domenica 7 settembre 2014

Obama traccia strategia anti Isis, ma restano molti problemi - video

Da Cardiff, dopo settimane di critiche per la mancanza di una strategia, il presidente degli Stati Uniti ha tracciato le linee di riferimento per fronteggiare la minaccia degli islamisti dell'Isis. "La Nato - ha detto Barack Obama - ha deciso di
assumere un ruolo chiave per offrire sostegno e aiuto umanitario a chi si trova sulle linee del fronte. Gli alleati della Nato sono pronti a combattere i terroristi da un punto di vista militare, di intelligence e diplomatico". Nonostante gli intenti però al momento, la situazione resta complessa e con molti nodi da sciogliere, come sottolineano dal Center for Strategic International Studies. "L'Iraq - ha spiegato il professor Anthony Cordesman - non ha ancora un governo nazionale e non ha ancora iniziato a ricostruire le proprie forze unitarie. Sulla Siria non sono stati dati chiari obiettivi politici per i raid aerei e sulla strategia da seguire sul campo". Obama punta, in particolare, a coinvolgere nella coalizione anti Isis anche i musulmani sunniti, confessione alla quale appartengono anche gli estremisti radicali. E la partita, oltre che militare, è anche finanziaria. "Se gli Stati Uniti - aggiunge Cordesman - riusciranno ad avere il supporto dei turchi e degli arabi per smantellare i legami economici che sostengono lo Stato islamico, allora si potrà realmente indebolire la loro forza e attrattiva".


Fonte: TMNews

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...