lunedì 3 agosto 2015

Palermo, colpo ai fedelissimi di Messina Denaro: 11 arrestati - video

Le Squadre mobili di Palermo e Trapani, coordinate dallo Sco, insieme al Ros dei Carabinieri, hanno arrestato 11 persone per i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso e favoreggiamento aggravato dalla modalità
mafiosa. Alcune dei soggetti sono ritenuti vicinissimi al boss Matteo Messina Denaro; per gli altri è stata accertata l'appartenenza alle famiglie di Cosa Nostra trapanese. L'operazione denominata "Ermes", coordinata dalla Procura distrettuale antimafia di Palermo, è partita nei primi mesi del 2012, periodo di effettiva riapertura dei canali di comunicazione del latitante che, come per il passato, avrebbe utilizzato i famosi "pizzini" scritti per trasmettere ai propri complici le disposizioni di comando. Ogni tre mesi Matteo Messina Denaro dettava le modalità per la trasmissione di questi messaggi ai suoi fedelissimi, cercando di evitare i contatti frequenti per evitare di essere individuato. Lo scambio dei "pizzini" avveniva in aperta campagna, tra Salemi, Mazara del Vallo, Santa Ninfa e Partanna e, durante gli incontri, gli indagati erano attenti a non utilizzare mai parole con riferimenti al latitante o alle sue direttive. Sono ancora in corso indagini di natura finanziaria presso alcuni istituti di credito svizzeri, dove alcuni indagati potrebbero aver versato somme di denaro finalizzate al sostegno economico del latitante.


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...