sabato 2 gennaio 2016

Riad, eseguite condanne a morte per terrorismo: 47 persone uccise

L'Arabia Saudita ha giustiziato 47 persone (45 sauditi, uno egiziano e un uomo del Ciad) accusate di terrorismo, tra cui l'importante religioso sciita musulmano Nimr al-Nimr, ha detto il ministero dell'Interno di Riad. La sua esecuzione ha suscitato particolare
indignazione tra i critici del regno, dicendo che la morte dell'imam potrebbe innescare nuovi disordini. La maggior parte delle persone giustiziate sono coinvolte in una serie di attacchi effettuati da Al Qaeda tra il 2003 e il 2006. Quattro, tra cui Nimr, sono attivisti sciiti accusati di aver ucciso diversi poliziotti. Le esecuzioni hanno avuto luogo in 12 città, quattro prigioni utilizzando plotoni d'esecuzione e le altre eseguite per decapitazione. Nel mese di dicembre, al Qaeda nella penisola arabica ha minacciato di vendicarsi contro l'Arabia Saudita per qualsiasi esecuzione dei suoi membri. Si è tratta della più grande esecuzione di massa per reati contro la sicurezza in Arabia Saudita dal 1980, quando furono uccisi 63 ribelli jihadisti che avevano attaccato la Grande Moschea della Mecca nel 1979. Nimr, insieme ad altri sei, sono accusati di aver orchestrato le proteste anti-governative tra il 2011 e il 2013 in cui 20 persone sono morte. All'inizio di quest'anno, la Corte Suprema del regno ha respinto un ricorso contro la condanna a morte di Nimr. Amnesty International ha definito la sua condanna come parte di una campagna condotta dalle autorità saudite per "reprimere ogni dissenso". La legge saudita permette l'esecuzione in caso di omicidio, stupro e reati legati agli stupefacenti. La pena di morte si applica anche all'adulterio, apostasia e stregoneria. Arabia Saudita, Iran, Cina, Stati Uniti e Iraq sono i primi cinque paesi con il maggior numero di esecuzioni.

Via: Reuters
Immagine: RT

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...