domenica 1 gennaio 2017

Roma: Coldiretti, con sanzioni Russia made in Italy ha perso 10 mld

Crollo dell'export italiano a seguito della ​crisi politico-militare con l'Ucraina. La guerra commerciale scatenata dalle sanzioni ha fatto scendere le esportazioni del Made in Italy in Russia al minimo da almeno un decennio con una perdita complessiva stimata
ormai in oltre 10 miliardi da quanto il Paese di Putin ha deciso le contromisure a partire dall'embargo totale nei confronti di importanti prodotti agroalimentari. È quanto afferma la Coldiretti nel commentare l'ufficializzazione della proroga per altri sei mesi delle sanzioni contro la Russia da parte dell'Unione Europea. L'agroalimentare - sottolinea la Coldiretti - è l'unico settore ad essere colpito direttamente da un embargo totale sancito, come ritorsione alle sanzioni europee, dalla Russia con decreto n. 778 del 7 agosto 2014 che ha chiuso completamente le frontiere del paese di Putin ad una lista di prodotti, frutta e verdura, formaggi, carne e salumi, ma anche pesce, provenienti da Ue, Usa, Canada, Norvegia ed Australia con successiva proroga. Al divieto di accesso a questi prodotti - precisa la Coldiretti - si sono aggiunte le tensioni commerciali che hanno ostacolato di fatto le esportazioni in tutto l’agroalimentare e anche negli altri settori, dalla moda fino alle auto, in cui era tradizionalmente forte la presenza italiana. La guerra commerciale con la Russia ha colpito duro interrompendo bruscamente una crescita travolgente delle esportazioni agroalimentari italiane verso la Russia, che nei cinque anni precedenti il blocco erano più che raddoppiate in valore (+112%). Lo stop alle importazioni di frutta, verdura, salumi e formaggi dall'Italia ha provocato peraltro in Russia un vero boom nella produzione locale di prodotti Made in Italy taroccati.

Via: Coldiretti

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...