lunedì 17 settembre 2018

Manila, supertifone Mangkhut provoca inondazioni e frane: 65 morti

Il bilancio dei morti del super tifone Mangkhut nelle Filippine è salito a 65. Lo ha reso noto la polizia nazionale filippina (Pnp), spiegando che 54 delle vittime provengono dalla regione amministrativa dei Cordillera, nell'isola di Luzon. Gli altri incidenti
mortali si sono verificati nelle Filippine settentrionali, secondo la Pnp. Le autorità hanno poi riferito che ci sono 43 dispersi mentre 64 persone sono rimaste ferite. Il governo ha dichiarato lo stato di calamità in sette province. Almeno 34 corpi sono stati recuperati dopo che una frana ha colpito una remota città di Itogon, nella provincia montuosa di Benguet, a circa 125 miglia a nord di Manila. Più di 60 persone si erano rifugiate nel deposito di una ex miniera, ora trasformato in una cappella, al culmine del tifone. Tuttavia, quando la tempesta ha colpito, parte della montagna è crollata sull'edificio, avvolgendolo nel fango e intrappolando quelli all'interno. Mangkhut, che sabato ha fatto atterraggio alle 1:40 locali, nelle Filippine settentrionali, è già uscito da questo paese del sud-est asiatico sabato notte. Tuttavia, il tifone di categoria cinque ha lasciato una scia di devastazione attraverso l'isola principale di Luzon, causando la distruzione di case e colture e provocando enormi alluvioni. Il Consiglio nazionale per la gestione dei rischi in caso di calamità ha dichiarato che circa 220.000 residenti sono alloggiati in centri di evacuazione. Mangkhut è il quindicesimo tifone a colpire le Filippine finora quest'anno. I tifoni hanno colpito le Filippine circa 19 volte l'anno, causando forti venti e forti piogge, con conseguenti inondazioni, gravi danni alle colture, alle case e agli edifici e alle morti. Nel 2013, il tifone Haiyan ha devastato le Filippine centrali, uccidendo più di 6.000 persone.




Vie: Xinhuanet | The Guardian
Foto: AFP

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...