martedì 28 ottobre 2014

Preparava pizze farcite con chiodi: chiuso un forno a Catania - video

Cliente trova un chiodo nella pizza che aveva appena acquistato e chiama i Carabinieri. Il Nucleo Antisofisticazioni e Sanità dei Carabinieri di Catania, nel corso di un controllo nel campo della produzione artigianale del pane, ha bloccato l'attività di un forno a legna in un centro abitato
dell'hinterland catanese, per gravi carenze igienico-sanitarie. La scoperta - spiega una nota - nasce grazie alla segnalazione di un consumatore che nota su un trancio di pizza appena acquistato e che sta per mangiare la presenza di un "ingrediente" anomalo ovvero di un chiodo in ferro lungo alcuni centimetri, immerso nella farcitura, che, se ingerito, avrebbe potuto causargli gravi lesioni. I Carabinieri nel corso dei controlli al panificio hanno scoperto un deposito abusivo con 500 chili di scarti di legname e pedane d'imballaggio accatastate che il panettiere utilizzava per alimentare il forno a pietra e cuocere pane e pizze che così erano a contatto diretto con i chiodi conficcati nelle pedane in legno. Tale materiale di risulta è classificato dalla legge come rifiuto speciale e, pertanto, non può essere impiegato per l'alimentazione di forni a pietra che richiedono, invece, esclusivamente legna o prodotti legnosi naturali. Il materiale ed il deposito abusivo sono stati sequestrati ed il titolare del panificio è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Catania.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...