sabato 6 luglio 2019

Tripoli, attacco aereo al centro detenzione migranti: sospetti su Eau

Il governo libico appoggiato dalle Nazioni Unite ha detto che gli Emirati Arabi Uniti (Eau) hanno usato un caccia F-16 di fabbricazione statunitense nell'attacco di mercoledì a un centro di detenzione per migranti. Fathi Bashaagha, il ministro
dell'Interno del governo di accordo nazionale libico (Gna), con sede a Tripoli, ha spiegato che sono in corso ulteriori indagini. "Accusiamo gli Emirati Arabi Uniti di aver bombardato il centro con un jet F-16", ha detto Bashaagha.  "Il rumore del jet è stato identificato da tecnici e piloti che l'hanno ascoltato", ha aggiunto il ministro del governo del premier Fayez al-Sarraj rispondendo alla domanda su come faccia ad essere sicuro che si trattasse proprio di un aereo emiratino. Nel 2014, il Pentagono riteneva di credere che l'Egitto e gli Eau avessero condotto attacchi aerei segreti nella nazione nordafricana. L'Egitto e gli Emirati Arabi Uniti hanno sempre negato tale accusa. "Gli Emirati Arabi Uniti hanno bombardato Tripoli nel 2014 e interferiscono nel conflitto libico", ha sottolineato Bashaagha. Gli Emirati Arabi Uniti e l'Egitto collaborano strettamente con la Libia e con il Generale Khalifa Haftar, capo dell'Esercito Nazionale Libico (Lna), che ha condotto un attacco a Tripoli negli ultimi due mesi. Durante la notte del 2 luglio scorso, due raid aerei hanno colpito il centro di detenzione di Tajoura (Dc), in cui si trovano rifugiati e migranti, nella periferia orientale di Tripoli. Almeno 53 migranti, tra cui sei bambini, sono rimasti uccisi e 130 feriti. Il Dc è stato apparentemente bombardato due volte, con un missile che ha colpito un garage non occupato e un altro che ha centrato un hangar che conteneva circa 120 rifugiati e migranti. La Libia è uno dei principali punti di partenza per i migranti africani che cercano di raggiungere l'Italia in barca, ma molti sono raccolti e riportati dalla guardia costiera libica, sostenuti dall'Unione europea. Circa 6.000 sono tenuti in centri di detenzione governativi, spesso in condizioni disumane secondo quanto affermano i gruppi per i diritti umani e le Nazioni Unite. Il centro di detenzione bombardato si trova vicino alla base militare di Dhaman, uno dei tanti a Tajoura, a est del centro di Tripoli, che è stato preso di mira da attacchi aerei per settimane. L'agenzia per i rifugiati dell'Unhcr aveva già invitato a maggio il centro di Tajoura, che ospita 600 persone, di essere evacuato dopo che un missile è atterrato a meno di 100 metri di distanza, ferendo almeno due migranti.


Fonte: CNN
Via: Reuters

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...