martedì 27 ottobre 2015

Usa, Obama pensa a truppe in prima linea in Iraq e Siria contro Isis

I più alti consiglieri per la sicurezza nazionale del presidente Obama hanno raccomandato misure per spostare le truppe statunitensi più vicino alla prima linea in Iraq e Siria. Lo riferisce il Washington Post, citando i funzionari che avrebbero aumentato la loro
spinta sulla Casa Bianca, motivandola con l'insoddisfazione per i mancati progressi nella lotta all'Isis e una rinnovata spinta del Pentagono per espandere il coinvolgimento militare nei conflitti di lunga durata all'estero. Sebbene le truppe non avrebbero un ruolo diretto nei combattimenti, le modifiche rappresenterebbero una significativa escalation del ruolo americano in Iraq e la Siria. Esse richiederanno l'approvazione formale da parte di Obama, che potrebbe prendere una decisione al più presto questa settimana e potrebbe decidere di non alterare l'attuale corso, hanno detto i funzionari a condizione di anonimato. Il dibattito giunge nel momento in cui il capo del Pentagono, Ashton Carter, sta pressando sui militari per sviluppare nuove opzioni per un coinvolgimento maggiore in Iraq, Siria e Afghanistan. Le esortazioni sono venute su richiesta di Obama e riflettono il presidente e la preoccupazione dei suoi principali consiglieri che la guerra in Iraq e Siria è in gran parte un punto morto e ha bisogno di nuove idee per generare slancio contro le forze dello Stato islamico.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...