martedì 15 gennaio 2019

Oristano, prima notte in carcere per Battisti: caccia ai suoi complici

Prima notte in cella per Cesare Battisti nel carcere di alta sicurezza di Oristano-Massama, dove sconterà la pena dell'ergastolo. L'ex terrorista, dopo essere arrivato in Sardegna nel primo pomeriggio di ieri, ha effettuato le normali procedure previste
per ogni detenuto in arrivo. Battisti è tornato in Italia dopo 37 anni di latitanza, ieri, meno di 48 ore dopo il suo arresto in Bolivia e senza passare dal Brasile. Atterrato all'aeroporto di Ciampino, l'ex latitante è stato consegnato agli agenti del Gom che lo hanno trasferito già nel pomeriggio in Sardegna. Dall'aeroporto di Elmas il furgone è stato scortato da numerosi mezzi della Polizia di Stato e della Polizia Penitenziaria, fino al carcere di massima sicurezza. Resterà in isolamento diurno per sei mesi. Battisti era arrivato lunedì mattina a Ciampino con un volo partito domenica sera dalla Bolivia. Il velivolo un jet Dassault Falcon 900, in dotazione al 31° Stormo dell'Aeronautica Militare. Ad attendere il suo arrivo il vicepremier Matteo Salvini e il Guardasigilli Alfonso Bonafede. L'ex membro dei Pac è stato catturato a Santa Cruz de la Sierra, in Bolivia. Condannato in Italia a due ergastoli per quattro omicidi, si era reso irreperibile dopo l'ordine di arresto e il decreto di estradizione. Intanto la Procura di Milano ha aperto un'indagine, senza ipotesi di reato né indagati, sulla rete di protezione che ha aiutato Battisti nel corso della sua latitanza.



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...