuso che non sono stato capace di fare in modo che oggi fossero con noi in questa piazza. La decisione del rientro in India dei due Marò è stata una scelta sofferta e dolorosa ma in quel momento necessaria. Una scelta collegiale del governo". A Napoli, il ministro Di Paola è tornato, sulle ore che hanno preceduto la partenza dei due marò per l'India. "Nel nuovo scenario internazionale, l'Aeronautica continua ad assolvere compiti di primaria importanza, in Patria e all'estero, a difesa dei cieli e per la protezione delle unità di terra e di mare impegnate, sotto l'egida delle organizzazioni internazionali, nelle missioni per la pace, la sicurezza e la stabilizzazione delle aree di crisi". Così il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in occasione del 90esimo anniversario della fondazione dell'Aeronautica Militare. In un messaggio inviato al capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica, il Generale di Squadra Aerea Pasquale Preziosa, Napolitano ha rivolto il proprio "deferente pensiero alla bandiera della Forza armata e agli aviatori caduti nell'adempimento del dovere".





Fonte: Tiscali Video
Via: AISE

Usa, scompare da laboratorio fiala con virus letale Guaranito - video

Il Galveston National Laboratory in Texas ha perso una delle cinque fiale contenenti un il virus mortale d'origine venezuelana, il Guanarito. "Come il virus Ebola, il Guanarito provoca la febbre emorragica che può compromettere gli organi interni, la bocca, gli occhi e le orecchie", avvertono i Centers for Disease Control and Prevention. "Per fortuna la perdita di un flaconcino di Guanarito non è così pericolosa come quella di una fiala di antrace - afferma alla rete televisiva Abc William Schaffner, direttore del Centro di medicina preventiva del Vanderbilt University Medical Center di Nashville - il virus potrebbe teoricamente diffondersi tra gli esseri umani, ma i picchi maggiori si sono registrati solo Venezuela e tra i roditori". I ricercatori non credono che il virus Guanarito possa diffondersi e sopravvivere nei roditori americani e quindi arrivare a colpire le persone, anche se ha già causato almeno un centinaia di casi tra gli abitanti delle regioni del Venezuela interessate dalla patologia. "In caso di infezione - concludono gli esperti - la mortalità è tra il 10-20% dei casi, e al momento non esiste alcun trattamento". Il virus Guanarito è tra gli agenti virali classificati dai CDC come potenziale arma di distruzione di massa o agenti per il  terrorismo biologico. L'FBI non conferma né smentisce l'esistenza di eventuali indagini.



Fonte: Adnkronos Salute
Vie: Adnkronos | Abc News
Foto dal video: Abc News

Napoli, sequestrate armi e 2 chili di cocaina nascoste in auto - video

Nei giorni scorsi i finanzieri del Comando Provinciale di Napoli, a seguito di una segnalazione al numero di pubblica utilità 117, hanno sottoposto a sequestro una bomba tipo "ananas" di produzione ex jugoslava contenente esplosivo ad alto potenziale con circa 3.000 pallini in sfere d'acciaio, un fucile a pompa calibro 12, una pistola a pallettoni calibro 12, circa 600 munizioni, 8 caricatori per fucili mitragliatori e pistole e oltre due chilogrammi di cocaina. Le attività investigative sviluppate dagli uomini della Compagnia di Casalnuovo hanno consentito di individuare, in un parcheggio di un centro commerciale a Casalnuovo di Napoli, un'autovettura sospetta parcheggiata in un'area di circa 2000 metri adibita a posteggio, ubicata tra due immobili residenziali ed adiacente ad un centro di riabilitazione. Nell'autovettura sono state rinvenute, sebbene abilmente occultate, la bomba, le armi e le munizioni. Inoltre, sotto i sedili anteriori del veicolo, i finanzieri hanno scoperto anche quattro pani di cocaina per un peso complessivo di oltre due chili. In considerazione della potenziale pericolosità dell'ordigno rinvenuto e degli effetti micidiali che avrebbe potuto provocare un'eventuale esplosione la zona è stata messa in sicurezza e sono stati attivati gli artificieri dei carabinieri, i vigili del fuoco e un'autoambulanza del 118.


