domenica 29 dicembre 2019

Abuja, jihadisti rivendicano uccisione di 11 cristiani a Natale in video

Lo Stato islamico nell'Africa dell'ovest (Iswap), gruppo affiliato all'Isis, ha diffuso un video che mostra l'esecuzione nel nordest della Nigeria di undici uomini indicati come cristiani. Nel filmato, pubblicato dall'agenzia di stampa e organo di propaganda dello Stato
islamico, Amaq, in un canale di Telegram, si vedono undici uomini bendati allineati in un luogo all'aperto non identificato. Il video della durata di 56 secondi è stato rilasciato il 26 dicembre e gli analisti affermano che è stato chiaramente pianificato per coincidere con le celebrazioni natalizie. Un prigioniero al centro viene colpito a morte mentre gli altri 10 vengono spinti a terra e decapitati. "E' un messaggio ai cristiani del mondo intero", dice uno dei terroristi con il volto coperto, sostenendo che gli uomini sono stati giustiziati per vendicare la morte di Abu Bakr al-Baghdadi, il leader dell'Isis ucciso a seguito di un raid americano in Siria a fine ottobre. Il presidente della Nigeria Muhammadu Buhari ha condannato le apparenti uccisioni e ha esortato la popolazione a non lasciarsi dividere su basi religiose. "Non dovremmo in alcun caso lasciare che i terroristi ci dividano trasformando i cristiani contro i musulmani perché questi barbari assassini non rappresentano l'Islam e milioni di altri musulmani rispettosi della legge in tutto il mondo", ha detto in una nota. Buhari non ha menzionato l'identità delle vittime. Un video precedente afferma che i prigionieri sono stati catturati a Maiduguri e Damaturu nel nord-est della Nigeria, dove i combattenti hanno tentato per anni di creare uno stato separato secondo la legge islamica. In quel video i prigionieri hanno chiesto all'Associazione cristiana della Nigeria (Can) e al presidente Buhari di intervenire e salvarli. Una fazione del gruppo islamista nigeriano Boko Haram si è staccata nel 2016 e ora combatte sotto lo stendardo del cosiddetto Iswap. È attivo nei paesi vicini, tra cui Burkina Faso, Camerun, Ciad, Niger e Mali. Negli ultimi mesi, lo Stato islamico nella Provincia dell'Africa occidentale ha intensificato i suoi attacchi contro cristiani, personale di sicurezza e operatori umanitari, ma questo è il più grande gruppo ucciso contemporaneamente. Il coordinatore umanitario delle Nazioni Unite in Nigeria, Antonio Jose Canhandula, ha condannato la crescente pratica dei militanti di istituire posti di blocco e falsi checkpoint per rapire civili. Non è chiaro quanti prigionieri l'Iswap detenga attualmente in Nigeria, ma si ritiene che ce ne siano dozzine.


Fonte: BBC
Via: Aljazeera
Foto: SITE

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...