martedì 10 dicembre 2019

Wellington, vulcano in eruzione sorprende gruppo di turisti: 13 morti

Il vulcano più attivo della Nuova Zelanda ha eruttato nel primo pomeriggio di lunedì uccidendo almeno cinque persone con molte altre intrappolate nella famosa località turistica, White Island, poiché le condizioni erano troppo pericolose per le squadre di ricerca e
salvataggio. Non ci si aspetta che altri sopravvissuti possano essere salvati, hanno detto le autorità. La polizia neozelandese ha detto che al momento dell'eruzione sull'isola c'erano 47 persone, tra i turisti e i loro accompagnatori: 34 si sono salvate e  otto risultano ancora disperse. I feriti hanno subito ustioni di varia entità, hanno detto le autorità. Pennacchi di fumo bianco e detriti sono stati sparati in aria e sono emersi i video di alcuni visitatori bloccati in un cratere prima dell'esplosione. Le operazioni di ricerca sono state sospese fino a quando le condizioni sono diventate sicure. Dozzine di turisti stavano esplorando la superficie del cratere quando si è verificata l'eruzione. Un fermo immagine di una telecamera sul cratere mostra un gruppetto di turisti proprio al centro del vulcano pochi secondi prima della strage. L'eruzione di breve durata, avvenuta alle 14:11 ora locale, ha gettato un pennacchio di cenere a circa 3.660 metri di altezza, ha dichiarato l'agenzia di geoscienze della Nuova Zelanda GNS Science in una nota, aggiungendo che non vi sono segni attuali di escalation. La polizia della Nuova Zelanda ha aperto una inchiesta sulla morte dei turisti sull'isola vulcanica in cui si è verificata una potente eruzione di cenere e vapore bollente. L'agenzia scientifica GeoNet, che monitorava il tremori del vulcano, aveva portato il suo livello di allerta a 4 su un massimo di cinque. In molti si chiedono perché i turisti siano stati autorizzati a sbarcare sull'isola dopo che gli esperti avevano alzato il livello di allarme del vulcano. La produzione di gas di zolfo è aumentata nelle ultime settimane, con una maggiore attività sismica. Ma i vulcani sono sistemi complessi e imprevedibili, e tali tremori non significano sempre che un'eruzione sia imminente. Il vulcano White Island, noto anche come Whakaari, si trova a circa 50 km dalla costa orientale dell'Isola del Nord ed è la cima esposta di uno stratovulcano che si alza dal fondo del mare. Gli stratovulcani sono soggetti a eruzioni violente, poiché la chimica del loro magma lo rende viscoso, imbottigliando la pressione del gas. La Nuova Zelanda si trova su una complessa serie di confini della placca tettonica, tra cui una zona di subduzione in cui il fondo marino del Pacifico si scontra e scivola sotto l'Isola del Nord. L'acqua rilasciata dalla piastra del Pacifico in profondità sotto la superficie consente alla roccia del mantello di sciogliersi, producendo magma che sale fino a alimentare vulcani come White Island. L'isola è ancora di proprietà privata e vede da tempo tour organizzati in barca per 229 dollari.


Fonte: Aljazeera
Foto: CBS News

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...