Fonte: Guardia di Finanza
Foto dal video

Mafia: arrestati 7 esponenti clan, pentito fa luce su 4 omicidi - video

I Carabinieri del Comando Provinciale di Catania, di Milano e Lecce hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dall'ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Catania, su richiesta della locale Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia - a carico di sette appartenenti al clan ''Santapaola - Ercolano''. Le indagini hanno permesso di ricostruire la genesi e il movente di quattro omicidi commessi a Catania nell'arco temporale compreso tra il 1995 ed il 2009. L'operazione nasce dall'attività di riscontro delle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Santo La Causa, reggente dell'associazione mafiosa dal 2006 al 2009, il quale ha fornito un contributo determinante per la risoluzione dei quattro casi, finora rimasti insoluti.  Tra i destinatari dei provvedimenti Maurizio Zuccaro, 52 anni, elemento di spicco di Cosa nostra etnea, già condannato per omicidio ma sottoposto alla detenzione domiciliare perché malato. Gli altri sono Orazio Magrì, 42 anni, Fabrizio Nizza di 38, Carmelo Puglisi di 49, Lorenzo Saitta di 38, Mario Strano di 48, Francesco Crisafulli, di 50. "Santo La Causa - dice il procuratore Giovanni Salvi - si sta rivelando un collaborante molto preciso e affidabile. Anche in sede dibattimentale, fino a questo momento, ha retto in maniera molto attenta".




Fonte: Adnkronos
Via: La Repubblica
Foto dal video

Napoli, fermato presunto mandante omicidio di Lino Romano - video

E' stato arrestato dalla squadra mobile di Napoli Giuseppe Montaniera, considerato un affiliato al clan degli Scissionisti e mandante dell'omicidio di Lino Romano, incensurato di 30 anni ucciso per uno scambio di persona il 15 ottobre scorso mentre usciva dalla casa della fidanzata, in Piazza Marianella, per andare a giocare una partita di calcetto. Il vero destinatario dell'agguato camorristico era Domenico Gargiulo, affiliato del clan rivale ma un sms tardivo provocò l'errore fatale per Romano. Montaniera viene arrestato 15 giorni dopo Salvatore Baldassarre, il latitante preso dai carabinieri di Napoli considerato l'esecutore materiale dell'omicidio. Il killer trucidò Lino Romano con 14 colpi di pistola. "Io quando poi inizio a sparare non mi fermo più": così Salvatore Baldassarre spiegò a un altro affiliato al gruppo degli scissionisti, Carmine Annunziata, il clamoroso errore di persona costato la vita a un innocente. L’agguato fu organizzato e messo in atto nell'ambito dei contrasti fra il clan camorristico degli "Abete-Abbinante-Notturno", al quale secondo gli investigatori apparteneva Baldassarre, e il gruppo della cosiddetta "Vanella Grassi", per il controllo sulle piazze di spaccio nella zona Nord di Napoli. Romano fu ucciso per un sms che avrebbe dovuto mandare una donna assoldata dai sicari.



Fonte: TMNews
Via: Il Fatto Quotidiano

Aldrovandi, segretario Coisp: rispettiamo madre del ragazzo - video

Ha innescato polemiche la manifestazione di solidarietà promossa dal sindacato di polizia Coisp per i quattro agenti condannti definitivamente per l'omicidio colposo di Federico Aldrovandi. Il sit-in di protesta è infatti andato in scena sotto l'ufficio della madre del 18enne morto nel settembre 2005 in un parco pubblico a Ferrara durante un controllo di polizia. Il gruppetto di manifestanti si è radunato ieri mattina in piazza Savonarola a pochi metri dalla sede del municipio di Ferrara dove lavora come dipendente comunale Patrizia Moretti, madre di Federico Aldrovandi. La donna, vedendo quanto accadeva dalla finestra dell'ufficio, ha definito l'iniziativa "una chiara provocazione verso di lei e verso il Comune. Sulla stessa linea, ha sottolineato la Moretti, anche il sindaco di Ferrara, Tiziano Tagliani. La Presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini, ha telefonato a Patrizia Moretti per esprimerle affettuosa vicinanza dopo la provocatoria manifestazione messa in atto ieri mattina a Ferrara. Il segretario generale del Coisp, Franco Maccari, ha diffuso una nota nella quale avvisa i media di aver dato una lettura distorta del sit in di Ferrara. "Con assoluta e caparbia ricerca di dialogo, ribadiamo a chiunque, anche ai sordi, che alla madre di Aldrovandi non mancheremmo di rispetto nemmeno sotto tortura".



