giovedì 14 novembre 2019

Venezia, devastazioni e vittime per alta marea: Cdm su emergenza

Numerosissimi danni e due morti. E' questo il bilancio della marea straordinaria che ha inondato calli, piazze, locali di Venezia. Sono 187 i cm d'acqua che hanno invaso la città lagunare alle 22.50 di martedì sera, ha spiegato il Centro Previsioni e
Segnalazioni Maree (Cpsm), quando l'acqua ha iniziato a defluire "con decisione". Un record negativo, con il dato più alto mai registrato dal 1966, quando arrivò a 190 cm. I danni nel centro storico della città sono consistenti, una sessantina le imbarcazioni danneggiate molto pesantemente, tra le quali alcuni vaporetti. A Ca' Pesaro si è verificato un incendio a causa di una cabina elettrica danneggiata. La situazione più critica, oltre a Venezia, a Pellestrina, dove due persone hanno perso la vita. "Nel Cdm di oggi adotteremo il decreto che dichiara lo stato di emergenza come richiesto dal presidente della regione Luca Zaia e questo ci consentirà di varare già le prime dotazioni finanziarie per quanto riguarda le spese di primo soccorso volte a ripristinare la funzionalità dei servizi", ha annunciato il premier Giuseppe Conte al termine di un vertice in prefettura. "Per quanto riguarda il ristoro dei danni - ha poi spiegato - ci sono due fasi: la prima consentirà di indennizzare privati ed esercenti commerciali fino ad un limite di 5mila euro per i privati e 20 mila per gli esercenti. Questi soldi potranno arrivare subito". Il Mose è "un'opera discussa. C'è un dibattito politico e ci sono polemiche che si trascinano da anni. Ma siamo in dirittura finale. Siamo al 93 per cento di realizzazione", dice il premier Conte a Venezia. "Sono stati spesi tantissimi fondi, con tante polemiche alle spalle, e scandali. Ma se valutiamo l'interesse pubblico e tutti gli elementi in gioco, non c'è che da prendere la decisione di completare il percorso, che ormai è obbligato". E poi: "Riuniremo il comitatone, non dobbiamo prendere in giro i cittadini dicendo che completeremo il Mose l'anno prossimo. Il Mose sarà verosimilmente completato nella primavera del 2021", ha aggiunto Conte dopo una serie di sopralluoghi in città, l'ultimo dei quali a Palazzo Ducale.


Fonte: AdnKronos
Via: RaiNews24

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...