lunedì 13 giugno 2016

Orlando, massacro nella discoteca gay rivendicato da Isis: 50 morti

Poche ore dopo l'uccisione al termine di un concerto di Christina Grimmie, la città di Orlando, in Florida, è tornata al centro delle cronache. Era un body builder e una guardia giurata, un uomo religioso che partecipava alle attività della locale
moschea e voleva diventare un agente di polizia. Omar Mateen, 29 anni, alle due di domenica notte (le 8 in Italia) ha aperto il fuoco nella discoteca gay Pulse di Orlando, lasciando a terra 50 morti e 53 feriti. L'aggressore, cittadino americano di origini afghane, è stato ucciso dai reparti Swat. Lo ha reso noto il sindaco della città della Florida, Buddy Dyer, dichiarando lo Stato di emergenza. Nel locale, considerato tra i più hot della città, si svolgeva una serata "Latin flavor".  Il killer era noto all'Fbi che indagò due volte su di lui per terrorismo. Mateen era il figlio di un immigrato afghano che conduceva un talk show negli Stati Uniti, la cui natura non era del tutto chiara: un ex funzionario afghano ha detto che il programma era pro-talebani e un ex collega ha detto che era con entusiasmo filo-americano. Frequentava i servizi di preghiera serale presso il Centro Islamico della città tre o 4 volte alla settimana, più di recente con il suo giovane figlio, ha detto l'Imam Syed Shafeeq Rahman. Anche se non era molto sociale, aveva mostrato anche segni di violenza, ha detto Rahman. Le autorità hanno da subito iniziato ad indagare se l'attacco di domenica fosse stato un atto di terrorismo. Un funzionario di polizia ha detto che l'uomo armato di fucile mitragliatore ha fatto una chiamata al 911 dalla discoteca professando la fedeltà al capo dello Stato Islamico, Abu Bakr al-Baghdadi. "Era uno dei nostri". Con queste parole l'Isis ha rivendicato l'attacco al night club.

Via: AFP
Foto: CNN

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...