Via: AGI
Foto dal web

mercoledì 27 marzo 2013

Angelina Jolie, in Congo e Rwanda contro gli stupri di guerra - video

L'attrice americana Angelina Jolie, in veste di inviato speciale dell'agenzia Onu per i rifugiati, ha visitato il campo profughi di Nzulo, vicino a Goma, in Rwanda assieme al ministro degli esteri britannico William Hague. Scopo della visita in Rwanda e Congo:

Gorizia: frode fiscale da oltre 8 milioni euro, beni sequestrati - video

I finanzieri del comando provinciale di Gorizia hanno scoperto un'evasione fiscale da 8 milioni di euro ad opera di un imprenditore locale operante nella produzione e commercializzazione di pellet. Sequestrate dalle Fiamme Gialle du unità immobiliari, un terreno ed un'automobile di proprietà del legale rappresentante di una Srl con sede in provincia di Gorizia. Il sequestro è diretta conseguenza di un'attività di verifica fiscale intrapresa dagli investigatori del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Gorizia nei confronti di una società isontina, che ha fatto emergere violazioni alle norme che regolano lo scambio di denaro contante per circa 300mila. I beni, per un valore totale di oltre 600mila euro, sono stati sequestrati dai finanzieri isontini su disposizione del Sostituto Procuratore presso il Tribunale di Gorizia, in esecuzione di un'ordinanza di sequestro preventivo "per equivalente" emessa dall'ufficio del Gip di Gorizia. Lo sviluppo degli elementi emersi nel corso dell'attività amministrativa, sfociata in indagini inizialmente coordinate dalla Dda di Trieste e poi dalla Procura della Repubblica di Gorizia, ha permesso di smascherare un ingegnoso, quanto insidioso, meccanismo di evasione fiscale che aveva consentito alla società di occultare al Fisco parte significativa dei propri ricavi.



Via: Guardia di Finanza
Foto dal video

Orefice ucciso: arrestato killer in Spagna, aveva lavorato con vittima

E' stato preso il presunto omicida di Giovanni Veronesi, l'orefice ucciso una settimana fa nel suo negozio a Milano. Si tratta di un impiantista, incensurato e attualmente disoccupato, che aveva installato il sistema di allarme nel negozio della vittima, e che era stato immortalato dalle telecamere di sicurezza della zona. Gli inquirenti sono arrivati a lui grazie ad alcune immagini delle telecamere. Già oggi l'uomo potrebbe essere interrogato in modo da ottenere l'estradizione. Nella notte i carabinieri del Comando Provinciale di Milano hanno dato esecuzione a un mandato di cattura europeo nei confronti del responsabile dell'omicidio di Giovanni Veronesi, l'orefice ucciso nel suo negozio di Milano il 21 marzo. L'omicida era stato ripreso ripreso proprio dalle telecamere a circuito chiuso posizionate nella gioielleria, nel centrale quartiere Brera. "L'autore dell'omicidio è stato localizzato e tratto in arresto in Spagna", si legge in una nota dei carabinieri, che nel corso delle perquisizioni hanno rinvenuto gran parte della refurtiva provento della rapina alla gioielleria. Nel corso dell'operazione è stata rinvenuta gran parte della refurtiva provento della rapina alla gioielleria. L'arresto è arrivato nel giorno dei funerali di Veronesi, che si terranno alle 14:45 nella parrocchia della Chiesa del Carmine a Brera.

Fonte: AGI
Via: TMNews
Foto da video

Malta: ragazza italiana stuprata da quattro uomini, choc a La Valletta

Una ragazza italiana di 22 anni, residente a Malta, è stata stuprata da quattro extracomunitari che nella notte tra domenica e lunedì l'hanno fatta salire in auto, per poi violentarla ad Hal Far, zona alla periferia de La Valletta abitata prevalentemente da nordafricani. E' quanto ha raccontato la stessa ragazza alla stazione di polizia di Birzebugia, dove ha denunciato l'episodio. "Stiamo ancora verificando i particolari dell'accaduto - commentano dalla Divisione criminale della Polizia di Malta - e abbiamo informato la magistratura". Secondo le informazioni apprese da La Stampa, la giovane stava passeggiando per San Julien, località turistica alle porte de La Valletta piena di locali e discoteche, quando sarebbe stata avvicinata dall'auto e fatta salire. Dopo la violenza, la ragazza è stata soccorsa da un gruppo di operai che l'ha trovata all'alba, mentre andava in cantiere. La giovane è stata poi medicata in ospedale. Nella denuncia si parla di "stranieri", ma al momento dal comando della Polizia escludono possa trattarsi di italiani, o persone a Malta in occasione della partita di ieri sera Malta-Italia, per le qualificazioni ai Mondiali del 2014. L'episodio ha destato molto clamore a La Valletta, considerata una delle città più sicure d’Europa: l'ultima aggressione a una donna, racconta la Polizia, era avvenuta oltre sei anni fa.



