domenica 27 marzo 2016

Palmira, esercito siriano riprende pieno controllo città: Isis in ritirata

Le forze governative siriane hanno ripreso Palmira, hanno detto i media di stato e un gruppo di monitoraggio, infliggendo una sconfitta significativa allo Stato islamico (Isis) che controllava la città nel deserto dal maggio dello scorso anno. La tv siriana
ha citato una fonte militare dicendo che l'esercito ed i suoi alleati miliziani hanno ottenuto "il controllo completo sulla città di Palmira". L'Osservatorio siriano per i diritti umani ha detto che domenica mattina c'erano ancora spari nella parte orientale della città, ma il grosso della forza dello Stato Islamico è stato cacciato fuori e si è ritirato ad est, lasciando Palmira sotto il controllo del presidente Bashar Assad. Per le forze governative, la riconquista di Palmira, a seguito di una campagna di tre settimane delle forze governative siriane sostenute da intensi attacchi aerei russi, apre gran parte del deserto orientale della Siria che si estende al confine iracheno a sud e al cuore dello Stato islamico di Deir al-Zor e Raqqa a est. Il direttore dell'Osservatorio Rami Abdulrahman ha detto che almeno 400 combattenti dell'Isis sono morti nella battaglia di Palmira, che ha descritto come la più grande sconfitta per il gruppo da quando ha proclamato il Califfato nelle aree di Siria e Iraq sotto il suo controllo nel 2014. Palmira è anche sede di alcune delle più vaste rovine dell'Impero romano. I jihadisti dell'Isis hanno distrutto diversi monumenti lo scorso anno, ma il capo delle antichità della Siria ha detto a Reuters che altri monumenti sono ancora in piedi. L'Isis, tra l'altro, ha utilizzato l'antico anfiteatro di Palmira, conosciuta anche come la "perla del deserto", come luogo di esecuzioni pubbliche, tra cui la decapitazione dell'82enne Khaled Asaad, ex  capo del sito archeologico della città.

Fonte: Reuters
Foto: Syrian TV/AFP

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...