mercoledì 6 agosto 2014

Bologna, oltre 2.200 case popolari assegnate con falsi redditi - video

I finanzieri del Comando Provinciale di Bologna, nell'ambito di un'indagine ad ampio raggio condotta sulla base di potenziali "profili di rischio" elaborati dall'Acer-Azienda Casa Emilia Romagna, hanno individuato e segnalato alla Corte dei conti oltre 2.220 conduttori di alloggi di
edilizia pubblica residenziale che hanno indebitamente beneficiato di minori canoni di locazione presentando false attestazioni reddituali. La falsità dei dati forniti ha consentito ai conduttori degli alloggi di avvalersi indebitamente di risparmi di spesa sui canoni di locazione per un valore complessivo di oltre un milione e mezzo di euro, determinato dalla differenza tra il canone dovuto e quello calcolato da Acer sulla base dei minori componenti reddituali dichiarati. Il sistema di calcolo del canone, infatti, è commisurato al valore dell'alloggio e al reddito del nucleo familiare determinato secondo due indicatori statistici, l'Ise e l'Isee che permettono di valutare in maniera sintetica le condizioni economiche delle famiglie quando si richiedono prestazioni sociali agevolate. Ai finanzieri non è quindi sfuggito che le cd. "dichiarazioni sostitutive uniche" prodotte dagli affittuari riportavano informazioni sul reddito proprio e/o del rispettivo nucleo familiare non veritiere. Sono in corso le procedure per il recupero delle somme illecitamente sottratte all'erario e l'irrogazione delle relative sanzioni amministrative.


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...