Via: La Stampa
Foto dal web

Marò, Di Paola: facile dimettermi ma non abbandono la nave - video

E' scontro tra l'ammiraglio Gianpaolo Di Paola, ministro della Difesa, e il collega degli Esteri Giulio Terzi. Il capo della Farnesina ha annunciato le proprie dimissioni per il 'caso marò' e subito Di Paola ha fatto sapere di voler restare al proprio posto "perchè non si abbandona la nave". "Oggi sarebbe facile per me rassegnare le dimissioni, lasciare la poltrona che a breve lascerò comunque ad un altro ministro, ma verrei meno al senso del dovere delle istituzioni che ho sempre servito e alle scelte del governo che ho condiviso. Ma non abbandonerò la nave con a bordo Massimiliano e Salvatore, sino all'ultimo giorno di governo". E' quanto ha detto il ministro della Difesa Giampaolo Di Paola durante l'informativa alla Camera sulla vicenda dei due marò italiani Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. "Le decisioni collegiali del governo si rispettano e si onorano. Sono stato io a comunicare a Latorre e Girone la decisione, rispetto a una scelta di governo che ho condiviso. Era un mio dovere istituzionale. Sono stato io a guardarli negli occhi e a comunicare loro quel che loro hanno poi fatto. In serena coscienza ho sempre agito e mi sono sempre battuto per il bene dei due fucilieri; se non ci sono riuscito me ne scuso con tutti, in particolare con Latorre e Girone e i loro familiari".



Fonte: TMNews
Via: AGI
Foto dal video

Caserta, arrestata banda rapinatori gioiellerie: a capo donne - video

Erano specializzati in rapine a mano armata alle gioiellerie della provincia di Caserta, ed erano riusciti a mettere a segno una serie di colpi in un brave periodo di tempo: i carabinieri del nucleo investigativo di Caserta hanno sgominato una banda di rapinatori di gioiellerie, arrestando nove persone, tra cui sei donne, tutti originari della provincia di Napoli. A capo del gruppo criminale tutte donne. Le modalità delle rapine sono evidenti dalle immagini di uno dei colpi ripresi dalle telecamere di sorveglianza, diffuse dai carabinieri. Un rapinatore entra in gioielleria con le pistole in mano, a capo scoperto, e minaccia i commessi, poi viene raggiunto da altri due complici con il casco in testa, uno delo aiuta a prendere i beni dalla cassaforte. Alla fine i tre escono col bottino e si danno alla fuga. L'indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, è partita nel settembre 2011 dopo una rapina commessa ai danni di una gioielleria a Macerata Campania. Dalle indagini è emerso che erano le donne a effettuare i sopralluoghi prima dei colpi, a bordo di un'auto. Entravano per prime nei negozi di preziosi, seguite dai tre o quattro 'colleghi' maschi, che entravano in azione con il volto coperto dal casco e con armi giocattolo. La presenza delle donne ha permesso ai carabinieri di smantellare la banda.



