martedì 1 settembre 2015

Lavoro: a luglio disoccupazione scende al 12%, al minimo da 2 anni

Il tasso di disoccupazione a luglio è pari al 12,0%, in calo di 0,5 punti percentuali sul mese precedente e di 0,9 punti nei dodici mesi. Si tratta del livello più basso da due anni, da luglio 2013. Lo rileva l'Istat nelle stime. Per quanto riguarda il secondo trimestre, dopo
l'entrata in vigore del Jobs Act, nel secondo trimestre 2015 continua la crescita degli occupati, stimata a +180 mila unità (0,8% in un anno). L'incremento dell'occupazione interessa sia gli stranieri (+50 mila unità) sia, soprattutto, gli italiani (+130 mila unità). In confronto al secondo trimestre 2014, il tasso di occupazione 15-64 anni degli stranieri diminuisce di 0,1 punti percentuali a fronte di una crescita di 0,6 punti tra gli italiani. Nell'industria in senso stretto, dopo la diminuzione del trimestre precedente, l'occupazione rimane stabile su base annua a sintesi di un aumento nel nord e di un calo nel centro e nel mezzogiorno. Nelle costruzioni, dopo 19 trimestri di calo, torna a salire il numero di occupati (+2,3%, 34 mila unità in un anno). Nel terziario gli occupati crescono dello 0,8% (+127 mila unità). I lavoratori a tempo pieno aumentano in misura sostenuta per il 2° trimestre consecutivo, con un incremento di 139 mila unità (+0,8%). Ininterrotta dal 2010, prosegue la crescita degli occupati a tempo parziale (+1,0%, 41 mila unità nel raffronto tendenziale) ma in oltre sette casi su dieci questa riguarda il part time involontario, la cui incidenza arriva al 64,6% dei lavoratori a tempo parziale (era il 64,5% un anno prima). Dopo 14 trimestri di crescita e il calo nel primo trimestre del 2015, nel secondo trimestre il tasso di disoccupazione si attesta al 12,1% (-0,1 punti su base annua); alla riduzione del nord (-0,3 punti) si associa la stabilità nel mezzogiorno e l'aumento nel centro (+0,1 punti). L'Istat vede al rialzo la crescita del Pil nel 2° trimestre, portandola a +0,3% (da +0,2%) rispetto al primo trimestre e a +0,7% su base annua (da +0,5%).

Via: Istat

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...