sabato 28 maggio 2016

Palermo, immigrati contro mafia denunciano pizzo: 10 fermi - video

La Polizia di Stato ha eseguito 10 provvedimenti di fermo disposti dalla Dda della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo nei confronti dei presunti esponenti di un'organizzazione che per lungo tempo si sarebbe imposta sul
territorio, vessando commercianti immigrati con richieste di pizzo. Gli indagati sono accusati di decine di reati aggravati dal metodo mafioso e dalla discriminazione razziale: tentato omicidio, estorsione, incendio, rapina, violenza privata e lesioni personali ai danni di extracomunitari prevalentemente del Bangladesh. Le indagini della Squadra Mobile, nell'ambito dell'operazione antimafia "Maqueda", hanno subito un decisivo impulso dopo l'arresto di un 28enne, accusato del tentato omicidio di un 22enne, gambiano ferito il 4 aprile scorso con un colpo d'arma da fuoco alla testa dopo avere reagito all'ennesimo atto di gratuita sopraffazione. La vicenda ha provocato la ribellione della comunità di immigrati del centro storico, molti dei quali hanno denunciato le vessazioni subite. Una volta avviata l'attività, i commercianti erano obbligati a versare il pizzo con una cadenza settimanale. Il gruppo criminale controllava il rione Ballarò e fondava il proprio potere sul timore che procurava all'intera comunità di stranieri. Chi non rispettava le "regole" imposte dal gruppo criminale rischiava pesanti ritorsioni.



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...