Fonte: TMNews
Via: TG1 Rai
Foto dal video

Camere/ Battiato: dispiace, riferimento a passate esperienze - video

"Ci sono troie in giro in Parlamento che farebbero di tutto. E' inaccettabile. Si dovrebbe aprire un casino e farlo pubblico", ha detto Franco Battiato durante un intervento al Parlamento europeo. Pronta la risposta del presidente della Camera Laura Boldrini: "Neanche il suo prestigio lo autorizza a usare espressioni così". "Prendo atto con dispiacere che il senso della mia frase, che ovviamente si riferiva a passate esperienze politiche caratterizzate da una logica da mercimonio offensiva della dignità delle donne, sia stato travisato e interpretato come una offesa al Parlamento attuale, per il quale ho stima, o per le donne, o addirittura riferibile al Parlamento europeo. Era evidente che il riferimento era a passate stagioni parlamentari che ogni italiano di buon senso vuole dimenticare. Stagioni caratterizzate dal malaffare politico, dal disprezzo per le donne e per il bene pubblico". Lo scrive in una nota Franco Battiato, assessore alla Cultura della Regione Sicilia, precisando le sue parole sulle "troie in Parlamento" pronunciate ieri a Bruxelles. "Dispiace altresì prendere atto che dopo un'ora e mezza di conferenza in cui abbiamo raccontato quello che stiamo facendo per ridare dignità e speranza alla Sicilia, sia passata una singola frase che ovviamente non poteva essere riferibile all'attualità", conclude Battiato.


Fonte: TMNews
Via: Il Fatto Quotidiano
Foto dal video

martedì 26 marzo 2013

Caso Marò, Terzi si dimette: contrario al loro ritorno in India - video

"Annuncio le mie dimissioni. Le riserve da me espresse sul rientro dei marò in India non hanno prodotto alcun effetto visto che la decisione è stata un'altra". Il ministro degli Esteri Giulio Terzi si rivolge così alla Camera dei Deputati durante l'informativa sui marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. "Mi dimetto in disaccordo con la decisione di rimandare i marò in India. Le riserve da me espresse non hanno prodotto alcun effetto e la decisione è stata un’altra". E ancora ha insistito: "Da ministro ho espresso serie riserve alla repentina decisione di trasferire in India il 22 marzo i due marò, ma la mia voce è rimasta inascoltata". "Mi dimetto perché solidale in modo completo con i nostri marò e con le loro famiglie", ha aggiunto nel corso della sua relazione alla Camera sul caso dei fucilieri in attesa di giudizio a New Delhi. "Ho atteso fino a oggi per dimettermi", ha spiegato, "perché volevo venire qui in Parlamento come sede della sovranità" popolare. E ha aggiunto: "io ho dato informazioni a tutte le autorità di governo sugli aspetti critici del negoziato con l’India. Tutte le istituzioni erano informate e d’accordo sulla decisione di trattenere in Italia i marò. La linea del governo è stata approvata da tutti l'8 marzo". "Da uomo delle istituzioni per 40 anni, mai avrei agito in modo autoreferenziale", ha aggiunto il titolare della Farnesina.



Fonte: TMNews
Via: La Stampa
Foto dal video

Corea del Nord: pronti a colpire Usa, propaganda bellica in un video

La Corea del Nord ha annunciato che i suoi missili strategici e le sue unità di artiglieria a lunga gittata sono stati posizionati per l'attacco contro Stati Uniti, Hawaii e Guam. Secondo quanto riporta l'agenzia ufficiale Kcna il comando supremo dell'esercito nordcoerano ha ordinato alle unità missilistiche e di artiglieria di assumere la "principale posizione di combattimento per prendere di mira obiettivi nemici negli Stati Uniti". Intanto, da Seul si afferma che non sono state registrati nelle ultime ore segnali di attività militari insolite al Nord. Le nuove minacce di Pyongyang arrivano dopo un escalation di tensione innescata dal terzo test nucleare condotto dai nordcoreani il 12 febbraio scorso, che ha portato al varo da parte del Consiglio di Sicurezza dell'Onu di nuove sanzioni. Il mese scorso, la Corea del Nord ha prodotto un video bizzarro di una sequenza onirica che immagina una città degli Stati Uniti che assomiglia a New York nel quadro di un apparente attacco missilistico e l'Empire State Building mostrato in fiamme. Il filmato dell'attacco sembra essere stato tratto dal videogioco "Modern Warfare 3". Non si ritiene che la Corea del Nord abbia la tecnologia per colpire gli Stati Uniti con armi nucleari e neanche con missili balistici, ma dovrebbe essere in grado di colpire le basi militari Usa nel Pacifico con missili a medio raggio.


