sabato 4 luglio 2015

Immigrazione, sì a partecipazione Italia a missione contro trafficanti

Via libera dal Consiglio dei ministri alla partecipazione italiana alla missione Ue contro i trafficanti di migranti. In questa fase l'operazione - denominata EunavFor Med - ha il compito, soprattutto con l'attività di intelligence, di raccogliere informazioni sulla tratta.
La missione aveva già avuto l'ok dal Consiglio dei ministri degli Esteri dell'Unione europea lo scorso 22 giugno e doveva essere recepita dai singoli governi. L'operazione, nello specifico, ha il compito di raccogliere informazioni sulle reti del traffico e della tratta degli esseri umani nel Mediterraneo centromeridionale. L'operazione Eunavfor Med sarà condotta per fasi successive e conformemente ai requisiti del diritto internazionale, in particolare Unclos e protocollo per combattere il traffico di migranti. La prima fase, sostiene l'individuazione e il monitoraggio delle reti di migrazione attraverso la raccolta d'informazioni e il pattugliamento in alto mare. La seconda fase prevede la ricerca e, se necessario, il fermo delle imbarcazioni sospette. Nella terza fase si provvede alla messa fuori uso delle imbarcazioni e dei mezzi connessi, preferibilmente prima che siano utilizzati, e alla cattura di trafficanti e passatori. Il comando operativo di Eunavfor Med è assegnato all'Italia e sarà esercitato da Roma dal Comando di Vertice Interforze. La piattaforma di comando e coordinamento sarà la portaerei Cavour che avrà anche la funzione di ospedale. L'operazione Eunavfor Med, istituita il 18 maggio 2015, è un elemento di un più ampio approccio dell'Ue alla migrazione finalizzato a salvare vite umane, agire sulla migrazione irregolare e lottare contro i trafficanti. I costi sono stimati a 11,82 milioni di euro per una fase di avvio di due mesi e il mandato iniziale di 12 mesi.

Fonte: RaiNews24

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...