venerdì 16 giugno 2017

Raqqa, capo Isis al-Baghdadi forse ucciso durante raid aereo russo

Il leader dell'Isis Abu Bakr al-Baghdadi potrebbe essere stato ucciso in un raid delle forze aeree russe alla fine del mese scorso. In una dichiarazione rilasciata alle agenzie di stampa, il ministero della Difesa ha detto che la Russian Air Force (Vvs) ha colpito una
riunione dei capi di Stato islamici il 28 maggio al di fuori della città di Raqqa, Siria, capitale di fatto del gruppo, forse uccidendo Al Baghdadi, uno dei terroristi più ricercati del mondo. Il comunicato, tuttavia, è stato scritto con cautela, poiché Al Baghdadi, che si è proclamato califfo dello Stato islamico nel luglio 2014, è stato dato per morto in più occasioni senza che i media jihadisti abbiano confermato le informazioni. Ma le voci che tra il gruppo di dirigenti colpito dai cacciabombardieri di Mosca ci fosse anche l'autoproclamato califfo sono sempre più insistenti. Raqqa è sotto attacco di terra da parte delle forze curde e arabe sostenute dagli americani, mentre anche la roccaforte di Mosul, in Iraq, è sotto assedio. La dichiarazione russa non ha fatto menzione di un coordinamento con le forze straniere in azione. Il ministero della Difesa ha reso noto che l'esercito russo aveva ricevuto informazioni di una riunione a Raqqa dei leader del gruppo nella periferia meridionale della città. Tra questi l'emiro di Raqqa, il capo del servizio di sicurezza dello Stato Islamico e un altro signore della guerra che controllava la zona tra Raqqa e Suhnah.  Al Baghdadi non è stato visto pubblicamente per un certo tempo, ed è probabile che sia rimasto ferito in almeno un raid, nel gennaio del 2016 nella zona di Al-Qaim. Lo scorso novembre, l'Isis ha rilasciato una registrazione audio in cui esortava le sue forze a rimanere saldi di fronte all'offensiva irachena sostenuta dagli americani a Mosul.

Fonte: New York Times
Via: AskaNews

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...