Fonte: Adnkronos
Foto dal video

Meredith/ annullate le assoluzioni, legale: battaglia prosegue - video

La Cassazione ha annullato con rinvio il processo d'appello nei confronti di Raffaele Sollecito e di Amanda Knox per l'omicidio di Meredith Kercher.  La Corte suprema ha disposto la celebrazione di un nuovo processo a Firenze. Confermata invece la condanna per calunnia, ai danni di Lumumba, nei confronti di Amanda. La decisione della prima sezione penale della Cassazione presieduta da Severo Chieffi è arrivata all'indomani della lunga udienza presso piazza Cavour. Con questa decisione la Suprema Corte si è completamente allineata alle richieste della pubblica accusa rappresentata da Luigi Riello che ieri, nella sua dura requisitoria, aveva smontato la sentenza della Corte d'Assise di Perugia che aveva assolto i due ex fidanzati. ''Io non ho attaccato i miei colleghi - dice oggi Riello - Ho semplicemente detto che sul banco degli imputati c'era una sentenza d'appello che era un monumento all'illogicità e le mie accuse sono state accolte''. Riello ha difeso anche la validità delle prove acquisite dalla polizia scientifica, fortemente censurate invece dai giudici di secondo grado. A fare ricorso contro la sentenza di assoluzione era stata la procura generale di Perugia e la famiglia Kercher, parte civile con l'avvocato Francesco Maresca. Giulia Bongiorno, legale di Raffaele Sollecito: "La battaglia continua".




Fonte:  TMNews
Via: TG1 Rai

Camorra, operazione contro clan nel Casertano: 41 arrestati - video

Controllavano il territorio Casertano a colpi di usura, estorsioni e minacce. Un blitz dei carabinieri ha portato all'arresto di 41 persone affiliate al clan camorristico Amato attivo a Santa Maria Capua Vetere. L'operazione ha riguardato diverse

Mafia/ 7 anni a Dell'Utri: Pg chiede arresto, la Corte respinge - video

Il procuratore generale di Palermo Luigi Patronaggio ha chiesto l'arresto dell'ex senatore del Pdl Marcello Dell'Utri. La decisione, arrivata dopo la seconda sentenza d'appello che ha confermato la condanna a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa nei confronti del manager di Publitalia '80, è stata motivata dal pericolo di fuga. Ma la Corte d’appello di Palermo ha respinto la richiesta d'arresto. "Ci riteniamo soddisfatti, e pensiamo che sia stata fatta giustizia", ha commentato così Patronaggio la sentenza di condanna nei confronti di Marcello Dell'Utri. L'ex senatore del Pdl ha commentato: "Faremo ricorso in Cassazione, è chiaro. Quello l'avrebbe fatto anche l'accusa se fossi stato assolto. E' successo tutto e non è successo niente. Come ci stava l'assoluzione ci stava anche la condanna". "Fiducia è una parola grossa, però continuo ad essere tranquillo. Il percorso non lo posso modificare. Non posso sbattere i piedi per terra. Quello che viene ci prendiamo, senza problemi", ha detto Dell'Utri ai cronisti che gli chiedevano se avesse ancora fiducia per un epilogo positivo della sua vicenda giudiziaria. "Il romanzo criminale prosegue - ha detto - Non poteva finire in questa puntata, perché vedo che ha molto audience, continua. Faranno un altro supplemento di puntate. Stiamo in questo trip e ci restiamo".







Via: TMNews
Foto dal video: Sky Tg24

lunedì 25 marzo 2013

Inchiesta filobus Roma: arrestato Riccardo Mancini, ex ad di Eur spa

Il Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza ha arrestato Riccardo Mancini, ex ad di Eur Spa, partecipata da Roma capitale. Corruzione e false fatturazioni i reati contestati nell'ambito di una inchiesta sul presunte "mazzette" per

Suicidio, fatalità o omicidio? Giallo su morte Boris Berezovsky - video

Di cosa è morto Boris Berezovski? È stato davvero un suicidio? Ancora incerte le cause del decesso dell’oligarca russo da tempo in Gran Bretagna dove si era rifugiato dopo aver sfidato Vladimir Putin. La stessa polizia che ha ritrovato il corpo nel bagno della sua casa di Ascot nel Berkshire ha definito la morte inspiegabile. Nessun'arma, nessuna pillola. Il cuore dell'uomo sembra abbia ceduto e all'ipotesi del suicidio ci credono in pochi. Di certo c'è solo che Berezovski, che aveva fatto fortuna negli anni della Russia di Boris Eltsin, era rovinato. A fine gennaio, la Corte suprema di Londra aveva congelato i suoi beni per 200 milioni di sterline, su richiesta della ex convivente Elena Gorbunova, che chiedeva 5 milioni di sterline un altro colpo durissimo dopo la sconfitta, l'anno scorso in una causa miliardaria contro Roman Abramovitch, il patron del Chelsea che da ex amico gli aveva voltato le spalle. La Thames Valley police ha reso noto di aver aperto l'indagine sul decesso di Berezovski. "La sua morte viene trattata come decesso per cause ignote e una piena inchiesta è in corso", riferisce un comunicato. "Vorremmo ribadire che non abbiamo alcuna prova di un coinvolgimento di terze parti in questa fase e non vogliamo speculare sulla causa della morte fino a quando l'autopsia non sarà effettuata".


