mercoledì 4 gennaio 2017

Manaus, sommossa in carcere tra bande rivali della droga: 56 morti

Una rivolta di detenuti scoppiata nel più grande carcere di Amazonas, in Brasile, ha lasciato almeno 56 morti. La ribellione è iniziata domenica pomeriggio come parte di una rivalità tra due organizzazioni criminali nel complesso carcerario di Anisio Jobim
nella città di Manaus, ha riferito l'Agencia Brasil, citando Sergio Fontes, segretario alla Sicurezza pubblica dell'Amazzonia. La violenza è scoppiata tra i membri prigionieri della Familia do Norte (Fdn) e il Primeiro Comando da Capital (Pcc). La sommossa è durata più di 17 ore quando almeno dodici agenti di polizia penitenziaria sono stati sequestrati. Tra gli ostaggi c'erano 74 carcerati. Fdn controlla il traffico di droga fuori e "dentro il complesso carcerario", secondo i media di stato. Fontes ha detto che la rivolta è iniziata per il controllo del traffico di droga dietro le mura della prigione. Durante la ribellione, diversi corpi sono stati gettati oltre il muro del complesso e almeno sei persone sono state decapitate, ha detto l'agenzia. Nel caos seguito alla rivolta, almeno 20 detenuti sono riusciti a fuggire e 15 sono stati catturati nei boschi circostanti a seguito di un'operazione che ha coinvolto centinaia di agenti di polizia e soldati. Le sommosse o gli scontri sono comuni nelle carceri brasiliane sovraffollate dove i gruppi criminali controllano il traffico di droga. Questo è il secondo caso più sanguinoso di questo genere nel paese. Nel 1992, 111 detenuti sono morti quando la polizia fece irruzione nel penitenziario di Carandiru a seguito di una rivolta. Secondo uno studio fornito dal Ministero della Giustizia, in cui si specifica che la maggior parte dei prigionieri sono giovani uomini di colore, la popolazione carceraria in Brasile era composta da 622.000 unità alla fine del 2014.

Via: CNN
Foto: Brazil Urgente

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...