Fonte: Euronews
Via: Thames Valley Police
Foto dal web

Cipro, via libera di Bruxelles al piano di salvataggio da 10 mld - video

"Abbiamo raggiunto un accordo politico con le autorità cipriote". Dopo una lunga riunione a Bruxelles l'Eurogruppo ha trovato un'intesa che sblocca i finanziamenti europei di 10 miliardi di euro per scongiurare la bancarotta dell'isola mediterranea. Secondo l'accordo non saranno toccati i depositi bancari dei ciprioti inferiori a centomila euro. Per quanto riguarda le due maggiori banche del Paese, entrambe in crisi, l'accordo prevede ora che Laiki sia trasformata in una bad bank, da liquidare progressivamente, mentre i suoi attivi e tutti i suoi depositi inferiori a 100.000 euro verranno conferiti alla Banca di Cipro, che a sua volta sarà pesantemente ristrutturata. In entrambi i casi, a sostenere le perdite o i costi della ristrutturazione e ricapitalizzazione non saranno i contribuenti o i piccoli risparmiatori, ma gli azionisti delle stesse banche, i detentori delle loro obbligazioni, e ove necessario anche i titolari dei depositi oltre i 100.000 euro. Scongiurato quindi il prelievo forzoso su tutti i depositi ciprioti che aveva scatenato l'ira degli abitanti dell'isola e messo in allarme il mondo intero. Il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato al ministero delle Finanze di avviare un negoziato con i partner ciprioti per definire le condizioni per ristrutturare il prestito di 2,5 mld €  assicurato da Mosca a Nicosia nel 2011.



Fonte: TMNews
Via: Adnkronos
Foto dal web

Maltempo: è arrivato Thor, marzo mai così freddo da 50 anni - video

In tutta Europa è ancora inverno per l'arrivo di THOR, un vasto ciclone subpolare di aria gelida, che porta nevicate diffuse. E' il marzo più freddo degli ultimi 50 anni, segnala Antonio Sanò, direttore del portale ilMeteo.it. Sul nord è già giunta la parte più avanzata della nuova forte perturbazione atlantica, che porterà condizioni di maltempo anche sulla Sardegna e poi sulla Toscana. Thor raggiungerà prima l'Austria e la Slovenia, portando nevicate, e poi irromperà come di consueto nel Mediterraneo dalla "porta della bora", con raffiche a 100 chilometri l'ora a Trieste. Oggi le città emiliane verranno imbiancate, da Piacenza fino a Bologna. Il maltempo imperverserà al centrosud con forti temporali e sulle regioni adriatiche e sul nord-est,dove nevicherà ancora fino in pianura specie sull'Emilia ed anche sulla Lombardia orientale. Maltempo forte fino a sera al sud e nord Sicilia, temporali sulla Calabria e Campania, forti fino a notte sulla Calabria Tirrenica. Il miglioramento di martedì sarà solo parziale, perchè da ovest da mercoledì avanzerà una nuova perturbazione che funesterà il tempo per tutto il resto della settimana, almeno fino a sabato. Pasqua inizierà con un pò più di sole, ma nel pomeriggio ci saranno temporali al centrosud. Tempo migliore a Pasquetta, ma una nuova perturbazione è in agguato al nordovest.



Fonte: Il Meteo
Via: AGI
Foto: Il Meteo

Palermo: giro di usura, arresti e sequestrati beni per 20 mln - video

Due uomini sono stati arrestati dalla Guardia di finanza di Palermo con l'accusa di aver prestato per anni denaro a tassi d'interesse oscillanti tra il 120% e il 300% annuo a decine di imprenditori e commercianti delle province di Palermo e Trapani. I due usurai, uno dei quali era appellato "il monaco", che ha dato il nome all'operazione, prestavano i soldi a piccoli artigiani e commercianti, ma anche casalinghe e pensionati e nel tempo erano riusciti ad accumulare un patrimonio di circa 20 milioni di euro. Correnti, libretti di risparmio, quote di fondi comuni di investimento, titoli di Stato, quote societarie e 60 tra appartamenti, ville, garage, locali commerciali tra Palermo e Balestrate, un appartamento a Milano, per i quali sono scattati i sigilli delle Fiamme gialle. Uno degli indagati ha cercato di disfarsi del patrimonio trasferendolo al figlio: un espediente che però non è servito a evitare il sequestro dei beni. Dalle indagini dei militari è emerso come l'unica fonte di ricchezza che aveva consentito di realizzare tutti gli investimenti patrimoniali, fosse, di fatto, frutto dell'attività d'usura. Uno degli arrestati, tra l'altro, negli ultimi 20 anni aveva dichiarato un reddito ai limiti della sussistenza, e persino una perdita derivante da un'attività di commercio di ceramiche, risultata in seguito essere inattiva da diversi anni.


Fonte: TMNews
Foto dal video

domenica 24 marzo 2013

Cogne, dissequestrata villa in cui fu ucciso il piccolo Samuele - video

E' stata dissequestrata sabato mattina alle 10 e riconsegnata a Stefano Lorenzi la villetta di Cogne (Aosta), dove il 30 gennaio 2002 venne assassinato il piccolo Samuele Lorenzi. Il dissequestro è stato disposto dalla terza sezione penale della Corte d'Appello di Torino ed è stato eseguito dai Carabinieri del nucleo investigativo del Gruppo di Aosta. Alla presenza di Stefano Lorenzi, marito di Anna Maria Franzoni, sono stati rimossi i sigilli alla villetta ed è stato effettuato un sopralluogo per verificare le condizioni dello stabile al suo interno. Al termine dei controlli la villetta è stata restituita al padre del piccolo Samuele. Il 5 settembre scorso l'omicidio del piccolo Samuele era tornato a fare notizia per la conferma del "no" ai domiciliari per Anna Maria Franzoni, condannata definitivamente a 16 anni per l'omicidio del figlio Sammy, deciso dal Tribunale di sorveglianza di Bologna, che ha respinto la richiesta dei domiciliari avanzata dalla difesa della donna per poter assistere uno dei figli. La decisione dei giudici è stata motivata con la decadenza della potestà genitoriale. Già a luglio scorso la Cassazione aveva negato alla Franzoni il diritto ai permessi premio, per almeno altri quattro anni, data la gravità del reato commesso e le regole fissate dall'Ordinamento penitenziario nei confronti dei detenuti pericolosi.



Fonte: Adnkronos

Cassazione: è diritto dei genitori sapere se feto è malformato - video

I genitori hanno il diritto di essere informati della nascita di un bimbo malformato. Lo ha ribadito la Cassazione che a distanza di 18 anni dai fatti dispone un nuovo processo a favore di una coppia di Lucca alla quale era stato negato il risarcimento in seguito alla nascita del loro figlio affetto da spina bifide. I genitori non erano stati tempestivamente avvisati delle malformazioni del feto e in I grado il tribunale di Lucca aveva condannato il ginecologo a risarcire la coppia toscana con 600 mila euro. Risarcimento dalla Corte d'Appello di Firenze nel 2007. Ora i genitori del bambino nato con una malformazione hanno fatto ricorso in Cassazione sostenendo che una preventiva informazione avrebbe consentito alla gestante di esercitare il diritto di chiedere l'interruzione di gravidanza in base alla legge 194 del '78. Piazza Cavour ha accolto parzialmente il ricorso dei genitori e, disponendo dopo 18 anni dai fatti un nuovo processo davanti alla Corte d'Appello, ha evidenziato che "non c'è dubbio che primo bersaglio dell'inadempimento del medico è il diritto dei genitori di essere informati, al fine, indipendentemente dall'eventuale maturazione delle condizioni che abilitano la donna a chiedere l'interruzione di gravidanza, di prepararsi psicologicamente e, se del caso, anche materialmente, all'arrivo di un figlio menomato".



Fonte: Adnkronos
Via: La Stampa
Foto dal web
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...